Voci della Sanità 7 Aprile 2020

Coronavirus, Bambino Gesù: due linee telefoniche per famiglie e pediatri sul territorio

«L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù ha distinto i canali telefonici, uno rivolto alle famiglie, l’altro ai pediatri del territorio, per le consulenze e i consulti a distanza di carattere pediatrico nel periodo dell’emergenza coronavirus e di sospensione delle attività ambulatoriali non urgenti». Così l’ospedale pediatrico romano in un comunicato. «Per le famiglie è attivo lo 06 […]

«L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù ha distinto i canali telefonici, uno rivolto alle famiglie, l’altro ai pediatri del territorio, per le consulenze e i consulti a distanza di carattere pediatrico nel periodo dell’emergenza coronavirus e di sospensione delle attività ambulatoriali non urgenti». Così l’ospedale pediatrico romano in un comunicato.

«Per le famiglie è attivo lo 06 6859 3024, tutti i giorni dalle 9:00 alle 19:00. Un team di medici pediatri è disposizione per informazioni sui bisogni di salute non urgenti di bambini e ragazzi e per i piccoli pazienti che prima dell’emergenza avevano già avviato un percorso di cura presso gli ambulatori e i Pronto Soccorso del Bambino Gesù».

«Esclusivamente per i pediatri delle strutture ospedaliere regionali o di libera scelta è invece disponibile lo 06 6859 2088. Il servizio è attivo tutti i giorni, 24 ore su 24, per consulti tra specialisti sulla gestione clinica dei casi pediatrici e per definire i percorsi più appropriati in caso di contagio, o sospetto contagio, da COVID-19».

«Nel frattempo sono stati attivati 4 nuovi servizi di consulenza a distanza per dare risposte ai problemi di salute dei bambini e dei ragazzi costretti a casa per l’emergenza coronavirus. Diabetologia, neurologia, dermatologia, malattie rare si aggiungono alle 5 unità operative che avevano avviato le consulenze al telefono o via web lo scorso 25 marzo, per fornire informazioni e suggerimenti alle famiglie e, soprattutto, per verificare che durante la quarantena non vengano trascurate terapie, ignorati segnali di altre patologie o rimandati i necessari controlli in Ospedale, dove accesso e prestazioni avvengono in sicurezza».

Ecco di seguito i nuovi servizi attivati.

«Per i problemi di diabete il numero da contattare è lo 06 6859 4728 – si legge – dal lunedì al venerdì, dalle 8:00 alle 17:00. I diabetologi forniscono indicazioni su controlli e terapie ai pazienti che hanno già avviato un percorso di cura in Ospedale, ma sono a disposizione anche dei bambini e dei ragazzi con sospetto di malattia. Coloro, cioè, che presentano sintomi riconducibili all’insorgenza del diabete mellito di tipo 1: poliuria, fare tanta pipì, anche più di 2 litri, nell’arco della giornata; polidipsia, sensazione di sete intensa che spinge ad assumere una grande quantità di liquidi e calo di peso improvviso e non giustificato».

«Per i problemi di carattere neurologico – informa l’ospedale – è attivo lo 06 6859 3026, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 16:00. Il team di neurologi è a disposizione delle famiglie già seguite in Ospedale e dei bambini con bisogni di salute non urgenti la cui visita neurologica venga richiesta dal pediatra di famiglia. In alternativa alla consulenza telefonica, è possibile mettersi in contatto con gli esperti tramite l’indirizzo email dedicato».

«I dermatologi rispondono allo 06 6859 7071, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:00. Il servizio è rivolto ai bambini e ragazzi con bisogni di salute non urgenti già seguiti presso l’Unità Operativa di Dermatologia, il cui percorso assistenziale è stato momentaneamente sospeso a causa dell’emergenza COVID 19. Nei casi in cui lo specialista, sulla base delle informazioni raccolte attraverso il contatto con la famiglia, ritenesse necessaria una visita per la valutazione clinica del problema rilevato, provvederà a dare le indicazioni per accedere alla visita in Ospedale in regime di urgenza».

«Due le linee telefoniche per le malattie rare: lo 06 6859 2537, attivo dal lunedì al venerdì dalle 15:00 alle 16:00, è rivolto a bambini e ragazzi con condizioni genetiche e malattie rare non diagnosticate; lo 06 6859 4975, dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 11:00, ai pazienti con condizioni genetiche e malattie rare diagnosticate. I servizi sono rivolti sia ai bambini e ai ragazzi già seguiti in Ospedale, sia alle famiglie che hanno bisogno di un consulto con lo specialista in malattie rare nel periodo in cui non è possibile accedere con le consuete modalità all’ambulatorio dedicato in Ospedale».

«Nei primi 10 giorni di attività delle consulenze a distanza del Bambino Gesù – fa sapere l’ospedale – sono state circa 500, complessivamente, le chiamate registrate dalle varie unità operative. Il servizio più “gettonato” è quello dell’ambulatorio pediatrico a distanza (06 6859 3024) con circa 250 contatti. In generale, rilevano gli specialisti, le famiglie chiedono conferme e rassicurazioni sull’appropriatezza delle terapie in corso; informazioni sulle proprietà e sugli effetti di alcuni farmaci, suggerimenti sul regime alimentare più adatto ai bambini e indicazioni su come affrontare questo periodo di grande stress emotivo che nei più piccoli spesso si manifesta attraverso crisi di pianto improvviso, irritabilità e iperattività».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sollievo Bimbi, il primo hospice pediatrico della Lombardia compie un anno
VIDAS celebra la ricorrenza con #PRESENTE, speciale diretta streaming con operatori, famiglie e volontari insieme a tanti amici del mondo dello spettacolo
La nuova sanità pediatrica tra telemedicina e implementazione reti ospedaliere hub e spoke. Le possibilità per il post Covid-19
D'Avino (FIMP): «Pediatri devono poter prescrivere tamponi rapidi. Impensabile riammettere un bambino a scuola senza certezza della diagnosi»
I pediatri: «Serve pediatria di comunità. A scuola fondamentale educazione sanitaria»
Il contributo di Giuseppe Mele, Presidente della Società italiana medici pediatri
di Giuseppe Mele, Presidente Simpe
Lotta ai tumori: scoperto meccanismo molecolare con cui ingannano le cellule “natural killer”
I ricercatori del Bambino Gesù, insieme all’Università di Genova e con il sostegno di AIRC, hanno svelato come si attiva il check-point inibitore PD-1 sulle cellule NK. Lo studio pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology
Bambini e lockdown, i pediatri: «Prevedere piano per riapertura scuole in sicurezza»
Il pediatra e deputato Paolo Siani (Pd): «Assenza da scuola tutela la salute, ma mina tutti gli altri diritti dell’infanzia». La psicologa Confalonieri (Università Cattolica Milano): «Monitorare segnali di scarso riadattamento sociale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco