Salute 13 Luglio 2020 14:38

Caregiver, fase cruciale per Ddl al Senato. Parente (Italia Viva): «Figura va inserita nei servizi sociali. Al lavoro per contributi figurativi»

Il 22 luglio scadono i termini per presentare emendamenti al Ddl 1461 sulla riforma del caregiver. Sull’indennità dibattito aperto ma intanto la senatrice Annamaria Parente annuncia: «Proporrò una indennità come compenso al fatto che con i centri chiusi le famiglie si sono trovate sole e abbandonate durante l’emergenza Covid-19»

Caregiver, fase cruciale per Ddl al Senato. Parente (Italia Viva): «Figura va inserita nei servizi sociali. Al lavoro per contributi figurativi»

Inserire la figura del caregiver nell’ambito dei Servizi sociali e garantire i contributi figurativi per chi assiste i propri cari. Sono questi i pilastri da cui bisogna partire per riformare questo settore secondo Anammaria Parente, Senatrice di Italia Viva e da sempre in prima linea sulle questioni riguardanti i servizi sociali. La senatrice è stata tra le ispiratrici dell’emendamento al Decreto Rilancio grazie al quale i servizi sociali sono stati qualificati come “servizi pubblici essenziali”, tali quindi da non poter essere mai interrotti, nemmeno in situazioni di emergenza come è stata la pandemia da Coronavirus.

«Le regioni – spiega Parente – devono fare i loro piani e intanto dobbiamo renderlo attuabile come tutte le leggi, però questa è una norma di grande valore per far sì che non succeda mai più che da un giorno all’altro le famiglie si trovino da sole con i centri chiusi. Quest’anno sono 20 anni dalla legge 328 del 2000, “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali” e dobbiamo rilanciare fortemente i servizi sociali».

Ma è sul Ddl 1461 “Disposizioni per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare” che si gioca la vera partita per il rilancio delle misure di sostegno familiari e di rilancio dei servizi sociali. L’esame del Ddl è in fase avanzato in Commissione Lavoro al Senato: entro il 22 luglio i senatori possono presentare proposte emendative.

Il Ddl 1461 apre ad una prima fase di normazione, finalizzata al riconoscimento e alla tutela del lavoro svolto dal caregiver familiare, che rappresenta «un valore sociale ed economico per il Paese». Cambia la definizione di caregiver (massimo un familiare per ogni assistito). Si precisa che l’attività di caregiver familiare è a titolo gratuito ma si prevede il riconoscimento al caregiver familiare della copertura a carico dello Stato, limitatamente a tre anni, dei contributi figurativi riferiti al periodo di lavoro di assistenza e cura effettivamente svolto, equiparati a quelli da lavoro domestico, che vanno a sommarsi ai contributi da lavoro eventualmente già versati.

Il caregiver familiare viene definito come «la persona che gratuitamente assiste e si prende cura in modo continuativo del coniuge, dell’altra parte dell’unione civile tra persone dello stesso sesso o del convivente di fatto ai sensi della legge 20 maggio 2016, n. 76, di un familiare o di un affine entro il secondo grado, ovvero, nei soli casi indicati dall’articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, di un familiare entro il terzo grado che, a causa di malattia, anche oncologica, infermità o disabilità, anche croniche o degenerative, non sia autosufficiente e in grado di prendersi cura di sé, sia riconosciuto invalido in quanto bisognoso di assistenza globale e continua di lunga durata ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, o sia titolare di indennità di accompagnamento ai sensi della legge 11 febbraio 1980, n. 18».

«Il testo base del Ddl è firmato da tutti i partiti, maggioranza e opposizione – spiega Parente -. A mio giudizio è necessario inserire la figura del caregiver nell’ambito dei servizi sociali. Dobbiamo cercare di fare in modo che le persone che si prendono cura dei loro cari possano anche avere una vita normale. In più io proporrò nell’iter legislativo che ci sia una indennità come compenso al fatto che hanno chiuso i centri con le famiglie che si sono trovate sole e abbandonate. Sappiamo che la maggior parte dei caregiver sono donne e quindi dobbiamo rendere possibile e conciliabile la vita lavorativa delle madri, delle sorelle e delle figlie che fanno i caregiver».

Sullo sfondo resta il dibattitto sulla necessità di garantire una indennità per i familiari che assistono i propri cari ma l’esiguità delle risorse a disposizione rendono questa ipotesi, da sempre sostenuta dalle associazioni dei pazienti, di difficile realizzazione.

«Sull’indennità il dibattito è aperto – conclude la senatrice Parente -. Noi parlamentari dobbiamo batterci per avere le risorse per esempio sulla copertura dei contributi figurativi perchè se molti hanno lasciato il lavoro si trovano senza neanche la pensione. Attualmente non abbiamo risorse sufficienti e quindi dobbiamo anche noi chiedere al governo di mettere al primo piano la questione dei contributi figurativi. Il principio cardine della legge è permettere a un caregiver anche di uscire due ore a e quindi mandare a casa l’assistente sociale per sostituirlo: meglio questo che dargli una indennità e costringere a fare assistenza h24 2. Nessun trasferimento monetario può bilanciare la necessitò di conciliare la grande attività di amore e di cura verso il familiare con la necessitò di avere una vita personale».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
“Emergenza Covid e diritto al welfare”: il 10 marzo giornata di ascolto della associazioni organizzata dall’Ordine TSRM PSTRP di Roma
L'evento è in programma dalle 16 su piattaforma Gotowebinar. Tra gli ospiti dell’incontro Elena Patrizia Improta, Presidente Onlus Oltre Lo Sguardo e Giampiero Griffo, Coordinatore del Comitato tecnico-scientifico dell'Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità
Malattie rare, Binetti: «Da anni provvedimenti in attesa, a Speranza chiediamo ascolto su vaccini»
Sulle malattie rare il dibattito non avanza da inizio pandemia. La denuncia della senatrice Paola Binetti, presidente intergruppo parlamentare Malattie Rare: «Rinnovare Piano nazionale, approvare legge quadro e legge sui caregiver»
Giornata mondiale malattie rare, Bartoli (Omar): «Inserire malati rari nelle liste di priorità del piano vaccinale»
La direttrice di Omar, nell’intervista a Sanità Informazione, richiama l’attenzione anche sui caregiver: «Dove non si può proteggere il paziente bisogna tutelare le persone vicine e a stretto contatto»
Sla, sì unanime della Camera per tre mozioni a sostegno di pazienti e familiari
Ogni anno 2 mila nuove diagnosi di Sclerosi laterale amiotrofica. Governo impegnato a creare Registro nazionale e ad assicurare l'accesso permanente delle associazioni dei pazienti ai tavoli istituzionali. Soddisfatta la deputata della Lega Arianna Lazzarini, la prima a presentare una mozione sul tema: «Maggioranza ed esecutivo si sono impegnati, su questi temi non bisogna dividersi. Ora lotta a burocrazia»
Caregiver, il Fondo in legge di Bilancio non convince le associazioni: «Famiglie abbandonate»
In Legge di Bilancio previsti 30 milioni di euro all’anno fino al 2023 per il Fondo Caregiver, ma le associazioni sono scettiche. Chiarini (Confad): «Italia unico paese in Europa a non avere una legge». Iannelli (Aimac): «Fondo non sarà sufficiente nemmeno a coprire le esigenze delle famiglie con disabili gravi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...