Salute 7 Novembre 2022 16:40

Bambini in terapia intensiva, la proposta SIN: «Allargare le TIN anche ai primi mesi pediatrici»

In Italia carenza e disomogeneità di Terapie Intensive Pediatriche, ma il ricovero nelle TI per adulti non garantisce appropriatezza delle cure e aumenta la mortalità

Bambini in terapia intensiva, la proposta SIN: «Allargare le TIN anche ai primi mesi pediatrici»

Poche, mal distribuite, concentrate maggiormente al Nord rispetto al Sud. Parliamo delle Terapie Intensive Pediatriche (TIP) i reparti preposti alle cure intensive dei bambini dai 31 giorni di vita fino almeno ai 14 anni. Nel 2014 il Network italiano delle Terapie Intensive Pediatriche (TIPNet) ne ha individuate solo 23, di cui 11 al Nord, 8 al Centro e 4 per il Sud/isole, per un numero complessivo di circa 202 posti, ed un rapporto posti letto/bambini molto basso in Italia (1:75.000) rispetto ad altri paesi come l’UK (1:25.000) o l’USA (1:18.000). Il risultato è che molti bambini che necessitano di questo tipo di assistenza vengono ricoverati nelle Terapie Intensive per adulti, con un impatto negativo sull’appropriatezza delle cure, esiti peggiori ed una mortalità più alta.

Aprire le TIN anche ai pazienti pediatrici

Un correttivo a questa situazione è stato proposto dalla SIN (Società Italiana di Neonatologia) che, nell’ambito del XXVIII Congresso Nazionale tenutosi a Firenze dal 26 al 29 ottobre, ha evidenziato l’opportunità di allestire nelle aree geografiche con carenza o assenza di posti in TIP, delle Terapie Intensive Neonatali (TIN) “allargate” al fine di gestire questi lattanti e bambini. Non è una novità, infatti, che le TIN, oltre ad essere in numero adeguato (118 in Italia) e soprattutto dislocate in modo omogeneo sul territorio, in molti casi si trovano già a ricoverare e gestire bambini oltre i 30 giorni di vita e/o le 44 settimane di età post-concezionale, fornendo un’assistenza più appropriata anche in ragione del fatto che il 30% della domanda di ricoveri in TIP riguarda proprio lattanti o bambini molto piccoli.

Appropriatezza delle cure ed ambiente adatto

«Pensiamo che questo modello assistenziale possa avere numerosi vantaggi – spiega il presidente della SIN Luigi Orfeo – perché molte patologie di cui sono affetti i lattanti e piccoli bambini, che necessitano del ricovero in TIP, sono state contratte durante il periodo perinatale (basti pensare ai lattanti e bambini con conseguenze della prematurità, dell’asfissia perinatale, con disordini congeniti e sindromi, etc) e pertanto i neonatologi sono più predisposti alle cure di questa tipologia di bambini rispetto agli intensivisti in generale. Inoltre – sottolinea – anche in caso di una nuova ondata di pandemia da COVID-19, questo modello assistenziale potrebbe essere di beneficio nella gestione dei piccoli bambini laddove c’è scarsità di posti intensivi. La cura del bambino – spiega ancora Orfeo – ha una sua forte specificità: oltre agli aspetti tecnici che rendono una TIN più adatta alla presa in carico intensiva del bambino rispetto a una TI per adulti, c’è da considerare l’aspetto emotivo e relazionale, anche relativamente ai genitori. L’ambito pediatrico ha una cultura specifica dell’accoglienza del bambino e del suo nucleo familiare, che le TI, per forza di cose, non hanno».

La formazione del personale: un tassello fondamentale

«Sicuramente l’allargamento della TIN – prosegue Orfeo – richiederebbe un percorso formativo ad hoc degli operatori sanitari (neonatologi e infermieri) alle cure intensive pediatriche, mediante percorsi specifici strutturati, sia accademici, sia da parte delle società scientifiche che, come la SIN, devono essere in prima linea su questo specifico aspetto educativo-formativo. Inoltre, le TIN allargate devono essere strutturalmente e tecnologicamente adeguate a gestire i bambini più grandi, acquisendo presidi specifici, come per la ventilazione invasiva e non, gli accessi vascolari eco-guidati, il monitoraggio invasivo e non. In tal senso – conclude – la SIN dovrebbe collaborare con gli organi istituzionali del nostro paese nel redigere degli standard minimi organizzativi da far adottare alle TIN allargate»

.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Virus respiratorio sinciziale, con anticorpo monoclonale alla nascita -70% di ricoveri
La somministrazione alla nascita di un farmaco contenente anticorpi contro il virus respiratorio sinciziale ha ridotto di circa il 70% i ricoveri nei bambini con meno di 6 mesi, in Lussemburgo, dove è stato introdotto questo programma di immunizzazione. Questi sono i dati che emergono da un'analisi coordinata dal ministero della Salute lussemburghese, i cui risultati sono stati pubblicati su Eurosurveillance
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Allarme antibiotico-resistenza, molti farmaci non funzionano più contro comuni infezioni infantili
Uno studio dell'Università di Sidney ha concluso che molti farmaci per il trattamento di infezioni comuni nei bambini e nei neonati non sono più efficaci in gran parte del mondo.L'allarme è stato lanciato sulla rivista The Lancet Regional Health Southeast Asia
Scuola: logopedisti, in vacanza passatempi in famiglia per prepararsi alla Primaria
Il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla “scuola dei grandi” può essere favorito dalla preparazione alle abilità di letto-scrittura, a vantaggio di un migliore rendimento scolastico o dell’intercettazione di piccoli con difficoltà di apprendimento. La Federazione dei Logopedisti (www.fli.it) sensibilizza alla problematica, invitando questa estate mamma, papà e bimbi a fare tanti giochi in famiglia
«Asma, il quartiere e l’inquinamento incidono sulla gravità. Anche nei bambini»
Simona Barbaglio, presidente dell’Associazione Nazionale Pazienti Respiriamo Insieme, commenta a Sanità Informazione i risultati di uno studio realizzato in USA e presentato alla Conferenza Internazionale ATS 2023, il quale mostra una forte associazione tra il quartiere di residenza, qualità dell'aria e rischio di riacutizzazioni dell'asma nei bambini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...