Salute 2 Settembre 2022 16:34

I bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro

Uno studio pubblicato sulla rivista Plos Medicine mostra che i bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro dei bambini concepiti naturalmente

I bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro

La procedura di congelamento e scongelamento di un embrione, molto utilizzata nella procreazione medicalmente assistita, potrebbe influenzare la salute futura dei nascituri. Almeno questo è quanto suggeriscono i risultati di uno studio condotto agli scienziati dell’Università di Göteborg, in Svezia. I risultati, pubblicati sulla rivista Plos Medicine, indicano che i bambini nati a seguito dell’impianto di embrioni congelati tramite fecondazione assistita hanno un rischio maggior di sviluppare un tumore.

Lo studio ha analizzato i dati di quasi 16mila bambini

Il team di ricerca, guidato dalla scienziata Nona Sargisian, ha esaminato i dati relativi a oltre 8 milioni di bambini nei paesi nordici, dopo esser stati concepiti tramite una tecnica di riproduzione assistita basata sull’utilizzo di embrioni congelati. Le informazioni raccolte sono state confrontate con quelle riguardati altri circa 8 milioni di bambini concepiti naturalmente. Ebbene, dai risultati è emerso che i bambini nati da embrioni congelati hanno un rischio più elevato di sviluppare un cancro.

I risultati sollevano timori circa i rischi dell’uso di embrioni congelati

Secondo i ricercatori, i risultati dovrebbero essere interpretati con cautela poiché, sebbene lo studio fosse ampio, il numero di bambini nati dopo il trasferimento di embrioni congelati e scongelati che in seguito hanno sviluppato il cancro è basso (48 casi), il che potrebbe limitare la forza statistica dell’analisi . Tuttavia, questi risultati potrebbero sollevare preoccupazioni sul trasferimento di embrioni congelati e scongelati.

Nessun aumento di rischio nei bambini nati in generale tramite PMA

Saranno necessari ulteriori approfondimenti per capire da cosa possa dipendere l’aumento del rischio. «La probabilità che si sviluppi una neoplasia a livello individuale rimane piuttosto bassa – commenta Ulla-Britt Wennerholm, altra firma dell’articolo – ma a livello di popolazione potrebbe risultare più elevato rispetto alla prole nata con fecondazione naturale. Non abbiamo riscontrato un aumento di cancro nei bambini nati dopo le tecniche di riproduzione assistita in generale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Guglielmino (Siru): «Basta rimandare i Lea, 100mila coppie non possono più aspettare»
«Non è possibile attendere il nuovo governo per l’approvazione dei Lea, le coppie infertili non hanno tempo». È questo l’appello che arriva da Antonino Guglielmino, presidente dalla Società Italiana di Riproduzione Umana (Siru), a seguito delle voci secondo le quali la tanto attesa approvazione dei Lea rischia di essere ulteriormente rimandata. Il testo del Decreto […]
di Redazione
Primo trapianto di utero in Italia, nata la prima bambina
È nata all'Ospedale Cannizzaro di Catania Alessandra, figlia della donna che ha ricevuto il primo trapianto di utero realizzato in Italia. E' la prima nascita di questo tipo nel nostro Paese e il sesto caso al mondo di gravidanza portata a termine con successo dopo un trapianto di utero da una donatrice deceduta
Biopsia liquida: la nuova strategia per battere il cancro sul tempo
Secondo lo studio italiano Chronos, grazie ad un semplice prelievo di sangue è possibile avere informazioni precise sul tumore di cui un paziente è affetto, rilevando le alterazioni che possono renderlo più sensibile o resistente alle terapie oncologiche
Piano oncologico nazionale, dal Senato ok bipartisan a Odg
Il Senato ha approvato un ordine de giorno unitario sul Piano Oncologico Nazionale con 187 voti a favore e 2 astenuti. Il Sottosegretario di Stato per la salute Pierpaolo Sileri ha comunicato che il Governo ha trasmesso il piano oncologico nazionale alla Conferenza Stato-Regioni e che una riunione tecnica è prevista il prossimo 8 luglio
HPV e tumori, Ricciardi: «Essenziali vaccinazioni, screening e trattamento precoce delle lesioni»
Presentato oggi a Roma lo studio con le risposte italiane alla “call to action dell’Oms sui tumori HPV correlati”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi