Salute 11 Ottobre 2021 11:07

Biobanche, Lavitrano (BBMRI Italia): «Ecco come funzionano e a cosa servono»

«Incoraggiamo una sinergia tra le Biobanche di ricerca e quelle terapeutiche, affinché il materiale biologico donato a scopi terapeutici, e non utilizzato, possa essere destinato alla ricerca»

di Isabella Faggiano

Mentre i pronto soccorso di tutta Italia, a partire da quelli della Lombardia, continuavano ad affollarsi di pazienti bisognosi di cure, trattamenti che nessuno al mondo aveva a disposizione, i ricercatori erano già a lavoro per raccogliere, conservare e studiare i campioni biologi di chi aveva contratto il Covid-19. Questo è solo uno degli esempi, tra i più recenti e i più noti, del lavoro che si svolge quotidianamente all’interno delle Biobanche.

Perché conferire campioni biologici alle Biobanche

«Oggi, grazie all’istituzione delle Biobanche, è possibile condurre degli studi scientifici che coinvolgano un numero importante di pazienti o cittadini», spiega Marialuisa Lavitrano, direttore del Nodo Nazionale della Infrastruttura di Ricerca Europea delle Biobanche e delle Risorse BioMolecolari (BBMRI Italia). Parlare di cittadini e non solo di pazienti, infatti, è d’obbligo: non tutti coloro che conferiscono i propri campioni biologici alle Biobanche sono affetti da una o più patologie. «Esistono due tipologie di Biobanche quelle di ricerca e quelle terapeutiche – precisa il direttore Lavitrano -. Le Biobanche di ricerca sono unità di servizio, senza scopo di lucro, che raccolgono, conservano e distribuiscono campioni biologi umani, come tessuti, sangue o altro. Se tali campioni biologici appartengono ad un paziente che soffre di una particolare malattia, allora saranno custoditi in una disease-oriented Biobank (biobanca di malattia ad es. biobanca oncologica o neurologica). Le Biobanche di popolazione, invece, raccolgono campioni appartenenti alla popolazione generale o a popolazioni specifiche come, ad esempio, quella molisana che sta studiano i residenti di una precisa zona del Molise, o quella del Cilento o di un’area della Sardegna dove vivono persone caratterizzate da una longevità superiore alla media. In questo caso si tratta di ricerche che si protraggono per molti anni, anche decenni, e con studi epidemiologici o malattie complesse, multifattoriali (come quelle cardiovascolari) o la genetica di alcune precise fasce di popolazione (come, appunto, quella sarda spiccatamente longeva)».

Privacy e recesso: tutti i diritti di pazienti e cittadini

Un’altra precisazione è necessaria: «Quando si parla di Biobanche di ricerca utilizzare il termine “donare” è improprio. I campioni biologici non sono mai “donati”, bensì “conferiti” – dice la specialista -. Mentre la donazione non permette al soggetto di ritornare in possesso del campione donato, nel caso del “conferimento” il paziente (o il cittadino) che ha conferito un suo campione biologico ad una Biobanca di ricerca potrà sempre avvalersi, in qualsiasi momento, del diritto di recesso».
Il funzionamento delle Biobanche di ricerca assicura standard di qualità europei (per quelle aderenti alla BBMRI) e garantisce anche la tutela della privacy. «Il ricercatore riceve i campioni biologici e i dati ad esso associati in forma anonima, ovvero non saprà mai a chi appartiene il campione che sta utilizzando per la sua ricerca – spiega Lavitrano -. Al momento del conferimento, infatti, a cittadini e pazienti sono garantiti i diritti della privacy. Tuttavia, per permette di ritracciare la persona a cui appartiene un determinato campione biologico, qualora importanti ricerche scientifiche possano essere di beneficio alla cura della sua stessa patologia, si mette in atto un sistema di pseudonimizzazione: il ricercatore non conosce i dati sensibili del soggetto cui appartiene il campione biologico analizzato, ma l’individuo sarà identificabile, in qualsiasi momento, attraverso la decriptazione di un codice associato al momento della conservazione».

Uno sguardo al futuro

Il valore aggiunto che le Biobanche hanno offerto alla ricerca, sia prima che durante la pandemia, sono inestimabili, «soprattutto dall’istituzione della BBMRI che permette di raccogliere e mettere a disposizione della ricerca campioni biologici raccolti da una popolazione residente in 20 diversi Paesi», assicura Lavitrano. Ma i contributi che sarà possibile offrire in futuro sono di altrettanto valore: «Stiamo esplorando la possibilità di instaurare una sinergia tra le Biobanche di ricerca e quelle terapeutiche. In particolare, per permettere che il materiale biologico donato a scopi terapeutici, e non più utilizzato, possa essere utile perla ricerca. Aumentare il numero di campioni significa allargare l’universo di riferimento degli studi scientifici e di conseguenza – conclude la ricercatrice – la loro significatività per studi epidemiologici o di malattie complesse».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Congresso Aiom, Beretta: «Ora un New Deal per affrontare la pandemia da cancro che ci attende»
Dal XXIII Congresso dell'Associazione italiana di oncologia medica i punti da cui ripartire con il peso del Covid-19: screening, esami diagnostici e follow up, regolamentare la telemedicina e rafforzare la sanità territoriale
In Inghilterra niente restrizioni e crescono i contagi. La testimonianza: «Ma gli ospedali sono vuoti»
Un cardiologo italiano a Londra: «Il vaccino ha abbassato la virulenza del virus, ma troppo lassismo e una campagna vaccinale debole su giovani e booster rischiano di aggravare la situazione in inverno»
di Federica Bosco
Vaccini antinfluenzali in farmacia, c’è l’accordo. Tobia (Federfarma): «Grande riconoscimento»
Il Segretario Nazionale commenta il protocollo che dà alle farmacie un ruolo ancora più importante sul territorio. Ma riusciranno le farmacie a reggere tra tamponi rapidi e vaccinazioni (anti-Covid e antinfluenzali)? «Ce la faremo alla grande»
Vaccinazione eterologa Covid-19, Ema: «Risposta più forte con richiami e booster di vaccini diversi»
Cavaleri: «I dati confermano una reazione immunitaria più sostenuta con approccio 'mix and match'»
Effetto Green pass, GIMBE: «Oltre 2,1 milioni di test rapidi e 407mila nuovi vaccinati»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe rileva tutti i numeri in calo, tranne i decessi che rimangono stabili. Risalgono le somministrazioni, terze dosi a rilento. Gimbe propone di incrementare vaccinazioni over 12 e introdurre obbligo terza dose per operatori sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?