Salute 13 Settembre 2021 17:45

Cancro e sessualità, un progetto per rompere i tabù attraverso scienza e arte

Sex and the cancer nasce per promuovere consapevolezza intorno a un problema di cui troppo poco si parla: i disturbi della sfera sessuale a seguito delle terapie oncologiche

Cancro e sessualità, un progetto per rompere i tabù attraverso scienza e arte

«Dopo le cure per il tumore al seno che mi ha colpita qualche anno fa mi sono accorta di una serie di difficoltà che riguardavano la mia sfera sessuale. Solo successivamente ho capito che si tratta di un problema estremamente diffuso, il punto è che non se ne parla». Sono le parole di Amalia Vetromile, fondatrice del movimento Sex and the Cancer che, partendo dalla sua esperienza vissuta in prima persona, si prefigge l’obiettivo di scardinare il tabù dei disturbi di natura intima e sessuale cui vanno incontro moltissime pazienti oncologiche, attraverso una maggiore consapevolezza rispetto al problema e a una giusta formazione in merito del personale sanitario.

I numeri

Solo in Italia, le persone che vivono dopo una diagnosi di tumore sono circa 3,6 milioni, più di 1,9 milioni sono donne, cioè il 6% della intera popolazione femminile italiana. Il tumore della mammella è la patologia a più alta prevalenza nel sesso femminile, quasi la metà (43%) di tutte le donne che vivono dopo una diagnosi di tumore. Circa il 65% di queste hanno meno di 74 anni e quindi sono donne con sessualità attiva. In un sondaggio su quasi 400 sopravvissuti al cancro, l’87% ha affermato di aver sperimentato effetti collaterali sessuali, ma la maggior parte ha anche riportato che il proprio oncologo non aveva formalmente chiesto informazioni su di loro, soprattutto alle pazienti di sesso femminile.

I disturbi di natura sessuale derivanti dalle terapie oncologiche

«Le terapie ormonali e la radioterapia necessarie a combattere i tumori provocano una serie di disturbi quali ricorrenti infezioni vaginali e urinarie, irritazione, prurito, urgenza urinaria, minzione dolorosa, scarsa lubrificazione, vaginite, atrofia vaginale, stenosi vaginale e dolore alla penetrazione e calo della libido – spiega la fondatrice del movimento -. Se è vero che su tutta una serie di effetti indesiderati conseguenti alle terapie oncologiche viene fatta un’accurata comunicazione, lo stesso non si può dire per tutti quelli che impattano sulla sfera intima. Il nostro obiettivo è favorire la nascita di una nuova consapevolezza nelle donne, che dia loro il coraggio di uscire dal silenzio della vergogna, che porti i medici ad affrontare l’argomento con le pazienti e le Istituzioni a prevedere le terapie disponibili per il trattamento della sindrome urogenitale, quale effetto collaterale delle terapie oncologiche, nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) secondo un principio di equità di accesso su tutto il territorio nazionale».

Il convegno Sex and the Cancer

Proprio per accendere maggiormente i riflettori su quest’esigenza, si terrà il 15 settembre all’Auditorium Maxxi di Roma il 2° convegno «Sex and the cancer – Quello che le donne non dicono» in programma dalle 9:30 alle 18:30. Un’intera giornata dedicata alla formazione di medici e operatori sanitari, prime ‘sentinelle’ per intercettare queste problematiche, alla presenza dei maggiori esperti in materia e di numerose istituzioni e società scientifiche.

Scienza e arte contro il tabù

Inoltre, in collaborazione con la Fondazione Alinari per la Fotografia e con il contributo artistico dei Maestri Beppe Vessicchio, Giulia Libertini (violoncello) e Michele Mucci (mandolino); della drammaturga e regista Maria Letizia Compatangelo e di altri artisti, Sex and the Cancer presenta “Ballata Sensuale” al 2° convegno scientifico di Roma: una video mostra fotografica per sdoganare il tema delle problematiche sessuali legate alle terapie oncologiche. Dal Ratto di Proserpina di Gian Lorenzo Bernini a La Nike di Samotracia, archivio Fratelli Alinari, le quattro stanze della ballata ripercorrono il vissuto di una donna che scopre di avere il cancro, narrate attraverso il mito di Kore/Persefone e si sviluppa tramite narrazioni che si collegano ad antichi riti iniziatici femminili, e che possono ispirare anche oggi lo sviluppo dell’identità delle donne.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rai e Airc insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
Dal 6 al 13 novembre, per otto giorni, Rai e Airc uniscono le forze nella campagna I Giorni della Ricerca. L'obiettivo è di lavorare insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
I prodotti per stirare i capelli raddoppiano il rischio di cancro all’utero
Uno studio americano ha scoperto che le donne che utilizzano i prodotti per stirare i capelli hanno l'80% del rischio in più di sviluppare il cancro all'utero
Chirurgia intima: ringiovanimento vaginale e labioplastica tra gli interventi più desiderati
Torna, per il nono anno consecutivo, dal 26 settembre al 1° ottobre 2022, l’appuntamento con la Settimana del Benessere Sessuale (SBS): incontri e consulenze, offerte dagli specialisti in tutta Italia, in tema di sessualità, educazione sessuale e affettività. L’indagine della FISS sulla chirurgia estetica dei genitali: «Chi ha ceduto alla tentazione del bisturi l’ha fatto per colmare un senso di insoddisfazione e per migliorare la relazione sessuale con il partner»
I bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro
Uno studio pubblicato sulla rivista Plos Medicine mostra che i bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro dei bambini concepiti naturalmente
Che cos’è il micropene, la condizione di cui si parla in Skam 5?
Nella quinta stagione di Skam Elia Santini, il personaggio interpretato Francesco Centorame, soffre di ipoplasia peniena, il disturbo del micropene che metterà a dura prova la sua vita sessuale. Lo specialista dell'Università Tor Vergata, Salvatore Sansalone, ci spiega di cosa si tratta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa