Salute 15 Luglio 2020

Bambini post lockdown, lo studio promosso da SIMPE invita all’ottimismo

La survey ha raccolto le risposte di 271 famiglie italiane con figli dai 3 ai 16 anni. E i risultati sono stati sorprendenti

Immagine articolo

Al via lo studio pilota ideato e attuato dalla presidente SIMPE Campania, Maria Giuliano, in collaborazione con la dottoressa Valentina Grimaldi, che quantifica e analizza l’impatto concreto che il lockdown degli scorsi mesi ha avuto sui bambini italiani. Un progetto realizzato grazie alla piattaforma telematica PediaTotem, che da anni ormai costituisce un importante strumento nella gestione ambulatoriale della rete pediatrica nazionale. Alla survey hanno aderito ventuno pediatri di famiglia distribuiti su tutto il territorio nazionale, che hanno somministrato un questionario a 271 genitori. Il questionario prevede domande che indagano possibili cambiamenti nella giornata tipo, sia dal punto di vista comportamentale che a un livello meno visibile, quello dei pensieri, sensazioni ed emozioni dei propri figli dai 3 ai 16 anni di età.

ATTIVITÀ E TEMPO LIBERO

Nel giro di due settimane (dal 15 al 30 giugno) il sistema è stato in grado di quantificare il livello ed il tipo di ripercussioni nel breve e medio periodo sulla sfera psicologica, clinica, affettiva e sociale dei bambini e adolescenti, e delle loro famiglie. Con risultati in alcuni casi sorprendenti, che dimostrano, anche se lo studio dovrà naturalmente essere supportato da una casistica più ampia, una grande capacità di adattamento e resilienza da parte dei giovanissimi. L’80% di loro ha infatti vissuto bene l’isolamento e la chiusura. Le abitudini familiari, come il gioco o la lettura, sono tendenzialmente rimaste le stesse, ed in molti casi alcuni disturbi psicosomatici preesistenti al lockdown sono migliorati. Scarso l’interesse per i videogiochi (circa il 60% vi ha dedicato meno di un’ora al giorno) e purtroppo, anche per la lettura (qui la percentuale che vi ha dedicato meno di un’ora al giorno sale al 67%). Più attrazione hanno suscitato Tv e streaming, con il 50% che vi ha dedicato 1-2 ore al giorno.

IL TEMPO TRASCORSO CON I GENITORI

In questo ambito emergono le differenze più significative tra pre-post e durante il lockdown. Durante il lockdown si è avuto un forte aumento del tempo dedicato al gioco con i genitori, con il 62% di famiglie che hanno giocato insieme tutti i giorni contro il 51% scarso del pre-lockdown. Altro dato positivo: secondo i genitori intervistati, nel 50% dei casi i figli hanno imparato a partecipare di più alla vita domestica e a collaborare in casa.

PAURE E PSICOSI

Era lo scenario paventato da molti esperti, un aumento delle fobie tra i giovanissimi. Invece, a quanto pare, nulla di tutto ciò si è verificato con percentuali allarmanti. Oltre il 74% non ha paura di restare solo in casa, e la stessa percentuale di giovanissimi non ha alcuna paura ad uscire di casa, né da solo né in compagnia dei genitori. In più, il 45% dei bambini non ha bisogno di continuo conforto o rassicurazioni, il 35% lo richiede solo qualche volta. La tendenza ad isolarsi è presente “qualche volta” nel 24% dei bambini, mentre nel 21% dei casi i genitori hanno riscontrato una propensione all’iperattività. A balzare all’occhio in negativo, però, è la ricerca continua di cibo, che in ben 30 casi su 100 va da “spesso” a “sempre”. Invece, per quanto riguarda una anche minima regressione del comportamento, nel 60% dei casi non c’è stata affatto.

TIRANDO LE SOMME

Alla domanda “se vedeva il proprio figlio più sereno” il 40% dei genitori ha risposto di Sì. «Un dato – commenta la presidente SIMPE Campania, Maria Giuliano – che alla luce dello stravolgimento dei ritmi quotidiani e delle rinunce di varia natura subìte, impone una riflessione. Sul fatto che forse, contrariamente alle aspettative, il lockdown sia stato gestito meglio rispetto a quanto si pensi, sia dal punto di vista strettamente privato e familiare sia da quello pubblico e sociale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, «Italia da paria a esempio per gli altri Paesi». L’editoriale del New York Times
Jason Horowitz, firma del New York Times, ha realizzato un reportage che spiega come l’Italia è riuscita a passare, «dopo un inizio incerto, dall’essere un paria globale ad un modello – per quanto imperfetto – di contenimento virale per i Paesi vicini e per gli Stati Uniti»
Covid-19 e sesso, con il lockdown drastica riduzione delle diagnosi di malattie a trasmissione sessuale
Gli autori del San Gallicano: «Non possiamo escludere che la paura di infezione da Sars-CoV-2 abbia ridotto i rapporti sessuali, ma anche che i pazienti abbiano rinviato le visite». Iss: «In generale, aumentate del 40% negli ultimi 27 anni»
La Fase 3 e l’aumento delle psicopatologie: l’importanza di medici e farmacisti
di Giacomo Cicalini, Farmacista
di Giacomo Cicalini, Direzione Tecnica Cofardis SpA
Scuola, con il Covid a rischio l’apprendimento dei più piccoli. Morsanuto (Unicusano): «Negato sviluppo sociale, linguistico e cognitivo»
Per la prima volta lo studio “Emozioni in quarantena” dell’Unicusano mostra come i bambini fra i tre e i sei anni abbiano vissuto il lockdown e l’importanza di ripensare le tradizionali tecniche di insegnamento. Ai bimbi, infatti, è stato negato lo sviluppo sociale, linguistico e cognitivo
Covid-19, torna lo spettro del lockdown: la mappa dei Paesi che hanno adottato nuove misure restrittive
Nel mondo la pandemia continua a galoppare e sono tante le nazioni che hanno deciso di tornare a limitare le libertà dei propri abitanti nel tentativo di impedire il contagio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...