Voci della Sanità 7 Aprile 2020

Coronavirus, Bambino Gesù: due linee telefoniche per famiglie e pediatri sul territorio

«L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù ha distinto i canali telefonici, uno rivolto alle famiglie, l’altro ai pediatri del territorio, per le consulenze e i consulti a distanza di carattere pediatrico nel periodo dell’emergenza coronavirus e di sospensione delle attività ambulatoriali non urgenti». Così l’ospedale pediatrico romano in un comunicato. «Per le famiglie è attivo lo 06 […]

«L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù ha distinto i canali telefonici, uno rivolto alle famiglie, l’altro ai pediatri del territorio, per le consulenze e i consulti a distanza di carattere pediatrico nel periodo dell’emergenza coronavirus e di sospensione delle attività ambulatoriali non urgenti». Così l’ospedale pediatrico romano in un comunicato.

«Per le famiglie è attivo lo 06 6859 3024, tutti i giorni dalle 9:00 alle 19:00. Un team di medici pediatri è disposizione per informazioni sui bisogni di salute non urgenti di bambini e ragazzi e per i piccoli pazienti che prima dell’emergenza avevano già avviato un percorso di cura presso gli ambulatori e i Pronto Soccorso del Bambino Gesù».

«Esclusivamente per i pediatri delle strutture ospedaliere regionali o di libera scelta è invece disponibile lo 06 6859 2088. Il servizio è attivo tutti i giorni, 24 ore su 24, per consulti tra specialisti sulla gestione clinica dei casi pediatrici e per definire i percorsi più appropriati in caso di contagio, o sospetto contagio, da COVID-19».

«Nel frattempo sono stati attivati 4 nuovi servizi di consulenza a distanza per dare risposte ai problemi di salute dei bambini e dei ragazzi costretti a casa per l’emergenza coronavirus. Diabetologia, neurologia, dermatologia, malattie rare si aggiungono alle 5 unità operative che avevano avviato le consulenze al telefono o via web lo scorso 25 marzo, per fornire informazioni e suggerimenti alle famiglie e, soprattutto, per verificare che durante la quarantena non vengano trascurate terapie, ignorati segnali di altre patologie o rimandati i necessari controlli in Ospedale, dove accesso e prestazioni avvengono in sicurezza».

Ecco di seguito i nuovi servizi attivati.

«Per i problemi di diabete il numero da contattare è lo 06 6859 4728 – si legge – dal lunedì al venerdì, dalle 8:00 alle 17:00. I diabetologi forniscono indicazioni su controlli e terapie ai pazienti che hanno già avviato un percorso di cura in Ospedale, ma sono a disposizione anche dei bambini e dei ragazzi con sospetto di malattia. Coloro, cioè, che presentano sintomi riconducibili all’insorgenza del diabete mellito di tipo 1: poliuria, fare tanta pipì, anche più di 2 litri, nell’arco della giornata; polidipsia, sensazione di sete intensa che spinge ad assumere una grande quantità di liquidi e calo di peso improvviso e non giustificato».

«Per i problemi di carattere neurologico – informa l’ospedale – è attivo lo 06 6859 3026, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 16:00. Il team di neurologi è a disposizione delle famiglie già seguite in Ospedale e dei bambini con bisogni di salute non urgenti la cui visita neurologica venga richiesta dal pediatra di famiglia. In alternativa alla consulenza telefonica, è possibile mettersi in contatto con gli esperti tramite l’indirizzo email dedicato».

«I dermatologi rispondono allo 06 6859 7071, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:00. Il servizio è rivolto ai bambini e ragazzi con bisogni di salute non urgenti già seguiti presso l’Unità Operativa di Dermatologia, il cui percorso assistenziale è stato momentaneamente sospeso a causa dell’emergenza COVID 19. Nei casi in cui lo specialista, sulla base delle informazioni raccolte attraverso il contatto con la famiglia, ritenesse necessaria una visita per la valutazione clinica del problema rilevato, provvederà a dare le indicazioni per accedere alla visita in Ospedale in regime di urgenza».

«Due le linee telefoniche per le malattie rare: lo 06 6859 2537, attivo dal lunedì al venerdì dalle 15:00 alle 16:00, è rivolto a bambini e ragazzi con condizioni genetiche e malattie rare non diagnosticate; lo 06 6859 4975, dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 11:00, ai pazienti con condizioni genetiche e malattie rare diagnosticate. I servizi sono rivolti sia ai bambini e ai ragazzi già seguiti in Ospedale, sia alle famiglie che hanno bisogno di un consulto con lo specialista in malattie rare nel periodo in cui non è possibile accedere con le consuete modalità all’ambulatorio dedicato in Ospedale».

«Nei primi 10 giorni di attività delle consulenze a distanza del Bambino Gesù – fa sapere l’ospedale – sono state circa 500, complessivamente, le chiamate registrate dalle varie unità operative. Il servizio più “gettonato” è quello dell’ambulatorio pediatrico a distanza (06 6859 3024) con circa 250 contatti. In generale, rilevano gli specialisti, le famiglie chiedono conferme e rassicurazioni sull’appropriatezza delle terapie in corso; informazioni sulle proprietà e sugli effetti di alcuni farmaci, suggerimenti sul regime alimentare più adatto ai bambini e indicazioni su come affrontare questo periodo di grande stress emotivo che nei più piccoli spesso si manifesta attraverso crisi di pianto improvviso, irritabilità e iperattività».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Chiusura scuole in Campania, i pediatri: «Più pericolosi gli incontri per strada o in casa»
Giuliano (Simpe Campania): «Sbagliato colpire l’istruzione, l’impatto delle scuole nei contagi è minimo». Mele (Simpe nazionale): «Atto dovuto, ma evitare che la chiusura della scuola generi ulteriori occasioni di assembramento»
Tamponi rapidi e diagnostica di primo livello facilitati per MMG e pediatri: approvato atto di indirizzo
Caparini (Comitato settore Regioni-sanità): «La grave situazione emergenziale che il Paese sta affrontando impone una risposta tempestiva ed adeguata dell’assistenza territoriale»
Giornata Salute Mentale, l’appello dei Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica: «Numeri enormi, occorre potenziare i DSM e combattere lo stigma»
Secondo l’OMS i sistemi sanitari non hanno ancora risposto adeguatamente al peso globale di malattia correlato ai disturbi mentali. De Lorenzo (CdA TeRP): «A causa della pandemia Covid-19 osserviamo che tanti giovani ma anche tanti over 65 stanno soffrendo in questo periodo. La rete pubblica va fornita di nuova linfa»
Covid-19, Sip: «Ecco le raccomandazioni per le visite pediatriche»
Cosa fare se il mio bambino ha raffreddore, febbre o tosse? Qual è il percorso corretto da seguire? Sulla rivista Italian Journal of Pediatrics le “Raccomandazioni per l’assistenza sanitaria e le visite pediatriche in era Covid-19” della Società Italiana di Pediatria per pediatri e genitori
Coronavirus e bambini, come affrontare i danni collaterali dei dispositivi digitali
di Paolo Becherucci (Presidente della Società Italiana di Cure Primarie Pediatriche) e di Giovanni Cerimoniale
di Paolo Becherucci (Presidente SICuPP) e Giovanni Cerimoniale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...