Salute 7 Marzo 2017 11:50

Assistenza domiciliare, sistema da reinventare. Il Presidente Osa: «I nostri ambulatori mobili in periferia»

Il progetto della Cooperativa, che ha tra i partner l’Ospedale Bambino Gesù e il Vaticano, continua a portare anche nelle periferie supporto medico. Milanese: «In Olanda il 18% over 65enni assistiti a domicilio, in Italia il 2%. Serve regolamentazione e maggiore formazione per operatori»

Un camper che va in giro per dare assistenza ai bambini e agli anziani più bisognosi di aiuto. Un progetto, quello della Cooperativa Osa (Operatori Sanitari Associati), che coinvolge diverse tipologie di professionisti: medici, infermieri, assistenti sociali. Una squadra prende in carico il paziente e gli fa fare un’analisi completa delle sue condizioni di salute, per fare in modo che nessuno resti inascoltato e lasciato a se stesso. Ne abbiamo parlato con il dottor Giuseppe Milanese, Presidente Osa.

Dottor Milanese, un’importante iniziativa, quella organizzata da Osa nelle ultime settimane per raggiungere nelle periferie minori e anziani attraverso strutture mobili.

«È solo l’ultima iniziativa, in ordine di tempo, messa su da Osa sulla scorta di quella che è la sua storia. Osa si è sempre occupata delle persone che versano in stato di difficoltà. Abbiamo iniziato diversi anni fa con l’assistenza domiciliare nelle periferie romane, con il supporto alle persone affette da AIDS, ed oggi torniamo nelle periferie – dove in realtà siamo sempre rimasti – con questi camper che hanno la funzione di assistere i bambini, i minori, nelle loro necessità. Questo primo camper ha come partner l’Ospedale Bambino Gesù di Roma, mentre il secondo nasce su volontà del Vaticano e della Segreteria di Stato per fornire assistenza agli anziani e per poter gestire le fasi di cronicità che purtroppo oggi interessano gran parte della nostra popolazione».

Quello della cronicità, dell’invecchiamento della popolazione nella società rappresenterà sicuramente la grande sfida del futuro dell’Italia.

«L’assistenza primaria è il principale problema di cui lo Stato deve occuparsi. Oggi in Italia non abbiamo dati confortanti: abbiamo un’assistenza domiciliare fatta a macchia di leopardo nelle varie regioni. Con il Ministero della Salute abbiamo cercato di regolamentare questo sistema, come si fa negli altri Paesi: basti pensare che in Olanda il 18% degli ultra 65enni è assistito a domicilio, mentre in Italia siamo intorno al 2%. Stiamo dunque cercando di dare una mano anche come Federazione e come Conf-cooperative nel dire cosa si può fare. Sicuramente c’è da costruire un sistema. La cronicità non può essere più affrontata trasferendo moneta ai soggetti affetti. In tutti questi anni abbiamo dato alle famiglie di chi versa in questa situazione soldi che sono stati impiegati essenzialmente per cercare badanti, e questo è un non-sistema».

Per concludere, quanto è importante migliorare la formazione degli operatori sanitari su questi temi, in modo da affrontare sempre meglio anche questo tipo di sfida.

«La formazione è essenziale. Noi medici studiamo tanti anni e non abbiamo nessuna formazione specifica nel campo dell’assistenza primaria. Noi stessi, quando da giovani appena laureati andavamo nelle case delle persone con AIDS, non eravamo perfettamente in grado di affrontare dal vivo, in casa, una persona con questo tipo di patologia. Quindi un conto è affrontare una persona in casa, in quel caso con una malattia molto acuta e problematica, un conto è affrontarla in ospedale. Sicuramente c’è bisogno di una formazione specifica che consenta agli operatori di approcciare il domicilio in maniera serena, perché nel domicilio non hai tutto il supporto che invece puoi avere in una struttura residenziale. Hai dunque bisogno di una formazione specifica, sia che tu sia un medico, un infermiere o un fisioterapista. In questo tipo di missione, quello della formazione è un elemento imprescindibile».

Articoli correlati
Covid-19, in Italia il 17,8% delle infezioni dovute alla variante inglese
Il risultato dell’indagine di ISS e Ministero della Salute dice che nel nostro Paese, così come nel resto d’Europa, c’è una circolazione sostenuta della variante, che probabilmente è destinata a diventare quella prevalente nei prossimi mesi
Recovery Plan, Urbani (Min. Salute): «Investire su territorio, case di comunità e assistenza domiciliare»
Le proposte di Andrea Urbani, direttore generale della Direzione generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute, nel corso della sua audizione alla Commissione Affari sociali
Covid-19, nuovo report Cabina di regia: «In calo ricoveri, terapie intensive e incidenza casi»
Nel periodo 6-19 gennaio 2021 l'Rt medio nazionale è stato pari a 0,84. Dal 31 gennaio in area arancione Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e la Provincia Autonoma di Bolzano. Il resto in area gialla
Beux (Fno Tsrm e Pstrp): «Frammentazione e corporativismo mali della sanità. Federazioni non coinvolte sul vaccino»
Il Presidente del maxi Ordine delle professioni sanitarie traccia un bilancio del 2020. Positivo il ‘fronte interno’: «Abbiamo perfezionato l’architettura istituzionale anche assumendoci delle responsabilità»
Oscurati 102 siti che vendevano farmaci anti-Covid
A conclusione di un’operazione di vigilanza telematica contro il cybercrime farmaceutico condotta a dicembre nell’ambito della collaborazione tra i NAS e il Ministero della Salute, i militari della Sezione Analisi del Reparto Operativo del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute hanno oscurato 102 siti web collocati su server esteri (e con gestori non individuabili), […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio, sono 112.116.627 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.485.601 i decessi. Ad oggi, oltre 212,15 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...