Salute 26 Luglio 2021 14:53

Bufera su Burioni per un tweet. Codacons lo denuncia, Anelli (FNOMCeO) lo difende

La Federazione: «Invitiamo tutte le parti ad abbassare i toni e a riportarli all’interno di un dibattito civile e democratico». Bassetti: «Polemica sterile». Gismondo: «Considerare peso delle parole usate». E intanto lui fa marcia indietro

Bufera su Burioni per un tweet. Codacons lo denuncia, Anelli (FNOMCeO) lo difende

«I procedimenti disciplinari sono il punto più alto dell’attività ordinistica e non possono diventare processi di piazza, con una sentenza richiesta a gran voce con un mail bombing, attraverso i social e neppure con un esposto. Invitiamo tutte le parti ad abbassare i toni e a riportarli all’interno di un dibattito civile e democratico». È quanto dichiara all’Adnkronos Salute Filippo Anelli, presidente della FNOMCeO (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri), intervenendo sulla decisione del Codacons di denunciare il virologo Roberto Burioni, chiedendone la radiazione dall’Ordine dei medici, per il post su Twitter in cui scriveva: «Propongo una colletta per pagare ai no-vax gli abbonamenti a Netflix per quando, dal 5 agosto, saranno agli arresti domiciliari chiusi in casa come dei sorci».

Anelli: «Comunicazione “gentile” è buona strada per convincere esitanti»

«Tutti i medici sono chiamati a promuovere la vaccinazione, come via per uscire dalla pandemia di Covid – sottolinea Anelli -. Ricordiamo inoltre l’obbligo vaccinale per i medici, come requisito per esercitare la professione. Comprendiamo infine l’amarezza dei medici e degli infermieri, che hanno vissuto in prima linea gli effetti devastanti del Covid, di fronte al rifiuto da parte dei cittadini di vaccinarsi».

Secondo il presidente Anelli «dobbiamo però tener presente che le manifestazioni dei giorni scorsi erano contro il Green pass, più che contro il vaccino in sé. Bisogna stare attenti a non censurare le opinioni, anche se non condivise – precisa – e, per noi medici, a correlare la loro espressione ai dettami del Codice deontologico. Una comunicazione ‘gentile’ è inoltre una buona strada per accogliere e convincere gli esitanti».

Infine dalla FNOMCeO un appello alla politica: «La scienza non ha tessere di partito. La scienza propone evidenze misurabili, dimostrabili, riproducibili. La politica ha semmai il compito di utilizzare tali dati per prendere decisioni a favore della collettività. Da qui l’invito a tutti – conclude Anelli – di rispettare le verità scientifiche, come indice di progresso della nostra società».

Bassetti: «Polemica sterile». Gismondo: «Considerare peso delle parole usate»

«Siamo alla polemica sterile e inutile. Assurdo che ci sia ancora oggi la contrapposizione tra chi è pro e chi è contro i vaccini. Dispiace che il Codacons, che dovrebbe tutelare i cittadini, si schieri contro uno scienziato che si è sempre speso per i vaccini. Mi pare una situazione paradossale». Lo afferma Matteo Bassetti, primario di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova. «Quando si fanno dichiarazioni pubbliche bisogna considerarne il peso – spiega invece Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano –. Libertà di parola non significa non essere responsabili delle conseguenze». «Non sono toni che convincono e responsabilizzano – continua Gismondo -: suscitano pericolose reazioni».

Burioni: «Quel tweet non lo riscriverei»

Oggi Burioni, sulle pagine del Corriere della Sera, si è giustificato così: «Certamente quel tweet non lo riscriverei, perché qualcuno si è sentito offeso». «Il mio era un tweet ironico – ha precisato – ma io ho dimenticato che Twitter non è il luogo dell’ironia (e dell’autoironia). Colpa mia, comunque».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa