Salute 23 Aprile 2020 12:04

Ancora pochi dati su bambini e Covid-19: nasce “Epicentre”, il registro europeo condiviso di casi pediatrici e neonatali

Creato dalla società Espnic, risponderà ai tanti dubbi sulla trasmissione del virus ai più piccoli. In Italia in totale 2mila casi sotto ai 18 anni di età, una ventina i neonati positivi al virus

di Gloria Frezza

La notizia circola da qualche giorno: sembra che non solo i lavoratori industriali usciranno dalla quarantena il 4 maggio. Anche bambini e adolescenti, da due mesi senza scuola né attività sportive, potranno ritornare all’aria aperta. Tutte le precauzioni di sorta saranno necessarie: spazi ben delimitati, evitare assembramenti e muoversi rigorosamente con un genitore. Sembra però che gli esperti, come anticipato da Sandra Zampa, sottosegretaria alla Salute, siano concordi sulla necessità di concedere una libertà in più ai piccoli.

I soggetti sotto i 18 anni di età costituiscono ad oggi la categoria meno colpita dal Covid-19, che si presenta quasi sempre in forme lievi. In totale, secondo i dati diffusi dall’Istituto Superiore di Sanità, al 10 aprile i contagi di questa fascia di età erano poco più di 2mila (2.040), per la maggior parte (oltre 800) dai 12 ai 18 anni. Con una percentuale di ricovero molto bassa, 7,0%, e un solo morto. Tuttavia, secondo i pediatri che li seguono, i numeri sarebbero molto più alti.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, BAMBINO GESU’: DUE LINEE TELEFONICHE PER FAMIGLIE E PEDIATRI SUL TERRITORIO

Soprattutto sui neonati è difficile reperire dei dati concreti. Secondo il presidente della Società italiana di pediatria Alberto Villani, sono tra i 20 e i 25 i neonati in Italia positivi al virus Sars-CoV-2, ma nessuno ha sintomi importanti né desta preoccupazioni. Mancano però ancora certezze sulla possibilità di una trasmissione da madre contagiata a figlio appena nato, su cui gli esperti non sono concordi anche per la mancanza di studi efficaci. Non si conosce, ad oggi, la funzione del latte materno nel contagio, ad esempio, né si ha certezza sulla possibilità di utilizzare gli stessi farmaci che si somministrano agli adulti.

Per dare una svolta a questa situazione ha agito Espnic, Società Europea di Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale, creando “Epicentre”. Si tratta di un registro europeo dei casi di Covid pediatrico e neonatale, nato come strumento di condivisione e ricerca epidemiologica in un momento di estremo bisogno. Oltre 80 centri, europei e non, hanno aderito al sistema dal giorno del lancio, a marzo, condividendo i propri dati e permettendo al progetto di prendere forma.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E PASSEGGIATE PER I BAMBINI, IL CHIARIMENTO DEL VIMINALE E I PARERI DEI PEDIATRI

«Il momento è critico – si legge sul sito – e abbiamo bisogno di raccogliere più dati possibile su una situazione in continua evoluzione». Epicentre è un sistema anonimo e si divide in due rami di indagine: quello neonatale, per i casi diagnosticati nei primi 30 giorni di vita, e quello pediatrico, per quelli trovati oltre questo limite temporale. Il sistema è stato costruito in modo da provvedere automaticamente a unire i dati con altri simili in altri registri internazionali già lanciati. Il presidente di Espnic, Daniele De Luca, ha parlato di strumento unico e di un modo per fare luce sui dubbi degli addetti ai lavori.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»
L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»
di Isabella Faggiano
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (25 novembre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
EMA ha approvato il vaccino Pfizer per i bambini dai 5 agli 11 anni
L'Agenzia europea del farmaco segue l'FDA e approva il vaccino anti-Covid per i bambini dai 5 agli 11 anni. La dose somministrata sarà inferiore a quella di un adulto: positivi i risultati degli studi ed effetti collaterali simili a quelli degli adulti
Gimbe: +27% di nuovi casi in una settimana, aumentano anche decessi e ospedalizzazioni
Secondo il presidente della Fondazione Cartabellotta: «Per contenere la quarta ondata nel nostro Paese sul fronte vaccini è indiscutibile la necessità di raggiungere il maggior numero possibile di persone non ancora vaccinate, e così come l’allentamento delle misure restrittive deve essere graduale, la loro re-introduzione deve essere tempestiva»
Sono un cittadino italiano vaccinato all’estero, come posso ottenere il Green pass?
Cosa fare per ottenere la certificazione verde? Quali vaccino somministrati all’estero sono validi anche in Italia? Le risposte del Governo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano