Salute 19 Novembre 2021 16:53

Giorni della ricerca, Mattarella e Speranza: «Priorità è sconfiggere il cancro»

Il presidente Mattarella e il ministro Speranza ai “Giorni della Ricerca” di AIRC. Lotta contro il cancro priorità per recuperare diagnosi e cure perse in pandemia: nei primi 5 mesi dell’anno 55% di screening in meno per carcinoma mammario

Giorni della ricerca, Mattarella e Speranza: «Priorità è sconfiggere il cancro»

Contro Sars-CoV-2 «abbiamo eretto un argine, siamo riusciti ad imboccare la strada della ripartenza, grazie alla scienza che ci ha fornito gli strumenti per proteggerci e per riconquistare spazi di libertà, a cui eravamo stati costretti per qualche tempo a rinunciare. Siamo riusciti a registrare una ripresa economica incoraggiante». Parole di speranza quelle del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della celebrazione al Quirinale de “I Giorni della Ricerca”, iniziativa promossa dall’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc).

Il successo dei vaccini

«I vaccini – ha ribadito il Capo dello Stato – sono stati la nostra maggiore difesa, hanno salvato migliaia e migliaia di vite, hanno ridotto le sofferenze, hanno consentito le riaperture. Sono stati realizzati e prodotti in un tempo così breve e in quantità così grandi come mai era accaduto nella storia. Anche questo è in larga misura merito della ricerca». Mattarella ha poi chiesto di mettere a disposizione i vaccini in misura equa nei paesi in cui sono insufficienti. «Farlo è anche interesse concreto di tutti per debellare completamente il virus, evitando che in un mondo sempre più strettamente connesso si riproponga con pericolose varianti» ha aggiunto.

Cancro e pandemia

Il Presidente ha voluto ricordare una delle più pesanti conseguenze della pandemia: quella avuta nella lotta contro il cancro. «Ne sono risultate rallentate le misure di prevenzione, diradati i programmi di screening, rinviate molte visite diagnostiche, in qualche caso rinviate persino alcune cure. Tutto questo ha fatto salire la soglia di rischio per i tumori, che negli anni si era riusciti ad abbassare in maniera importante».

«Mentre prosegue l’azione di contrasto al Covid – ha aggiunto il Capo dello Stato – si pongono dunque temi nuovi ed urgenti, di organizzazione della sanità e di assistenza nel Paese. Le visite e le terapie oncologiche devono riprendere ovunque e trovare spazio nei luoghi deputati; le campagne di prevenzione dei tumori devono poter recuperare il terreno perduto e riprendere a buon ritmo».

«Sconfiggere il cancro, un obiettivo che 50 anni fa appariva come un sogno: insieme, invece, sono stati compiuti passi avanti, e chissà se i fondatori dell’Airc, pur nella loro grande lungimiranza, immaginassero così grandi progressi in pochi decenni. Oggi sappiamo che battere il cancro è possibile, è un traguardo cui si può e si deve tendere, non è ancora a portata di mano, ma in molti ambiti la percentuale dei guariti è salita costantemente, le diagnosi sono più rapide e questo consente di per sé una maggiore efficacia delle cure», ha concluso.

Speranza: «In Legge di Bilancio mezzo miliardo di euro per recupero visite, screening e interventi»

Presente alla celebrazione dei “Giorni della ricerca” anche il ministro della Salute Roberto Speranza. «Il cancro – ha evidenziato – nonostante tutti i progressi della scienza, rappresenta ancora la seconda causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e il Governo considera la lotta una assoluta priorità di intervento, da affrontare con il grande impegno della nostra comunità scientifica e del sistema sanitario nazionale, e con la fattiva sinergia delle organizzazioni non governative che danno un contributo importante alla ricerca, ma anche a supporto dei nostri pazienti».

In Italia ogni anno vengono diagnosticati 350mila casi di tumore e solo nei primi cinque mesi dell’anno l’attività di screening per il carcinoma mammario è diminuita del 55%. «Nella legge di Bilancio – ha aggiunto Speranza – ora in discussione in Parlamento abbiamo stanziato mezzo miliardo di euro proprio per il recupero di visite, screening e interventi chirurgici rinviati nei mesi più difficili. Un altro mezzo miliardo era stato finanziato per il 2020 e la mia convinzione è che dobbiamo ancora insistere su questo terreno».

Su cosa puntare

«Ritengo rilevanti gli avanzamenti in tema di terapie basate sulle cellule Car-T, attualmente una delle più promettenti terapie a nostra disposizione, che ha permesso di salvare pazienti anche pediatrici affetti da leucemie e linfomi che non avevano alcuna prospettiva terapeutica. Mali che sembravano incurabili stanno invece diventando curabili. Al 15 novembre 2021 sono stati effettuati in Italia circa 300 trattamenti di Car-T», ha ricordato Speranza.

In conclusione ha ribadito che la ricerca sui farmaci più innovativi è una priorità del Ministero della Salute. «Ci impegneremo con il supporto dell’Agenzia italiana del farmaco per rendere le tante istituzioni sanitarie di eccellenza del nostro Paese ancora più capaci di attivare competitivamente gli studi clinici più avanzati. Il cancro farà sempre meno paura».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Tre anni da Ministro della Salute, il bilancio di Roberto Speranza
Dal PNRR alla formazione continua, dalle esigenze del personale sanitario alla riforma del Numero chiuso. Alla vigilia delle elezioni, il quadro generale del Ministro uscente
Medici stranieri assunti «in deroga», Anelli (Fnomceo) perplesso scrive a Mattarella
Il presidente di Fnomceo Anelli scrive una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per sollecitare l'attenzione sulla normativa che permette l'impiego di medici extracomunitari in deroga al normale iter di riconoscimento dei titoli e all'obbligo di iscrizione all'ordine
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
di Francesco Torre
Quarta dose: vicini a estensione per over 60 e sanitari, il pressing dell’EMA
L'Agenzia europea per i medicinali consiglia di vaccinare con il secondo booster gli over 60. Il ministro Speranza aspetta le raccomandazioni ufficiali, mentre gli scienziati invitano ad agire subito
Lavoro Usurante, apprezzamento AAROI-EMAC per le parole del Ministro Speranza
L'AAROI-EMAC (Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica) accoglie positivamente le parole di Speranza «sulla richiesta inviata al Ministro del Lavoro Andrea Orlando di estendere le tutele e le agevolazioni previdenziali previste per i lavori usuranti ai professionisti sanitari che svolgono la loro attività nei servizi di emergenza-urgenza e nei pronto soccorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi