Salute 28 Agosto 2019 11:44

Calcio, gli infortuni sono scritti nella genetica. Giordano (Sbarro Institute): «Allenamenti personalizzati per limitarli»

Il direttore del centro di ricerca di Philadelphia: «Abbiamo dato vita al primo test diagnostico e preventivo sullo sviluppo degli infortuni dei calciatori e osservato che la comparsa dell’infortunio viene indicata da anomalie di cinque geni». Lo studio è stato condotto con il Napoli, ma è pronto a sbarcare Oltreoceano

I giocatori del Napoli sono i più in salute d’Europa. E sono stati quindi studiati. È stato il professor Antonio Giordano, direttore dello Sbarro Health Research Organization di Philadelphia, a condurre la ricerca, insieme allo staff medico della squadra di calcio partenopea, che è stata poi pubblicata sulla rivista scientifica internazionale Journal of Cellular Physiology. I risultati? Gli infortuni sono scritti nella genetica.  

«Abbiamo dato vita – spiega a Sanità Informazione il professor Giordano – al primo test diagnostico e preventivo sullo sviluppo, in alcuni atleti, di una serie di patologie come infortuni muscolari, problemi ai tendini o ad altre parti del corpo che vengono sollecitate durante lo sforzo fisico. Abbiamo quindi dimostrato che la comparsa dell’infortunio viene indicata dalle anomalie osservate in cinque geni». Queste possibili variazioni genomiche possono tuttavia essere minimizzate, almeno in parte, mediante programmi nutrizionali e di allenamento specifici disegnati dallo staff medico, spiegando così l’eccellente performance ottenuta dal Napoli.

LEGGI ANCHE: AD OGNUNO IL SUO SPORT, MA DECIDE LA GENETICA. IL MEDICO DEL NAPOLI: «SE SBAGLIATA. L’ATTIVITÀ FISICA PUO’ FAR MALE»

Un grande aiuto per i medici delle squadre di calcio, quindi, che, risultati delle analisi alla mano, «potranno intervenire cambiando e personalizzando i metodi di allenamento, le abitudini nutrizionali o alcuni stili di vita dei calciatori, limitando gli infortuni», aggiunge il professore.

La ricerca è nata da un’osservazione dell’ex capo dello staff medico del Napoli, il dottor Alfonso De Nicola: «Questo studio – commenta – è un valore aggiunto alla personalizzazione della preparazione atletica degli sportivi, proiettando così la medicina dello sport nel terzo millennio».

Da Napoli, tuttavia, lo studio è pronto per atterrare anche Oltreoceano e in altre discipline sportive: «Molte squadre nazionali e internazionali – aggiunge il professor Giordano – hanno acceso i riflettori su questa scoperta e a breve alcuni team statunitensi di football americano applicheranno questo test diagnostico per valorizzare ancora di più le performance degli atleti. In questo modo – conclude – la longevità dell’atleta potrà essere allungata e le squadre, specialmente se impegnate in diversi tornei nazionali e internazionali, non saranno svantaggiate dagli infortuni fisici».

Articoli correlati
Sport e salute, Tuzi (M5S): «L’inattività fisica da lockdown è causa di morte, necessaria approvazione riforma»
«Il mondo sanitario deve unirsi a quello sportivo in un’unica voce di protesta contro la possibilità che la riforma non venga approvata» spiega il deputato e medico M5S Manuel Tuzi
Piste da sci ancora chiuse. Cosa ne pensano i medici sciatori? Le risposte della SIMS
Bertinato (Presidente Squadra Italiana Medici Sciatori): «Rischi alti, necessario lockdown totale». Martini (Segretario SIMS): «Non è l’attività sciistica in sé ad essere rischiosa. Il problema è tutto il resto»
Qualità della vita nelle pazienti oncologiche, l’esperta: «Salvaguardare benessere sociale, fisico ed emotivo»
Esther Natalie Oliva, ematologa del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria, spiega quali sono le ripercussioni del cancro sulla qualità della vita delle pazienti
Un giro d’Italia a nuoto, l’impresa di Salvatore Cimmino per accendere un faro sulla disabilità
L’atleta del Circolo Canottieri Roma, senza una gamba dall’età di 15 anni, percorrerà quasi 300 chilometri da Ventimiglia a Trieste in 14 tappe. «Le persone con disabilità e le loro famiglie sono sempre più invisibili. La politica ha deciso che non è conveniente vedere la loro realtà»
«Chi ha stabilito che la Sars-Cov-2 non è infortunio indennizzabile in Polizza Privata Infortuni?»
di Enrico Pedoja, Specialista Medico legale, Segretario Nazionale SISMLA
di di Enrico Pedoja, Segretario Nazionale SISMLA
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio, sono 112.116.627 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.485.601 i decessi. Ad oggi, oltre 212,15 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...