Salute 16 Maggio 2022 11:39

Cancro, per i pazienti la ricerca è ancora un tabù: meno del 5% partecipa agli studi clinici

L’arruolamento nei protocolli di ricerca consente maggiori chance terapeutiche. Gori (ROPI): «Fondamentale aumentare l’informazione per pazienti e professionisti»

Cancro, per i pazienti la ricerca è ancora un tabù: meno del 5% partecipa agli studi clinici

«Il cancro oggi non è più una condanna una morte, e questo grazie alla ricerca». È una frase che suona come un mantra, che chiunque nella vita si è trovato a leggere, a dire, a sentire. Ma è sull’ultima parola che vale la pena soffermarsi: la ricerca, che non è un concetto astratto ma si nutre e va avanti anche grazie alla collaborazione dei pazienti stessi, attraverso l’adesione agli studi clinici. Eppure, oggi in Italia sono meno di 5 su 100 i pazienti oncologici che accedono ai protocolli di ricerca, con un dato sovrapponibile a quello Stati Uniti d’America, dove circa il 3% dei pazienti oncologici adulti viene arruolato negli studi clinici.

Troppo pochi. Ed il dato scarso si traduce non solo in minori chance terapeutiche per i pazienti, ma anche in una minore quantità di linfa vitale per la ricerca, generando un circolo vizioso da cui è necessario uscire. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Stefania Gori, direttore del dipartimento oncologico dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria di Negrar (VR) e presidente di ROPI (Rete Oncologica Pazienti Italiani).

Da cosa dipende questa scarsa consapevolezza e adesione ai protocolli di ricerca?

«In Italia abbiamo ogni anno circa 376mila nuovi diagnosi di tumori maligni, esclusi i tumori cutanei e le riprese di malattia dopo diagnosi pregresse. Il basso dato di arruolamento nei trial clinici dipende da vari fattori: innanzitutto da quanta ricerca clinica viene svolta, quindi dal numero di studi clinici autorizzati e portati avanti nelle varie strutture oncologiche italiane, da quante risorse vengono destinate alla ricerca clinica oncologica e alle figure professionali in essa coinvolte, e ad un’informazione probabilmente non adeguata nei confronti dei pazienti. Ricordiamo che per il paziente oncologico partecipare ad uno studio clinico rappresenta un’opportunità terapeutica ulteriore, e di essere quindi trattato con dei farmaci non ancora disponibili dal SSN».

Nella ricerca sul cancro in cosa consiste la procedura di arruolamento negli studi clinici?

«Se all’interno della struttura oncologica presso cui è preso in carico il paziente è presente uno studio clinico e se il paziente risponde ai requisiti di inclusione in quello studio, viene proposto al paziente l’arruolamento, non prima di avere adeguatamente illustrato le opzioni terapeutiche che il protocollo di ricerca prevede, tenendo conto che la maggior parte degli studi condotti in Italia sono studi di fase 2 o fase 3. In questi ultimi si attua un confronto tra un farmaco nuovo e un trattamento standard. Il paziente arruolato negli studi randomizzati di fase 3 viene informato del fatto che in maniera casuale sarà assegnato o al braccio del trattamento standard (vale a dire il trattamento che avrebbe ricevuto nella pratica clinica) oppure al braccio del nuovo farmaco.

In alcuni studi i pazienti sanno in quale braccio sono stati collocati, in altri studi invece né i pazienti né i medici sperimentatori ne sono a conoscenza (il cosiddetto doppio cieco) per evitare qualsiasi influenza e condizionamento sulla valutazione dei risultati. Negli studi clinici di fase 3 i nuovi farmaci antitumorali vengono studiati per valutarne un’eventuale superiorità in termini di efficacia, oppure un’efficacia equivalente al trattamento standard ma una minore tossicità, il tutto a tutela del paziente. Inoltre, è chiaro che la maggior parte degli studi clinici sui nuovi farmaci riguardano le patologie oncologiche a maggior incidenza tra la popolazione».

Quali strategie occorrono per far crescere il dato di adesione e arruolamento alla ricerca sul cancro?

«La maggior parte dei pazienti, quando viene correttamente informata sull’opportunità di essere arruolato in uno studio clinico, si dimostra favorevole. È sicuramente importante quindi la modalità di comunicazione adottata dagli oncologi su questo aspetto, al tempo stesso sta aumentando la sensibilità e la consapevolezza rispetto ai benefici che possono essere offerti da questi nuovi trattamenti. Come ROPI (Rete Oncologica Pazienti Italiani) abbiamo intrapreso un percorso informativo nei confronti dei pazienti, dei cittadini e dei professionisti per aumentare la consapevolezza sul significato della ricerca in campo oncologico e dell’arruolamento nei protocolli di ricerca: i grandi progressi compiuti in Oncologia in ambito diagnostico e terapeutico sono stati la conseguenza diretta dell’applicazione della ricerca, tant’è vero che circa il 40% degli studi autorizzati ogni anno dall’AIFA sono studi in campo oncologico».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La ricerca scientifica dopo il Covid, Rasi (Consulcesi): «Frammentazione è il male, ora puntare sui ricercatori»
Nell’incontro a Palazzo Zuccari “Chi ricerca Trova” anche l’intervento della ministra dell’Università Maria Cristina Messa: «Con il Covid abbiamo visto che il passaggio dalla ricerca all'applicazione su larga scala è possibile in tempi stretti». Per Parente (Com.. Sanità del Senato) «occorre un piano industriale e attivare una vera sinergia tra pubblico e privato»
di Francesco Torre
La sessualità dopo il cancro si può, via all’iniziativa «Ballata Sensuale»
Abbattere i tabù sulla sessualità e il cancro. Questo è l’obiettivo dell’evento pop-up «Sexandthecancer– Ballata Sensuale», una tre giorni dedicata alla divulgazione scientifica attraverso l'arte
di Redazione
Riforma IRCCS: così cambia la ricerca sanitaria. Ma ancora lontana la stabilizzazione dei precari
Alla Camera il primo via libera in commissione Affari sociali, ora la legge delega è attesa in Aula. Per il riconoscimento degli IRCCS sarà data priorità al criterio di localizzazione territoriale. Sarà garantita la comprovata competenza e professionalità anche manageriale dei componenti degli organismi governo degli IRCCS pubblici e degli organi scientifici degli IRCCS privati
di Francesco Torre
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
“La forza e il sorriso”, in Parlamento sostegno bipartisan per la pdl che promuove il benessere delle pazienti oncologiche
Alla Camera presentato l’intergruppo parlamentare “La forza e il sorriso” promosso dalla deputata Benedetta Fiorini. Obiettivo della proposta di legge rendere più accessibile l’acquisto di prodotti cosmetici per l’igiene, la protezione e il benessere personale
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali