Mondo 16 Dicembre 2019 09:00

Cancro al seno, grazie a nuovi farmaci si vive di più e meglio. Ma come coniugare disponibilità e sostenibilità?

Conte (Università Padova): «Necessario iniziare a cambiare il modo di produrre evidenza scientifica». Del Mastro (Università Genova): «Serve pianificazione delle spese dando priorità a farmaci che hanno grosso impatto ed evitando sprechi di risorse»

È partecipando ad importanti consessi internazionali come il San Antonio Breast Cancer Symposium che si tocca con mano il lavoro nascosto dietro ogni trial e ogni nuova scoperta. Ed è guardando i grafici, le curve e i numeri che vengono presentati che ci si rende conto quanto la ricerca stia andando avanti per migliorare la vita dei pazienti. In questo caso, delle donne con cancro al seno. «Se ad esempio parliamo di malattia metastatica, le pazienti hanno una prospettiva di vita molto più lunga rispetto al passato – sottolinea la professoressa Lucia Del Mastro, docente di Oncologia presso l’Università degli Studi di Genova e coordinatrice del Centro di Senologia dell’Ospedale Policlinico San Martino -. Ed alcuni dei nuovi farmaci hanno la caratteristica di essere particolarmente efficaci e di avere una tossicità più bassa rispetto alla classica chemioterapia, quindi anche la qualità di vita di queste pazienti tende a migliorare».

LEGGI ANCHE: CANCRO AL SENO, ECCO I TRE STUDI PIU’ SIGNIFICATIVI PRESENTATI AL SAN ANTONIO BREAST CANCER SYMPOSIUM

È evidente allora l’importanza di avere sempre più e più rapidamente molecole innovative. Auspicio che tuttavia si scontra con due problemi fondamentali: da una parte le tempistiche necessarie per portare avanti gli studi e completare l’iter di approvazione dei farmaci, dall’altra i costi elevati che i servizi sanitari devono sostenere.

«A mio avviso – commenta PierFranco Conte, professore di Oncologia presso l’università di Padova e direttore della struttura Oncologia 2 dell’Istituto Oncologico Veneto – è necessario iniziare a cambiare il modo di produrre evidenza scientifica. È indubitabile che necessitiamo di informazioni su numeri grandi di pazienti e sull’efficacia e tollerabilità a lungo termine, ma non appena i dati risultino molto promettenti, i farmaci innovativi andrebbero approvati rapidamente.  Al contempo, però, bisognerebbe obbligare l’industria farmaceutica e i clinici a produrre dati di sicurezza e di efficacia sui pazienti che verranno trattati nella pratica clinica e poi, magari dopo uno o due anni, eventualmente rivedere, alla luce di questi dati, le indicazioni registrative, il profilo di tollerabilità ed i costi».

Eccola la parola magica che rischia di compromettere l’intero processo. I costi elevati dei nuovi farmaci. Per affrontarli, secondo la professoressa Del Mastro «è necessaria una pianificazione delle spese dando ovviamente priorità ai farmaci che hanno un grosso impatto dal punto di vista clinico e cercando di evitare sprechi di risorse anche in campi della medicina diversi da quello farmaceutico, che in genere sono meno controllati rispetto alla spesa farmaceutica».

LEGGI ANCHE: CANCRO AL SENO, DAL TEXAS NUOVE SPERANZE PER PAZIENTI CON TUMORE METASTATICO HER2 POSITIVO

Un problema che in Europa è sentito e affrontato in modo diverso a seconda dei diversi sistemi di rimborso dei farmaci e, soprattutto, delle diverse capacità economiche degli Stati: «Se la European Medicines Agency è l’unica autorità a livello europeo autorizzata ad approvare un farmaco per uso clinico – aggiunge il professor Conte -, i 28 Paesi membri dell’Unione Europea sono estremamente differenti tra loro sotto questo punto di vista. A fronte di Stati ricchi che possono permettersi nuovi farmaci anche molto costosi, ci sono Stati che hanno problemi economici più rilevanti dove diventa difficile mettere immediatamente a disposizione dei propri pazienti questi farmaci».

In questo panorama, l’Italia si trova in una situazione intermedia. «Per fortuna – continua Conte – tra autorità regolatoria e industria farmaceutica, soprattutto se i dati clinici sono molto promettenti, si riesce quasi sempre a raggiungere un gentlemen’s agreement: l’autorità regolatoria italiana approva il farmaco in una prima fase, senza approvare e concordare un prezzo di rimborso. Dal canto suo l’industria farmaceutica mette a disposizione dei pazienti italiani il farmaco gratuitamente o a un prezzo simbolico. È quindi in questa fase in cui si discuterà e si cercherà di raggiungere un accordo sul prezzo – conclude – che si possono acquisire dati aggiuntivi sulla sicurezza del farmaco in una popolazione più ampia di pazienti trattati».

Articoli correlati
Tumore al seno, psico-oncologia offerta solo al17% delle pazienti
I risultati del progetto ForteMente confermano una scarsa attenzione alla sfera psicologica e suggeriscono nuovi percorsi da esplorare con la telemedicina. Europa Donna Italia e SIPO: «Potenziare i servizi»
di Federica Bosco
Scarsa aderenza terapeutica, Stazi (cardiologo): «L’11% degli anziani deve prendere ogni giorno anche più di dieci farmaci»
«Per le dislipidemie e l’ipertensione sono già in commercio farmaci che da soli raggiungono l’effetto desiderato senza importanti conseguenze collaterali. Da preferire – spiega a Sanità Informazione - la polipillola, in modo da ridurre il numero di compresse assunte»
Distribuzione dei farmaci, interrogazione del Pd a Speranza: «Pazienti fragili a rischio, perché non applicare norme Dl Rilancio?»
In una interrogazione a prima firma Vito De Filippo si segnala anche che l’accesso l'accesso con modalità Spid ai piani terapeutici Aifa web based ha complicato la vita dei pazienti cronici
Cancro al seno, dall’anticorpo monoclonale Trastuzumab deruxtecan speranza per le pazienti pretrattate
Il farmaco è stato recentemente approvato dall’EMA ed incluso nelle linee guida ESMO per il trattamento di pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo. E ora il prodotto di Daiichi Sankyo e Astrazeneca è raccomandato per la malattia metastatica HER2-positiva nei pazienti che hanno mostrato una progressione nonostante il trattamento con trastuzumab e T-DM1
Burnout personale sanitario, Nardone (psicoterapeuta): «Esistono strategie validate efficaci in tempi brevi. Ecco quali sono»
«È importante che il medico stressato emotivamente si procuri un bel quadernone e ogni giorno metta per iscritto, alla fine del turno di lavoro, tutte le sue sensazioni più negative» spiega lo psicoterapeuta Giorgio Nardone a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...