Mondo 25 Giugno 2018

Estratti di cannabis terapeutica, l’Italia è all’avanguardia. Cappiello (Enecta): «Necessaria maggiore formazione su ultime novità della ricerca»

L’azienda, con base a Bologna, esporta prodotti medicali in tutto il mondo. Il fondatore: «Tante evidenze scientifiche raccolte negli ultimi anni, ma la strada da fare per rendere pazienti e camici bianchi più informati è ancora lunga»

di Arnaldo Iodice - Inviato ad Atene (Grecia)

Il Balkannabis Expo è stato l’occasione per fare il punto, a livello internazionale, sullo stato dell’arte della ricerca e della medicina legata agli estratti terapeutici della cannabis. Tra i relatori – intervenuti da tutto il mondo – che si sono susseguiti nella tre giorni di Atene, e che hanno trattato l’argomento dai punti di vista medici e scientifici più diversi, ce n’era anche uno italiano. Si tratta di un giovane imprenditore, Marco Cappiello, fondatore (insieme a Jacopo Paolini) di Enecta. Enecta è un’azienda italo-olandese che produce e commercializza prodotti (oli, estratti, capsule e cristalli) derivati dalla lavorazione della cannabis che contengono alte concentrazioni di CBD, un fitocannabinoide non psicoattivo. «L’azienda – spiega ai nostri microfoni Cappiello – lavora per portare innovazione nella ricerca, nella produzione e negli utilizzi dei prodotti contenenti fitocannabinoidi, studiandone le applicazioni connesse all’uso medico per l’industria farmaceutica e per la nutraceutica».

Siamo al Balkannabis Expo di Atene, ma qui in Grecia c’è anche un po’ d’Italia. Tu sei il fondatore di un’azienda che si chiama Enecta. Di cosa si occupa?

«Enecta è un’azienda nata in Olanda e poi trasferitasi in Italia. Noi ci occupiamo dell’estrazione dei principi attivi della cannabis e della canapa. Si parla principalmente di fitocannabinoidi, tra i quali il più importante è il CBD [Cannabidiolo, nda]. Da questi ricaviamo prodotti che hanno utilità terapeutica».

Alla base di tutto ciò ci sono decenni di ricerca e risultati già acclarati. Nonostante questo, però, c’è molto scetticismo nei confronti di questo tipo di medicina sia da parte delle persone comuni, dei pazienti, ma anche da parte dei medici. Secondo te perché?

«Penso che una delle principali ragioni di questo scetticismo provenga principalmente da un tipo di utilizzo della pianta diverso da quello medico. Sappiamo tutti benissimo che la cannabis viene spesso associata principalmente al suo ruolo ricreativo. Noi, come azienda, ci occupiamo di altro, ovvero solo dell’aspetto terapeutico. La difficoltà sta nel riuscire ad informare sempre di più la comunità scientifica e medica sulle capacità curative di questa pianta. Come detto, ci sono tante ricerche in merito, ma la strada da fare per cercare di rendere pazienti e camici bianchi più informati sulle possibilità offerte dalla cannabis medica è ancora lunga. In particolare, è importante mettere in condizione i dottori e i professionisti sanitari di poterla consigliare ai propri pazienti con tranquillità, sapendo di star dando all’assistito un prodotto medicinale sicuro ed efficace».

In questa rassegna si è detto anche che, molto spesso, sono i pazienti a cercare informazioni e a chiedere al medico questo tipo di supporto. A volte, però, il professionista non conosce questo tipo di soluzione, magari perché appartenente ad un’epoca in cui le proprietà della cannabis terapeutica non venivano studiate. Potrebbe dunque essere una buona idea formarsi anche su questo argomento…

«È fondamentale per gli operatori sanitari aggiornarsi sugli ultimi traguardi, le ultime scoperte riguardo, ad esempio, il sistema endocannabinoide, oppure sull’interazione tra i vari cannabinoidi e le varie molecole presenti nella pianta. Penso ci sia bisogno, sia in Italia che in Europa, di qualche corso di aggiornamento in più per tutti gli operatori della sanità».

Articoli correlati
Cannabis terapeutica, Lodi (neurologo): «È efficacie per alcune forme rare di epilessia»
Ambrosetto (neurologo): «I pazienti comprendano che non stanno fumando uno spinello ma assumendo un farmaco». Parlano gli esperti del Gruppo di ricerca sulla Cannabis Terapeutica istituito dalla Lega Italiana contro l’Epilessia
di Isabella Faggiano
Cannabis, il senatore M5S Matteo Mantero: «Vi spiego perché legalizzandola tuteliamo la salute pubblica»
Il Ddl prevede la possibilità di coltivare fino a 3 piante femmine in casa propria o in forma associata e di detenere fino a 15 grammi di sostanza. «Lo scopo - sottolinea - è quello di consentire a quelle persone di utilizzare il prodotto più sicuro, perché ovviamente è molto più sicura la cannabis che io mi coltivo in casa piuttosto che quella che compro dalla spacciatore che può essere tagliata con sostanze nocive, inquinanti, o che aumentano l’effetto psicotropo»
Droghe, Italia al terzo posto in Europa per consumo. Cazzaniga (Tossicologo): «Primi approcci già da 13-14 anni. Gravi conseguenze per cervello, muscoli e pelle»
Secondo i dati dell’Osservatorio europeo di droghe e tossicodipendenze (EMCDDA) è la cannabis la principale sostanza stupefacente consumata in Italia e in Europa. La cocaina è stata assunta negli ultimi 12 mesi da 3,5 milioni di individui di cui 2,3 milioni sono giovani con meno di 34 anni. L’esperto: «Con droghe sintetiche rischio decadimento neurologico»
di Federica Bosco
Cannabis terapeutica, la proposta della Sirca: «Aumentare la produzione italiana». E il M5S accoglie l’appello
Il Presidente della Società Italiana Ricerca Cannabis Paolo Poli sottolinea: «Produciamo troppo poco rispetto al fabbisogno». Gruppo Cinque Stelle: «Garantire continuità terapeutica, l’accesso alle cure a base di cannabis sia garantito equamente su tutto il territorio nazionale»
Cannabis terapeutica, Ministro Grillo: «Sforzo per garantire disponibilità in ogni farmacia»
Visita a Firenze della titolare della Salute con il Sottosegretario Bartolazzi. Associazione pazienti denunciano difficoltà trovare sostanza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali