Salute 6 Luglio 2022 17:55

aPTT, il test ADAMTS13 va inserito nei LEA. Troppi i costi per i pazienti emersi dall’indagine IQVIA

Il test dell’ADAMTS13 è indispensabile alla diagnosi e al monitoraggio della patologia ma la diffusione in Italia è a macchia di leopardo e costringe malati e caregiver a una faticosa mobilità sanitaria. Isabella Cecchini (IQVIA Italia) illustra i risultati dell’analisi effettuata su 74 persone con aTTP da tutta Italia

Si chiama porpora trombotica trombocitopenica (TTP). Un nome difficile per una malattia ultra-rara. In Italia, si stima ci siano 200 nuovi casi ogni anno: mediamente, intorno ai 20-30 anni per le donne e ai 50-60 anni per gli uomini. Pur trattandosi di una patologia che può essere, purtroppo, anche mortale, non è trattata in tutta Italia in aderenza con le recenti linee guida definite nel 2021 su incarico dell’Istituto Superiore di Sanità.

aPTT, tanti problemi per pazienti e caregiver

Diagnosi in ritardo, follow up carenti e/o diversi da regione a regione impattano notevolmente sulla qualità della vita sociale, affettiva e lavorativa di chi ne soffre e di chi se ne prende cura, i cosiddetti caregiver. Coniugi, figli o addirittura genitori anziani. E, a questo, si aggiungono le tante spese a carico dei malati per i controlli e gli esami da sostenere, spesso, fuori regione.

Sappiamo che per individuare la Porpora Trombotica Trombocitopenica è fondamentale dosare l’ADAMTS13. Il test è importante per diagnosticare la malattia all’esordio ma anche per monitorare i pazienti nel corso del tempo e valutare la risposta alla terapia in atto. Un loro diritto, che però non è garantito in modo omogeneo in tutto il paese. Dipende, infatti, dalla vicinanza al centro che lo esegue.

L’indagine di IQVIA Italia

A fotografare le maggiori criticità l’indagine di IQVIA a cui hanno partecipato 74 persone con aTTP da tutta Italia. «L’obiettivo di questa ricerca – ha detto Isabella Cecchini, Senior Principal Head of Primary Market Research di IQVIA Italia al nostro giornale – era quello di capire quanto la malattia impatta sulla qualità di vita. E quale è l’esperienza del test ADAMTS13, fondamentale sia per fare la diagnosi che per monitorare nel tempo la risposta della terapia».

Per quanto riguarda il primo tema, la qualità della vita «i risultati sono drammatici – spiega la dottoressa Cecchini. Le persone convivono faticosamente con questa malattia. L’80% circa dei malati ha una grande paura di una ricaduta che ha un impatto importante sia in termini fisici che psicologici. Teme gli effetti di fatica, memoria, ansia e depressione». La preoccupazione è maggiore in chi non viene monitorato regolarmente con il Test ADAMTS1. Dall’analisi di IQVIA Italia risulta che «il 49% delle persone intervistate ha avuto più episodi acuti nel corso della vita – aggiunge -. Il 70% ha avuto una ricaduta entro due anni (31% entro i primi 12 mesi) dal primo episodio».

Il test ADAMTS13 costa fino a 250 euro

Per quanto riguarda il test ADAMTS13, lo studio ha mostrato «una situazione frammentata sul territorio italiano. Non tutti hanno accesso al test, il test non è presente in tutte le regioni e non sempre viene utilizzato il test per la diagnosi ma soprattutto per il monitoraggio.

«Il 20% dei pazienti affetti da aPTT – prosegue la dottoressa Cecchini – è seguito da un centro fuori regione ed è costretto a spostarsi per i controlli ogni 4 o 6 mesi percorrendo mediamente 700 km. Il 91% ha effettuato il Test ADAMTS13 almeno una volta, ma il 20% lo ha eseguito solo in occasione di episodi acuti e non come strumento per il monitoraggio». Sono lunghi, inoltre, i tempi di attesa del referto del test. Mediamente 26 giorni, fino a 41 giorni se fatto fuori regione. «Addirittura, chi fa il test per il monitoraggio deve farsi carico dei costi relativi alla spedizione dei campioni. Una spesa media di 250 euro».

Inserire il test salvavita ADAMTS13 nei LEA

Il dosaggio dell’ADAMTS13 è fondamentale, lo ribadiscono gli esperti e lo hanno stabilito le linee guida del 2021. Ma la diffusione in Italia è a macchia di leopardo e costringe malati e caregiver a una faticosa mobilità sanitaria che appesantisce la qualità di vita oltre a gravare sulle loro tasche.

Il motivo per cui l’accesso al test non è disponibile per tutti è da ricercare nel fatto che questa prestazione non è stata ancora inserita nei LEA. Non è ancora, quindi, rimborsato dal SSN in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale come richiesto dall’associazione ANPPT, presieduta da Massimo Chiaramonte.

Scarsa soddisfazione per la presa in carico

Un altro dato importante che emerge dalla ricerca riguarda la soddisfazione per la presa in carico. «Solo il 50% dà una valutazione molto positiva della sua esperienza di presa in carico e cura. Circa il 50% – continua la dottoressa Cecchini – mostra una scarsa soddisfazione per la presa in carico e richiede un maggior coinvolgimento multidisciplinare, una maggiore integrazione tra i clinici. In più, i pazienti sono insoddisfatti per gli spostamenti, la logistica e i costi a carico».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ssn, 5° rapporto Gimbe: in 3 anni +11,2 miliardi alla sanità (erosi dalla pandemia)
Italia al 16° posto in Europa (e ultima tra i Paesi G7) per spesa sanitaria pubblica pro-capite. Da Gimbe il piano per il rilancio del Ssn: «Rimettere la sanità al centro dell’agenda politica»
Guglielmino (Siru): «Basta rimandare i Lea, 100mila coppie non possono più aspettare»
«Non è possibile attendere il nuovo governo per l’approvazione dei Lea, le coppie infertili non hanno tempo». È questo l’appello che arriva da Antonino Guglielmino, presidente dalla Società Italiana di Riproduzione Umana (Siru), a seguito delle voci secondo le quali la tanto attesa approvazione dei Lea rischia di essere ulteriormente rimandata. Il testo del Decreto […]
di Redazione
Porpora Trombotica Trombocitopenica, Angelucci (ematologo): «Malattia rara subdola. Prima si arrivava al 15% di mortalità all’esordio»
«Si manifesta con sintomi aspecifici e generici, spesso trascurati dal paziente stesso. La diagnosi precoce e accurata è fondamentale per la guarigione dalla Porpora trombotica trombocitopenica» spiega il Direttore dell’UO Ematologia dell’IRCCS Policlinico S. Martino di Genova a Sanità Informazione
Porpora trombotica trombocitopenica: disparità regionali, diagnosi e monitoraggio a rilento
Le storie e i bisogni dei pazienti raccontati in un convegno. L’Associazione ANPTT e i clinici di riferimento chiedono che il test indispensabile alla diagnosi e al monitoraggio della patologia sia inserito nei LEA: «La richiesta è stata fatta, fiduciosi che avvenga prima della fine della legislatura». La Sen. Paola Binetti ha depositato un disegno di legge per istituire una Giornata Nazionale dedicata
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 gennaio 2023, sono 670.393.844 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.824.175 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni