Salute 13 Luglio 2020 14:38

Caregiver, fase cruciale per Ddl al Senato. Parente (Italia Viva): «Figura va inserita nei servizi sociali. Al lavoro per contributi figurativi»

Il 22 luglio scadono i termini per presentare emendamenti al Ddl 1461 sulla riforma del caregiver. Sull’indennità dibattito aperto ma intanto la senatrice Annamaria Parente annuncia: «Proporrò una indennità come compenso al fatto che con i centri chiusi le famiglie si sono trovate sole e abbandonate durante l’emergenza Covid-19»

Caregiver, fase cruciale per Ddl al Senato. Parente (Italia Viva): «Figura va inserita nei servizi sociali. Al lavoro per contributi figurativi»

Inserire la figura del caregiver nell’ambito dei Servizi sociali e garantire i contributi figurativi per chi assiste i propri cari. Sono questi i pilastri da cui bisogna partire per riformare questo settore secondo Anammaria Parente, Senatrice di Italia Viva e da sempre in prima linea sulle questioni riguardanti i servizi sociali. La senatrice è stata tra le ispiratrici dell’emendamento al Decreto Rilancio grazie al quale i servizi sociali sono stati qualificati come “servizi pubblici essenziali”, tali quindi da non poter essere mai interrotti, nemmeno in situazioni di emergenza come è stata la pandemia da Coronavirus.

«Le regioni – spiega Parente – devono fare i loro piani e intanto dobbiamo renderlo attuabile come tutte le leggi, però questa è una norma di grande valore per far sì che non succeda mai più che da un giorno all’altro le famiglie si trovino da sole con i centri chiusi. Quest’anno sono 20 anni dalla legge 328 del 2000, “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali” e dobbiamo rilanciare fortemente i servizi sociali».

Ma è sul Ddl 1461 “Disposizioni per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare” che si gioca la vera partita per il rilancio delle misure di sostegno familiari e di rilancio dei servizi sociali. L’esame del Ddl è in fase avanzato in Commissione Lavoro al Senato: entro il 22 luglio i senatori possono presentare proposte emendative.

Il Ddl 1461 apre ad una prima fase di normazione, finalizzata al riconoscimento e alla tutela del lavoro svolto dal caregiver familiare, che rappresenta «un valore sociale ed economico per il Paese». Cambia la definizione di caregiver (massimo un familiare per ogni assistito). Si precisa che l’attività di caregiver familiare è a titolo gratuito ma si prevede il riconoscimento al caregiver familiare della copertura a carico dello Stato, limitatamente a tre anni, dei contributi figurativi riferiti al periodo di lavoro di assistenza e cura effettivamente svolto, equiparati a quelli da lavoro domestico, che vanno a sommarsi ai contributi da lavoro eventualmente già versati.

Il caregiver familiare viene definito come «la persona che gratuitamente assiste e si prende cura in modo continuativo del coniuge, dell’altra parte dell’unione civile tra persone dello stesso sesso o del convivente di fatto ai sensi della legge 20 maggio 2016, n. 76, di un familiare o di un affine entro il secondo grado, ovvero, nei soli casi indicati dall’articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, di un familiare entro il terzo grado che, a causa di malattia, anche oncologica, infermità o disabilità, anche croniche o degenerative, non sia autosufficiente e in grado di prendersi cura di sé, sia riconosciuto invalido in quanto bisognoso di assistenza globale e continua di lunga durata ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, o sia titolare di indennità di accompagnamento ai sensi della legge 11 febbraio 1980, n. 18».

«Il testo base del Ddl è firmato da tutti i partiti, maggioranza e opposizione – spiega Parente -. A mio giudizio è necessario inserire la figura del caregiver nell’ambito dei servizi sociali. Dobbiamo cercare di fare in modo che le persone che si prendono cura dei loro cari possano anche avere una vita normale. In più io proporrò nell’iter legislativo che ci sia una indennità come compenso al fatto che hanno chiuso i centri con le famiglie che si sono trovate sole e abbandonate. Sappiamo che la maggior parte dei caregiver sono donne e quindi dobbiamo rendere possibile e conciliabile la vita lavorativa delle madri, delle sorelle e delle figlie che fanno i caregiver».

Sullo sfondo resta il dibattitto sulla necessità di garantire una indennità per i familiari che assistono i propri cari ma l’esiguità delle risorse a disposizione rendono questa ipotesi, da sempre sostenuta dalle associazioni dei pazienti, di difficile realizzazione.

«Sull’indennità il dibattito è aperto – conclude la senatrice Parente -. Noi parlamentari dobbiamo batterci per avere le risorse per esempio sulla copertura dei contributi figurativi perchè se molti hanno lasciato il lavoro si trovano senza neanche la pensione. Attualmente non abbiamo risorse sufficienti e quindi dobbiamo anche noi chiedere al governo di mettere al primo piano la questione dei contributi figurativi. Il principio cardine della legge è permettere a un caregiver anche di uscire due ore a e quindi mandare a casa l’assistente sociale per sostituirlo: meglio questo che dargli una indennità e costringere a fare assistenza h24 2. Nessun trasferimento monetario può bilanciare la necessitò di conciliare la grande attività di amore e di cura verso il familiare con la necessitò di avere una vita personale».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Italia Viva lancia il Piano Sanità 2030, Parente: «PNRR non basta, servono 30 miliardi per riformare SSN. Al primo punto la ricerca»
Il partito dell’ex premier Matteo Renzi ha lanciato una campagna di ascolto con operatori sanitari e associazioni e poi sottoporrà il piano alle altre forze politiche. E rilancia la Commissione d’inchiesta sulla gestione della pandemia. La presidente della Commissione Sanità: «Il medico di famiglia deve essere come un ‘primario del territorio’»
Caregiver, FISH e FAND incontrano ministra Erika Stefani: «Presto tavolo tecnico per sbloccare Ddl fermo in Senato»
«Occorre agire oltre che a livello economico, soprattutto a livello previdenziale ed assistenziale, in modo da garantire ai caregiver, di accedere ad un percorso pensionistico agevolato» sottolineano i presidenti Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano
Vaccini, Paola Boldrini (Pd): «Regioni devono rispettare piano nazionale, governo monitori»
«Il piano vaccinale prevede una sequenza di categorie a partire dalle persone con elevata fragilità (secondo l'articolo 3 comma 3 della legge 104/92) e loro caregiver» ricorda la vice presidente della Commissione Sanità
Dl Sostegni, Matrisciano (Comm. Lavoro): «Dal decreto 100 milioni a Fondo inclusione disabili. Ora legge sui caregiver»
La presidente della commissione Lavoro di palazzo Madama, Susy Matrisciano, chiede «percorsi di inclusione sociale e di inserimento lavorativo e progetti mirati, anche nella Pubblica amministrazione»
Piano vaccinale, Esposito (WAidid): «Criteri discriminatori per alcune categorie di pazienti estremamente vulnerabili»
Sollevati alcuni «dubbi interpretativi» che «aumentano differenze tra Regioni. Esclusi molti disabili gravi e i loro caregivers»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM