Politica 24 Agosto 2021 09:43

Speranza al Meeting di Rimini: «Sui vaccini no a diseguaglianze tra Paesi. Ora investire sul personale sanitario»

Il ministro della Salute: «Se non aiuteremo tutti i Paesi del mondo a vaccinarsi, molto presto ci arriveranno altre varianti. Serve una rete internazionale capace di assumere decisioni e di detenere una sovranità superiore a quella delle nazioni in tema di sanità»

Speranza al Meeting di Rimini: «Sui vaccini no a diseguaglianze tra Paesi. Ora investire sul personale sanitario»

«Se c’è una cosa su cui bisogna mettere davvero le risorse è il Servizio sanitario nazionale. Servono risorse, è inutile girarci intorno, perché se non investiamo sarà difficile rispettare i principi che sono sulla Carta Costituzionale. Non dobbiamo sprecare questa crisi». Parola del ministro della Salute Roberto Speranza che al Meeting di Rimini, intervenendo nel talk condotto dal presidente della Fondazione per la Sussidiarietà Giorgio Vittadini dal titolo “Nuovi sistemi sanitari nel mondo”, ha voluto sottolineare quanto sia importante non sprecare la lezione imparata dall’emergenza pandemica.

Filo conduttore dell’incontro l’importanza di un sistema sanitario universale che si prenda cura di tutte le persone senza distinzioni di ceto, ma anche la necessità di tornare ad investire sul personale dopo anni di tagli e blocco del turn over.

Speranza al Meeting di Rimini e l’importanza del modello universalistico

«Dobbiamo difendere il nostro modello di sistema sanitario universale – ha ribadito Speranza -. L’articolo 32 della Costituzione in poche parole luminose indica la strada che dobbiamo seguire. Nella Carta costituzionale le parole “diritto” e “fondamentale” riferite alla salute sono scritte non a caso una accanto all’altra. I padri costituenti scelsero l’espressione “diritto dell’individuo”: la parola individuo fu scelta perché è la parola più inclusiva possibile. Universalità significa che non conta dove sei nato, il colore della tua pelle o la tua condizione economica, ma che sarai curato. Ogni giorno dobbiamo lavorare per rendere questo principio più vicino alla realtà».

Speranza ha così ricordato come sia fondamentale la partita delle risorse per continuare ad offrire un servizio sanitario universale: «Quando sono diventato ministro, nel settembre 2019, ho trovato una legge di Bilancio con solo un miliardo in più per il SSN rispetto all’anno precedente. Durante la prima legge di Bilancio arrivammo a metterne due di miliardi. Nel 2020 di miliardi in più ne abbiamo messi dieci: sei a regime per sempre, e quattro di spese straordinarie. Ora abbiamo il PNRR con 20 miliardi da investire. In due anni abbiamo ricominciato ad investire sul servizio sanitario nazionale. Per troppi anni sono stati i bilanci a decidere quanto diritto alla salute si poteva tutelare, non deve più accadere».

La cooperazione internazionale in tema di salute

«Le politiche per la salute non possono essere considerate un fatto locale, territoriale o nazionale, per questo c’è bisogno di una rete internazionale capace di assumere decisioni e di detenere una sovranità superiore a quella delle nazioni». Speranza, nel corso dell’incontro, ha lanciato l’idea di un rafforzamento della cooperazione internazionale in tema di salute: una necessità nata con l’emergenza Covid, dove è stato evidente a tutti che «nessuno si salva da solo».

«Occorre una maggiore capacità di costruire sistemi di rete internazionali – ha spiegato Speranza -. Sui vaccini non si può consumare una terrificante diseguaglianza. È sbagliato sul piano etico, ma è sciocco sul piano dei nostri interessi. Se non aiuteremo tutti i paesi del mondo a vaccinarsi, arriveranno nuove varianti con cui dovremo fare i conti. Quindi dobbiamo imparare a lavorare meglio e insieme. Dobbiamo rendere più forte l’OMS. C’è bisogno di mettere a sistema le nostre intelligenze».

Rafforzare il personale sanitario

Il titolare di Lungotevere Ripa ha voluto dedicare un lungo passaggio del suo intervento agli «uomini e alle donne» del sistema sanitario, un tributo che è stato seguito da un caloroso applauso della platea della Fiera di Rimini. «Voglio ringraziarli. Un nuovo investimento non può che partire da donne e uomini che lavorano nel SSN».

Poi ha spiegato cosa bisogna cambiare anche su questo fronte: «Ad un certo punto della vicenda Covid nel Paese da un lato si è sviluppata la retorica degli eroi. Dall’altro lato è stata vigente una norma che ha congelato la spesa che le Asl e le regioni potevano fare a quella del 2004 meno l’1,4%. Una norma vigente per 15 anni che ha rappresentato una vera e propria camicia di forza. Nei giorni più drammatici abbiamo comprato mascherine, respiratori, camici, ecc. Ma un medico o lo hai formato o non ce l’hai. Serve un investimento di lungo periodo».

Speranza ha così ricordato che quest’anno le borse di specializzazione in Medicina saranno oltre 17mila, mentre nel 2017-2018 si finanziavano circa 5-6mila borse.

Gli interventi di Ricciardi e Chandra

Insieme al titolare della Salute sono intervenuti Walter Ricciardi, presidente della Federazione mondiale delle associazioni di sanità pubblica, e Amitabh Chandra, professore di politica sociale presso la John F. Kennedy School of Government dell’Università di Harvard.

Ricciardi, che è tornato a chiedere la sospensione dei brevetti sui vaccini Covid, ha ricordato che «non esiste un sistema sanitario sovrapponibile all’altro» e che questi «si possono suddividere in tre categorie: la prima è quella in cui i cittadini devono pagare di tasca propria i servizi sanitari. Il secondo tipo è il modello assicurativo sociale con l’obbligo per i cittadini di stipulare un’assicurazione. Se i cittadini sono poveri lo Stato interviene. In alcuni paesi come Italia, Svezia e Danimarca esiste un servizio sanitario nazionale: nessuna distinzione di ceto prima di avere un trattamento sanitario».

Secondo Ricciardi «ci sono investimenti in cui siamo indietro: le condizioni di lavoro e le retribuzioni del personale sanitario. Il passato ci dice che siamo stati imprudenti e imprevidenti: l’investimento in sanità deve essere senza se e senza ma e su questo punto non ci siamo in Ue e in Italia. Spediamo poco per le risorse umane del SSN e per le tecnologie».

Per il professor Chandra la «copertura universale è importante, ma è importante rispondere alla domanda ‘come possiamo ridurre la sofferenza umana?’. Vogliamo vivere in un mondo in cui persone affette da diabete possano accedere all’insulina, però l’ideale sarebbe avere una cura definitiva per chi soffre di diabete. Dobbiamo quindi investire di più nella ricerca».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’affondo di Villani (SIP): «Vaccino contro il morbillo reso obbligatorio con 8 morti al giorno»
Ricciardi al webinar Altems dedicato al ritorno in classe: «Sono preoccupato. I casi di Covid-19 tra i bambini sono molti, e alcuni finiscono in terapia intensiva. Nelle scuole non ci siano adulti non vaccinati»
Cure domiciliari, raggiunta intesa tra Stato e Regioni. Speranza: «Ora servizi avanzati e omogenei in tutto il Paese»
Entro 12 mesi le Regioni e le Province autonome dovranno attivare il sistema di autorizzazione e di accreditamento delle organizzazioni pubbliche e private per l’erogazione di cure domiciliari
La FNO TSRM PSTRP presenta la Costituzione Etica. Speranza: «Contributo alla creazione di un orizzonte comune»
I 48 articoli del testo creano una base valoriale comune per le 19 professioni sanitarie afferenti alla FNO TSRM PSTRP. Il Ministro della Salute annuncia: «La Consulta delle professioni sanitarie avrà un ruolo nella definizione della sanità del futuro». Da Persona a Privacy, ecco il decalogo
Conferenza sulla Salute Mentale, Speranza: «Pronti ad investire. Stop alla contenzione meccanica dei pazienti psichiatrici»
Presentato il Documento del tavolo tecnico che analizza lo stato di attuazione del “Piano di Azioni Nazionale per la Salute Mentale” ad otto anni dalla sua approvazione
di Isabella Faggiano
I cantieri per la sanità del futuro, ecco i 5 pilastri su cui fondare il cambiamento
Valerii (Censis): «Collaborazione pubblico-privato, centralità del fattore umano, medicina di prossimità, diffusione del digitale, risorse economiche adeguate». Il report Censis-Janssen offre un contributo concreto per una sanità post-Covid, in risposta alle reali esigenze di cittadini e operatori sanitari
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...