Salute 8 Aprile 2020 11:00

Anziani e Coronavirus. Conversano (HappyAgeing): «Meno fragili con vaccino contro pneumococco, influenza e herpes zoster»

“L’Esperto risponde”, un servizio online gratuito curato da HappyAgeing, promuove l’invecchiamento attivo ai tempi del lockdown: «Mangiare in modo sano per non aggravare le patologie esistenti, praticare attività fisica in casa e chiacchierare tutti i giorni con i propri cari, anche se a distanza»

di Isabella Faggiano

«Vaccinarsi contro lo pneumococco: sarà questa la prima cosa da fare appena usciremo dalla fase 1 dell’emergenza». È il consiglio che Michele Conversano, presidente di HappyAgeing, direttore del dipartimento di Prevenzione della ASL di Taranto, Past President della Società Italiana di Igiene e Medicina Preventiva (SItI), rivolge a tutti gli anziani d’Italia. O per lo meno a tutti coloro che non l’hanno già fatto in passato: «Il vaccino antipneumococcico, infatti – aggiunge lo specialista -, si effettua una sola volta nella vita. Subito dopo, già a metà settembre – in anticipo rispetto al solito -, sarà necessario provvedere al vaccino antinfluenzale, per poi tutelarsi anche contro l’herpes zoster».

Non solo perché la prevenzione vaccinale è uno dei pilastri, riconosciuto anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, per un invecchiamento attivo, «ma anche perché – aggiunge Conversano – è probabile che in autunno ci troveremo a dover fronteggiare una nuova emergenza Coronavirus. E non possiamo farci trovare impreparati. Due su tre delle vaccinazioni consigliate ai più anziani servono a prevenire malattie respiratorie: l’influenza e la polmonite da pneumococco. Evitare di essere suscettibili a queste patologie – spiega il presidente di HappyAgeing – ci permette di avere un sistema immunitario capace di rispondere meglio alla circolazione del Coronavirus. Lo abbiamo visto anche in questo periodo: chi ha affrontato il Covid-19 dopo aver contratto una malattia acuta respiratoria, come una seria influenza, ha avuto meno possibilità di reagire al contagio da Coronavirus».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ALLO STUDIO IL “CERTIFICATO DI IMMUNITÀ” PER TORNARE GRADUALMENTE AL LAVORO

Da quando è cominciata l’emergenza Coronavirus Michele Conversano è “virtualmente” accanto a tutti gli anziani d’Italia attraverso “l’Esperto risponde”, un servizio online gratuito, lanciato e curato da HappyAgeing, per una corretta informazione e buone pratiche. (Per inviare le domande è sufficiente compilare il modulo di richiesta).

A rispondere alle domande degli utenti, pubblicate in forma anonima, saranno due medici: il dottore Michele Conversano e il professore Claudio Pedone, membro del direttivo di HappyAgeing in rappresentanza della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria e professore associato di Medicina interna, Università Campus Bio-Medico di Roma.

Un supporto necessario se si considera che le fasce d’età più colpite da mortalità durante l’epidemia da Covid-19 in Italia, secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, sono quelle tra i 70 e i 90 anni, un dato confermato anche a livello globale dall’OMS. Ma non è tutto. Le conseguenze sugli anziani non si limitano purtroppo all’elevatissimo tasso di decessi (quasi il 90% dei deceduti da Covid-19 ha più di 70 anni): la pandemia da Covid-19, secondo uno studio promosso dalla Sigot, la Società Italiana di Geriatria Ospedale e Territorio, ha fatto emergere il rischio per l’anziano  fragile di disabilità funzionale, cognitiva e psico-sociale, che renderanno difficile il ritorno alla condizione precedente l’infezione.

LEGGI ANCHE: GUARITI DA COVID-19, VINEIS (CSS): «RISPOSTA IMMUNITARIA DUREREBBE ALMENO 6 MESI, MA SONO SOLO OPINIONI DEI RICERCATORI»

«L’isolamento sociale – continua Conversano – è da sempre una delle nostre principali battaglie. Per questo motivo, oltre a supportare gli anziani spiegandogli come applicare nel modo corretto tutte le norme igienico-sanitarie dettate dal governo, li invitiamo costantemente a prendersi cura di sé. Innanzitutto, attraverso una sana alimentazione, per non aggravare le patologie di cui si soffrono. Poi, praticando un po’ di attività fisica, che in questo periodo si può fare anche in casa o semplicemente evitando di prendere l’ascensore se si esce a fare la spesa. E infine non trascurando mai le relazioni sociali, contattando i propri cari con tutti i mezzi a diposizione: chat, videochiamate, ma anche una semplice telefonata, affinché – conclude Conversano – l’isolamento sociale non si trasformi in un isolamento psichico».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
Regina Elisabetta morta a 96 anni: «Esempio di longevità sana»
Ben 96 anni di vita attiva e 70 anni di regno: la Regina Elisabetta II lascia in eredità un esempio di longevità, lucidità e resilienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola