Salute 16 Dicembre 2019

Cancro al seno, grazie a nuovi farmaci si vive di più e meglio. Ma come coniugare disponibilità e sostenibilità?

Conte (Università Padova): «Necessario iniziare a cambiare il modo di produrre evidenza scientifica». Del Mastro (Università Genova): «Serve pianificazione delle spese dando priorità a farmaci che hanno grosso impatto ed evitando sprechi di risorse»

È partecipando ad importanti consessi internazionali come il San Antonio Breast Cancer Symposium che si tocca con mano il lavoro nascosto dietro ogni trial e ogni nuova scoperta. Ed è guardando i grafici, le curve e i numeri che vengono presentati che ci si rende conto quanto la ricerca stia andando avanti per migliorare la vita dei pazienti. In questo caso, delle donne con cancro al seno. «Se ad esempio parliamo di malattia metastatica, le pazienti hanno una prospettiva di vita molto più lunga rispetto al passato – sottolinea la professoressa Lucia Del Mastro, docente di Oncologia presso l’Università degli Studi di Genova e coordinatrice del Centro di Senologia dell’Ospedale Policlinico San Martino -. Ed alcuni dei nuovi farmaci hanno la caratteristica di essere particolarmente efficaci e di avere una tossicità più bassa rispetto alla classica chemioterapia, quindi anche la qualità di vita di queste pazienti tende a migliorare».

LEGGI ANCHE: CANCRO AL SENO, ECCO I TRE STUDI PIU’ SIGNIFICATIVI PRESENTATI AL SAN ANTONIO BREAST CANCER SYMPOSIUM

È evidente allora l’importanza di avere sempre più e più rapidamente molecole innovative. Auspicio che tuttavia si scontra con due problemi fondamentali: da una parte le tempistiche necessarie per portare avanti gli studi e completare l’iter di approvazione dei farmaci, dall’altra i costi elevati che i servizi sanitari devono sostenere.

«A mio avviso – commenta PierFranco Conte, professore di Oncologia presso l’università di Padova e direttore della struttura Oncologia 2 dell’Istituto Oncologico Veneto – è necessario iniziare a cambiare il modo di produrre evidenza scientifica. È indubitabile che necessitiamo di informazioni su numeri grandi di pazienti e sull’efficacia e tollerabilità a lungo termine, ma non appena i dati risultino molto promettenti, i farmaci innovativi andrebbero approvati rapidamente.  Al contempo, però, bisognerebbe obbligare l’industria farmaceutica e i clinici a produrre dati di sicurezza e di efficacia sui pazienti che verranno trattati nella pratica clinica e poi, magari dopo uno o due anni, eventualmente rivedere, alla luce di questi dati, le indicazioni registrative, il profilo di tollerabilità ed i costi».

Eccola la parola magica che rischia di compromettere l’intero processo. I costi elevati dei nuovi farmaci. Per affrontarli, secondo la professoressa Del Mastro «è necessaria una pianificazione delle spese dando ovviamente priorità ai farmaci che hanno un grosso impatto dal punto di vista clinico e cercando di evitare sprechi di risorse anche in campi della medicina diversi da quello farmaceutico, che in genere sono meno controllati rispetto alla spesa farmaceutica».

LEGGI ANCHE: CANCRO AL SENO, DAL TEXAS NUOVE SPERANZE PER PAZIENTI CON TUMORE METASTATICO HER2 POSITIVO

Un problema che in Europa è sentito e affrontato in modo diverso a seconda dei diversi sistemi di rimborso dei farmaci e, soprattutto, delle diverse capacità economiche degli Stati: «Se la European Medicines Agency è l’unica autorità a livello europeo autorizzata ad approvare un farmaco per uso clinico – aggiunge il professor Conte -, i 28 Paesi membri dell’Unione Europea sono estremamente differenti tra loro sotto questo punto di vista. A fronte di Stati ricchi che possono permettersi nuovi farmaci anche molto costosi, ci sono Stati che hanno problemi economici più rilevanti dove diventa difficile mettere immediatamente a disposizione dei propri pazienti questi farmaci».

In questo panorama, l’Italia si trova in una situazione intermedia. «Per fortuna – continua Conte – tra autorità regolatoria e industria farmaceutica, soprattutto se i dati clinici sono molto promettenti, si riesce quasi sempre a raggiungere un gentlemen’s agreement: l’autorità regolatoria italiana approva il farmaco in una prima fase, senza approvare e concordare un prezzo di rimborso. Dal canto suo l’industria farmaceutica mette a disposizione dei pazienti italiani il farmaco gratuitamente o a un prezzo simbolico. È quindi in questa fase in cui si discuterà e si cercherà di raggiungere un accordo sul prezzo – conclude – che si possono acquisire dati aggiuntivi sulla sicurezza del farmaco in una popolazione più ampia di pazienti trattati».

Articoli correlati
Parkinson, Servier e Oncodesign raggiungono primo traguardo nello sviluppo di potenziali farmaci
Servier, società farmaceutica internazionale indipendente, e Oncodesign, biofarmaceutica francese, annunciano il raggiungimento di un importante traguardo nella partnership strategica relativa alla ricerca e allo sviluppo di potenziali farmaci per il trattamento del morbo di Parkinson. «Nel marzo 2019 – spiega una nota -, Servier e Oncodesign hanno avviato una partnership di ricerca e sviluppo sugli […]
Giornata Internazionale Epilessia, colpite 50 milioni di persone nel mondo e 500mila in Italia
Il punto della Società Italiana di Neurologia. «I progressi scientifici recenti – ha dichiarato il Prof. Giancarlo Di Gennaro - hanno fatto registrare numerose scoperte nel campo della genetica e delle scienze di base, con significativi passi avanti nella comprensione dei meccanismi molecolari che generano le crisi epilettiche»
Abruzzo, la ricetta del governatore Marsilio: «Stop debiti e nuove assunzioni. Tagli? Fake news»
Il Presidente della Regione Abruzzo fa il punto a un anno dalla sua elezione: «Non spenderemo più soldi di quelli destinati all’Abruzzo. Sui farmaci, con la centrale unica di committenza abbiamo già risparmiato molti soldi». Sulle aggressioni: «È un imbarbarimento della nostra civiltà, giusto che ci sia allarme sociale»
Tumore al seno in giovani donne e maternità: binomio possibile? Lo studio dello IEO di Milano
Partito Positive, lo studio internazionale diretto dal dottor Fedro Peccatori, direttore dell’Unità di fertilità e Procreazione dello IEO, per permettere alle giovani donne con tumore alla mammella di sospendere la terapia ormonale, fare un figlio e riprenderla alla nascita del bambino, senza compromettere terapia e gravidanza
di Federica Bosco
Cancro al seno, ecco i tre studi più significativi presentati al San Antonio Breast Cancer Symposium
Riguardano il carcinoma mammario HER-2 positivo le novità più dirompenti presentate al simposio texano. La classifica degli abstract più interessanti secondo Lucia Del Mastro (Università di Genova), PierFranco Conte (Università di Padova) e Michelino De Laurentiis (Fondazione Pascale di Napoli)
di Giulia Cavalcanti, Inviata in Texas
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale

Al 23 febbraio 2020 sono 78.914 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 23.386 mentre i morti sono 2.467. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins ...