Salute 8 Maggio 2020 12:21

Cancro al seno, i test genomici evitano chemioterapie inutili. Ma sono rimborsati solo da Lombardia e Alto Adige

Carlo Tondini (Direttore Oncologia Medica, Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo): «Nell’attuale crisi emergenziale, risparmiare una chemioterapia non essenziale con l’utilizzo dei test genomici protegge le pazienti affette da tumore al seno, più vulnerabili al rischio di Covid-19, e contribuisce al contenimento della pandemia»

Cancro al seno, i test genomici evitano chemioterapie inutili. Ma sono rimborsati solo da Lombardia e Alto Adige

Si stima che siano più di 50mila, in Italia, le donne che ogni anno vengono colpite dal cancro al seno. La maggior parte di queste, dopo l’intervento chirurgico per la rimozione del tumore, viene sottoposta alla chemioterapia per evitare il ritorno della malattia. Chemioterapia che, come si sa, spesso causa nausea, perdita di capelli, infertilità, stanchezza e un incremento del rischio di contrarre infezioni, soprattutto nel momento in cui tutto il mondo, ed in particolare gli ospedali, sono alle prese con l’epidemia di Covid-19.

Eppure, la ricerca ha dimostrato che solo una minoranza delle pazienti con un tumore al seno in stadio precoce e senza interessamento linfonodale trova sostanziale giovamento dalla chemioterapia. Al contrario, alla grande maggioranza delle pazienti tale trattamento e le relative tossicità possono essere risparmiate. Ma come individuare le pazienti che hanno più probabilità di trarre beneficio dalla chemio? I criteri normalmente seguiti nella pratica clinica per decidere un trattamento sono basati su fattori quali l’età o la grandezza del tumore; ma oggi la medicina di precisione e la genomica consentono di ottenere risposte molto più accurate.

L’analisi genomica dei tessuti tumorali consente infatti di caratterizzare al meglio il tumore e prevedere le sue probabilità di crescita e di risposta al trattamento. Eseguiti su un piccolo campione di tessuto prelevato durante l’intervento chirurgico, i test genomici in questione, tra cui OncotypeDX, Mammaprint, Endopredict, Prosigna ROR, sono da qualche tempo disponibili sul mercato e sono indicati, dalle maggiori società scientifiche oncologiche internazionali e nazionali, come test utili per ottimizzare la terapia precauzionale (terapia ormonale o chemioterapia) in pazienti selezionate con diagnosi di tumore al seno di tipo ormone-sensibile (HR+/HER2-).

«Risparmiare una chemioterapia non essenziale è sempre stato un obiettivo importante per un oncologo – commenta Carlo Tondini, Direttore Oncologia Medica dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo -. E questo ha un significato di particolare rilievo nell’attuale crisi emergenziale, poiché se è vero che tutta la popolazione è ugualmente esposta al rischio di Covid-19, è altrettanto vero che all’interno della popolazione generale vi sono persone più fragili e vulnerabili, tra cui i pazienti oncologici. In questa condizione, l’opportunità di risparmiare trattamenti chemioterapici non essenziali, con l’utilizzo dei test genomici, da un lato protegge le pazienti affette da tumore al seno dall’indebolimento indotto dalla chemioterapia, e dall’altro ne riduce la necessità di accesso ospedaliero, con migliore utilizzo delle risorse sanitarie e minor circolazione di pazienti e familiari negli ospedali, a maggior vantaggio del contenimento pandemico».

In particolare, il test Oncotype DX è supportato da una serie di studi clinici di validazione: «Tra i test genomici attualmente disponibili per le pazienti con tumore al seno – spiega Alberto Zambelli, Dirigente Medico Oncologia Medica dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo – è quello più estesamente studiato con studi clinici prospettici e risultati raccolti da oltre 100mila pazienti. Ciò fornisce un elevato livello di evidenza a sostegno della validità clinica del test. Ad oggi, il test è stato utilizzato da oltre un milione di pazienti in tutto il mondo per orientare le decisioni terapeutiche ed è stato incluso in tutte le più importanti Linee Guida sul tumore al seno». E uno studio condotto in Lombardia su 400 pazienti ha dimostrato che «1 paziente su 2 ottiene di risparmiare una chemioterapia potenzialmente inutile, con enormi vantaggi personali e conseguenti vantaggi economici per il sistema sanitario, dal momento che i costi diretti e indiretti del singolo programma di chemioterapia eccedono di quasi tre volte quelli del singolo test genomico», aggiunge Zambelli.

Ad oggi, tuttavia, solamente Lombardia e Alto Adige rimborsano questi test genomici, mentre nel resto d’Italia le pazienti possono accedere ai test solo pagando di tasca propria tra i 2mila ed i 3mila euro: «Ci chiediamo – specifica Tondini – se non sia giunta l’ora che l’Italia si muova rapidamente, e in modo omogeneo, per estendere l’accesso e la rimborsabilità di test genomici, per esempio inserendoli nei LEA, soprattutto in questa fase della persistenza per i prossimi mesi di questa pandemia. È innanzitutto una questione di equità e di buona politica sanitaria. Infatti questi test, se usati bene, si sono dimostrati sicuramente capaci di ottimizzare la cura del tumore al seno, risparmiare chemioterapie inutili, contenere i costi sanitari e infine potrebbero contribuire a mitigare il rischio pandemico di Covid-19», conclude.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Aumenta l’incidenza e la mortalità del tumore al colon-retto tra i giovani adulti, colpa di alcol e obesità
L'incidenza e la mortalità per tumore al colon-retto sono in aumento tra i giovani adulti di 25-49 anni. E' quanto emerge dai risultati, di uno studio, pubblicato sulla rivista Annals of Oncology, nel quale si prevedono i tassi di mortalità per tumore nell'Unione Europea (UE) e nel Regno Unito per il 2024. Ciononostante, la mortalità prevista per questo tipo di tumore risulta complessivamente in calo in tutta Europa
di V.A.
Con cerotto “smart” possibile monitoraggio delle dimensioni del tumore su smartphone
Un dispositivo adesivo indossabile, che si attacca alla pelle come un cerotto, può misurare costantemente le dimensioni di alcuni tumori e trasmettere le informazioni in modalità wireless a uno smartphone. Il dispositivo, sviluppato da Hsing-Wen Sung della National Tsing Hua University di Taiwan e colleghi, è stato descritto sulla rivista ACS Nano
Tumore al seno, l’Intelligenza artificiale può risparmiare alle donne terapie inutili
Grazie all'Intelligenza artificiale è possibile sapere in anticipo se una donna con tumore al seno beneficerà o meno di un trattamento. Un gruppo di ricercatori della Northwestern University, Usa, ha messo a punto un nuovo strumento che potrebbe evitare alle pazienti trattamenti chemioterapici non necessari. Lo studio è stato pubblicato su Nature Medicine
Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard
Una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, ha rilevato gravi disparita regionali in Italia nell'accesso e nell'organizzazione dell'oncologia di precisione
di V.A.
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.