Salute 21 Marzo 2019

Cannabis terapeutica, Lodi (neurologo): «È efficacie per alcune forme rare di epilessia»

Ambrosetto (neurologo): «I pazienti comprendano che non stanno fumando uno spinello ma assumendo un farmaco». Parlano gli esperti del Gruppo di ricerca sulla Cannabis Terapeutica istituito dalla Lega Italiana contro l’Epilessia

di Isabella Faggiano

«La Cannabis terapeutica è efficace contro l’epilessia, in particolare contro alcune forme rare come la sindrome di Dravet (associata a disturbi dello sviluppo neurologico, che insorge nel primo anno di vita nei lattanti, ndr) o la sindrome di LennoxGastaut (del gruppo delle encefalopatie epilettiche gravi dell’infanzia, ndr)». A dare la buona notizia è Monica Lodi, neurologa pediatrica del Centro Regionale Epilessia e Neurologia infantile dell’Ospedale Fatebenefratelli di Milano e coordinatore del Gruppo di studio sulla Cannabis terapeutica della Lice, la Lega italiana contro l’epilessia.

«In Italia, per il momento – ha spiegato Lodi – l’informazione è abbastanza superficiale ed, invece, sarebbe importante fornire indicazioni precise su prescrizione e utilizzo del prodotto. Finora, purtroppo, la distribuzione è stata lasciata nelle mani del fai-da-te che ha procurato non pochi problemi. Un utilizzo inappropriato della sostanza la rende assolutamente inefficace».

Proprio per migliorare la conoscenza sull’argomento Giovanni Ambrosetto, professore e neurologo dell’Alma Mater di Bologna, che ha dedicato gli ultimi 50 anni della sua vita a studiare gli effetti benefici della cannabis sulla salute, propone l’apertura di un portale web dedicato: «In Italia c’è disinformazione non solo su questo specifico impiego della cannabis, ma sulla marijuana in genere. Per questo – ha aggiunto – sarebbe meglio creare un sito specializzato sull’argomento che dia indicazioni precise sia ai medici, su prescrizioni e indicazioni terapeutiche, che ai pazienti, per fargli comprendere che quando utilizzano la cannabis terapeutica non stanno fumando uno spinello, ma stanno semplicemente assumendo un farmaco».

LEGGI ANCHE: CANNABIS, IL SENATORE M5S MATTEO MANTERO: «VI SPIEGO PERCHÈ LEGALIZZANDOLA TUTELIAMO LA SALUTE PUBBLICA»

Una decina di anni fa, infatti, il dibattito sulla cannabis utilizzata a scopi terapeutici era concentrato quasi esclusivamente sulle proprietà del tetraidrocannabinolo (THC), la sostanza psicoattiva che identifica la marjuana come stupefacente. Oggi le cose sono bene diverse: «Quando parliamo di cannabis terapeutica – ha sottolineato Lodi – ci riferiamo al cannabidiolo (CBD), sostanza non psicoattiva della cannabis. È questa ad aver mostrato la sua efficacia contro l’epilessia, in particolare contro alcune forme rare».

Prescrivere cannabis ad uso terapeutico, in Italia, è legale. In base a quanto indicato a dicembre 2013 dal ministero della Salute, le prescrizioni devono seguire i dettami della Legge “Di Bella” (Legge 94/98): il medico può prescrivere una preparazione magistrale galenica con una normale ricetta non ripetibile su ricettario privato, la cosiddetta ricetta bianca. Il costo del prodotto è, di conseguenza, a totale carico del paziente.

Una soluzione a cui ricorrono alcuni specialisti, un numero ben lontano dalla maggioranza. «I medici che attualmente utilizzano la cannabis terapeutica – ha specificato Ambrosetto – la prescrivono richiedendo dei preparati galenici in farmacia, indicando la precisa percentuale di cannabidiolo che deve essere contenuta. Ma si tratta di sostanze poco note. Solo alcuni addetti ai lavori, che conoscono perfettamente il problema marijuana anche come consumo ludico, sono in grado di utilizzare questi prodotti, che non hanno ancora la “veste” di un vero farmaco».

Una situazione intricata che, per anni, ha confuso soprattutto i pazienti, ma che potrebbe finalmente trovare maggiore chiarezza entro la fine del prossimo anno. Data in cui, con molta probabilità, verrà immesso sul mercato un medicinale specifico: «Tra pochi mesi – ha rassicurato Ambrosetto – sarà commercializzato anche in Italia un farmaco a base di cannabis terapeutica costituito – ha concluso – al 98% proprio da CBD, il cannabidiolo».

LEGGI ANCHE: ESTRATTI DI CANNABIS TERAPEUTICA, L’ITALIA È ALL’AVANGUARDIA. CAPPIELLO (ENECTA): «NECESSARIA MAGGIORE FORMAZIONE SU ULTIME NOVITA’ DELLA RICERCA»

Articoli correlati
Epilessia, causa di morte? Romeo (Fatebenefratelli Sacco): «No ad allarmismi, ma ecco cosa fare in caso di crisi»
Dopo le morti del Juice Wrld e dell'attore Cameron Boyce, il direttore del centro regionale di epilessia infantile del Fatebenefratelli Sacco di Milano fa chiarezza per evitare allarmismi: «Le crisi che durano poco non creano problemi. Ma attenzione a colori, suoni e calcoli matematici...»
di Federica Bosco
Cannabis light e cannabis terapeutica, a che punto siamo? L’esperta: «Medici poco formati e clienti non supportati»
«Manca regolamentazione specifica. Problemi con approvvigionamento e distribuzione. Spesso le farmacie che vendono questi prodotti ci vanno a perdere». Intervista alla neuroscienziata Viola Brugnatelli
Ragazzo deceduto nell’ora di ginnastica: la Lega Italiana contro l’Epilessia fa chiarezza
Dai primi riscontri, sembra che il ragazzo deceduto a Castelfranco Veneto, per cause ancora imprecisate, durante l’ora di ginnastica a scuola, soffrisse di epilessia. Ecco le precisazioni e raccomandazioni della Lega italiana contro l’epilessia
Epilessia, Gianrico Carofiglio: «Vi racconto come la malattia può trasformarsi in opportunità»
Lo scrittore nel suo romanzo “Le tre del mattino” racconta la storia di Antonio, un adolescente epilettico che, attraverso la sua malattia e, soprattutto, il suo percorso di guarigione, scopre il suo vero talento e ritrova l’amore paterno
di Isabella Faggiano
Alice nel Paese delle Meraviglie soffriva di emicrania, o di epilessia
La “Sindrome di Alice” è un disturbo neurologico che colpisce la percezione visiva: il proprio corpo si ingrandisce o si rimpicciolisce, le distanze vengono percepite in modo errato, il senso del tempo o della velocità può essere distorto. Sintomi che sono stati rintracciati in pazienti che soffrono di cefalee o di epilessia. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Raffaella Morreale Bubella, consigliere del Gruppo oculisti ambulatoriali liberi (Goal)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...