Salute 5 Luglio 2021 12:19

Che cos’è il sangue raro, chi lo dona e dove viene conservato

La Banca del sangue raro della Lombardia conserva 2000 sacche e dopo aver fatto fronte alla maggiore richiesta durante la pandemia lavora per incrementare il numero di donatori anche non caucasici e per creare una banca nazionale in grado di competere con l’Europa

di Federica Bosco

Trovare il sangue giusto al momento giusto è la sfida che ogni giorno si compie alla Banca del sangue raro della Lombardia che ha sede presso il centro trasfusionale del Policlinico di Milano. Dal 2005 grazie ad un fondo di Regione Lombardia ha tipizzato più di 100 mila donatori e ha permesso di individuarne 15 mila rari e 1000 ultra-rari.

Identikit del donatore di sangue raro

Un lavoro complesso realizzato con piattaforme di biologia molecolare attraverso cui è possibile tipizzare per esteso ogni donatore per più di trenta antigeni tipicitari e piastrinici che permettono di classificare un sangue come raro. «Un donatore viene definito di gruppo raro quando il suo assetto antigenico viene riscontrato al massimo in 1 individuo ogni 1.000 soggetti esaminati – spiega Nicoletta Revelli, biologa, responsabile della Banca del sangue raro del Policlinico di Milano -. Sulla superficie dei globuli rossi si trovano gli antigeni che definiscono i diversi gruppi sanguigni. Grazie alla tipizzazione vengono individuati i donatori rari che hanno meno di 55 anni e un sangue raro che viene congelato se non utilizzato al momento».

2000 sacche di sangue raro congelate per 10 anni

«Ad oggi abbiamo 2000 sacche congelate a meno 80 gradi da conservare per 10 anni. Per casi estremamente gravi la scadenza può essere posticipata – puntualizza la dottoressa Revelli -. Oggi è importante reclutare donatori anche di origine non caucasica perché la società è diventata multietnica».

Per ogni paziente Covid necessarie più unità di sangue

Il Covid non ha rallentato il lavoro di reclutamento dei donatori di sangue raro che, anche durante la pandemia, hanno dato un aiuto prezioso. «Il sangue dei donatori è stato utilizzato tantissimo per i pazienti dell’ospedale allestito alla Fiera: ognuno necessitava di circa quattro unità di sangue, e quindi ci sono stati momenti difficili per la maggiore richiesta e per il reclutamento dei donatori rari che dovevano essere negativi al tampone rapido».

Un aiuto dalla biologia molecolare in attesa della sequenza genomica

Se ad oggi sono 370 gli antigeni eritrocitari individuati, raggruppati in 43 sistemi gruppi ematici (il più conosciuto è ABO con i fattori RH positivo e negativo, mentre altri meno noti sono MNS, P1PK, KEL, FY, JK, JR, LAN e VEL), il futuro sarà la sequenza genomica. «Siamo passati dalla sierologia alla biologia molecolare per arrivare alla sequenza. In questo modo ogni singolo paziente potrà essere tipizzato per l’intero genoma, questo è un grande passo».

Un network nazionale per competere con l’Europa

Creare un network tra i centri trasfusionali italiani per far diventare la Banca del sangue raro una realtà nazionale è il prossimo obiettivo a cui sta lavorando il team della dottoressa Revelli. «Questo ci aiuterebbe tantissimo perché oggi non sappiamo se ci sono donatori estremamente rari in altre regioni e a volte siamo costretti a ricorrere ai centri internazionali. In questo modo invece saremo in grado di avere una banca dati completa con tutti i donatori rari italiani».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Una TAC “in fondo al mare” per rasserenare i piccoli pazienti del Policlinico di Milano
Dono della Fondazione De Marchi, l’apparecchio di ultima generazione permette di eseguire esami di routine e biopsie guidate in un ambiente che riproduce i fondali marini con musiche rilassanti e l’ausilio di visori 3D
di Federica Bosco
BPER Banca eroga 100mila euro alle famiglie degli infermieri colpiti da Covid
La donazione alla FNOPI per sostenere la raccolta “Noi con gli infermieri”
Al Policlinico di Milano un trapianto domino di fegato salva due vite
L’intervento durato 18 ore ha coinvolto 40 professionisti ed è stato coordinato dal professor Rossi, direttore di Chirurgia Generale: «Lavoro eccezionale perché eseguito in un momento critico per la sanità. Nonostante l’emergenza Covid, tutto l’ospedale coinvolto nella lunga maratona per il doppio trapianto»
di Federica Bosco
Al via consulti ambulatoriali per contrastare i danni fisici e psicologici di chi ha vissuto il Covid-19
La Provincia Lombardo Veneta Fatebenefratelli offre consulti ambulatoriali per contrastare i danni fisici e psicologici di chi ha vissuto la malattia da Covid-19
Coronavirus: pazienti trapiantati rischiano l’infezione meno di chi aspetta un organo
I risultati dello studio preliminare su dati Cnt e Iss: l’incidenza del Covid-19 è 1,02% tra i trapiantati e 1,85% tra chi è ancora in lista d’attesa. Donazione organi in calo dopo la pandemia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al primo dicembre, sono 262.857.019 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.216.780 i decessi. Ad oggi, oltre 7,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano