Mondo 25 Giugno 2018 16:11

Estratti di cannabis terapeutica, l’Italia è all’avanguardia. Cappiello (Enecta): «Necessaria maggiore formazione su ultime novità della ricerca»

L’azienda, con base a Bologna, esporta prodotti medicali in tutto il mondo. Il fondatore: «Tante evidenze scientifiche raccolte negli ultimi anni, ma la strada da fare per rendere pazienti e camici bianchi più informati è ancora lunga»

di Arnaldo Iodice - Inviato ad Atene (Grecia)

Il Balkannabis Expo è stato l’occasione per fare il punto, a livello internazionale, sullo stato dell’arte della ricerca e della medicina legata agli estratti terapeutici della cannabis. Tra i relatori – intervenuti da tutto il mondo – che si sono susseguiti nella tre giorni di Atene, e che hanno trattato l’argomento dai punti di vista medici e scientifici più diversi, ce n’era anche uno italiano. Si tratta di un giovane imprenditore, Marco Cappiello, fondatore (insieme a Jacopo Paolini) di Enecta. Enecta è un’azienda italo-olandese che produce e commercializza prodotti (oli, estratti, capsule e cristalli) derivati dalla lavorazione della cannabis che contengono alte concentrazioni di CBD, un fitocannabinoide non psicoattivo. «L’azienda – spiega ai nostri microfoni Cappiello – lavora per portare innovazione nella ricerca, nella produzione e negli utilizzi dei prodotti contenenti fitocannabinoidi, studiandone le applicazioni connesse all’uso medico per l’industria farmaceutica e per la nutraceutica».

Siamo al Balkannabis Expo di Atene, ma qui in Grecia c’è anche un po’ d’Italia. Tu sei il fondatore di un’azienda che si chiama Enecta. Di cosa si occupa?

«Enecta è un’azienda nata in Olanda e poi trasferitasi in Italia. Noi ci occupiamo dell’estrazione dei principi attivi della cannabis e della canapa. Si parla principalmente di fitocannabinoidi, tra i quali il più importante è il CBD [Cannabidiolo, nda]. Da questi ricaviamo prodotti che hanno utilità terapeutica».

Alla base di tutto ciò ci sono decenni di ricerca e risultati già acclarati. Nonostante questo, però, c’è molto scetticismo nei confronti di questo tipo di medicina sia da parte delle persone comuni, dei pazienti, ma anche da parte dei medici. Secondo te perché?

«Penso che una delle principali ragioni di questo scetticismo provenga principalmente da un tipo di utilizzo della pianta diverso da quello medico. Sappiamo tutti benissimo che la cannabis viene spesso associata principalmente al suo ruolo ricreativo. Noi, come azienda, ci occupiamo di altro, ovvero solo dell’aspetto terapeutico. La difficoltà sta nel riuscire ad informare sempre di più la comunità scientifica e medica sulle capacità curative di questa pianta. Come detto, ci sono tante ricerche in merito, ma la strada da fare per cercare di rendere pazienti e camici bianchi più informati sulle possibilità offerte dalla cannabis medica è ancora lunga. In particolare, è importante mettere in condizione i dottori e i professionisti sanitari di poterla consigliare ai propri pazienti con tranquillità, sapendo di star dando all’assistito un prodotto medicinale sicuro ed efficace».

In questa rassegna si è detto anche che, molto spesso, sono i pazienti a cercare informazioni e a chiedere al medico questo tipo di supporto. A volte, però, il professionista non conosce questo tipo di soluzione, magari perché appartenente ad un’epoca in cui le proprietà della cannabis terapeutica non venivano studiate. Potrebbe dunque essere una buona idea formarsi anche su questo argomento…

«È fondamentale per gli operatori sanitari aggiornarsi sugli ultimi traguardi, le ultime scoperte riguardo, ad esempio, il sistema endocannabinoide, oppure sull’interazione tra i vari cannabinoidi e le varie molecole presenti nella pianta. Penso ci sia bisogno, sia in Italia che in Europa, di qualche corso di aggiornamento in più per tutti gli operatori della sanità».

Articoli correlati
Cannabis, allarme adolescenti: a 13 anni già ne fanno uso, a rischio il cervello
Uno studio europeo rivela: Italia al primo posto per il consumo di marjuana tra i ragazzi con conseguenze che possono essere devastanti dal punto di vista neurologico. Maisano (psicologa e psicoterapeuta Fatebenefratelli Sacco): «La risonanza magnetica rivela aree cerebrali danneggiate che possono col tempo compromettere funzioni percettive e cognitive dell’individuo»
Cannabis, l’allarme dell’Omceo Roma: «È pandemia nei giovanissimi con effetti devastanti»
Aumenta il numero di giovani e giovanissimi che fanno uso di cannabis con effetti sulla salute mentale. Per contrastare questo fenomeno l'Omceo di Roma ha creato un Gruppo di lavoro dedicato alla prevenzione, valutazione e divulgazione delle conseguenze della cannabis
Cannabis, nessun referendum. Molinaro (Cnr), «Cambio norme non influisce su consumo abituale»
La Corte Costituzionae ha dichiarato inammissibile il referendum per depenalizzare la coltivazione della cannabis a uso personale. Sabrina Molinaro del Cnr esprime i suoi dubbi sugli effetti di norme più liberali sui consumatori abituali
Cannabis ed epilessia, LICE: «Affidarsi al medico specialista per definire corretta terapia»
«Molti medici – spiega la Presidente LICE Laura Tassi - privi delle corrette credenziali cliniche e scientifiche nel settore dell’Epilessia, inducono rischiosi tentativi terapeutici con sostanze che possono causare anche gravi conseguenze e riguardo le quali non esistono studi di efficacia e sicurezza»
Cure palliative e cannabis terapeutica, a che punto siamo?
Intervista a Walter Tirelli, antalgologo palliativista, responsabile dell'Ambulatorio Terapia del Dolore dell'Hospice Fondazione Sanità e Ricerca di Roma
di Vanessa Seffer
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...