Salute 25 Novembre 2020 06:38

Al via il Congresso virtuale SOI, Piovella: «Con la pandemia 6 milioni di visite e 500mila interventi in meno»

Il presidente sottolinea l’impegno della Società oftalmologica italiana e incoraggia l’utilizzo dei tamponi antigenici rapidi per tracciare gli eventuali positivi e convincere i pazienti a prenotare le visite oculistiche

La seconda ondata di Covid-19 e il nuovo picco pandemico si stanno abbattendo con violenza sul Sistema sanitario nazionale che già aveva mostrato problemi e criticità.

Molti ospedali, per aumentare la disponibilità di posti per i pazienti colpiti da Covid-19, hanno chiuso le sale operatorie, i reparti e gli ambulatori. A pagarne le spese anche l’oculistica «con migliaia di pazienti costretti a rinunciare a curare i propri occhi», come ha denunciato il presidente della Società oftalmologica italiana (Soi) Matteo Piovella durante la conferenza stampa di presentazione del secondo Congresso virtuale SOI che si terrà dal 26 al 28 novembre 2020.

«C’è una riduzione di visite e interventi del 50% – ha spiegato Piovella – quindi 6 milioni di visite e 500mila interventi in meno. Due i fattori principali: gli ospedali non sono disponibili a erogare le prestazioni di tipo oculistico, anche quelle d’urgenza, perché le risorse sono tutte dedicate a contrastare il Covid-19. In secondo luogo, abbiamo mantenuto strutture che tenevano separate le persone positive e potenzialmente infette dai pazienti sani, ma a livello nazionale questo non può essere garantito e le persone si rifiutano di fare visite oculistiche o interventi perché pensano di contagiarsi».

Ma il timore dei contagi nelle strutture sanitarie è ancora giustificato? «Su questo dobbiamo lavorare – ha precisato Piovella – perché si è creata una mentalità da combattere: le persone sono consapevoli che si devono sottoporre a controlli oculistici ma sono spaventati e c’è molta resistenza». La soluzione, secondo Piovella, è incentivare la diffusione e l’utilizzo dei tamponi antigenici rapidi per individuare i positivi. «La SOI ha fornito indicazioni e rassicurazioni ai pazienti per evitare il contagio: i tamponi si possono fare dai medici di medicina generale e in farmacia. L’accesso ai centri specializzati deve essere riservato ai pazienti con tampone antigenico negativo».

Nei momenti difficili si creano nuove strategie e modus operandi; è il caso del Congresso virtuale SOI, nel corso del quale saranno presentate le nuove linee guida sulla gestione della cataratta: «Oggi – ha sottolineato Piovella – gli interventi sono più sicuri e accessibili. La chirurgia della cataratta è talmente migliorata che si operano le persone con difetti di vista penalizzanti anche senza cataratta. Le complicazioni si sono ridotte e le competenze aumentate». Al congresso Soi si parlerà anche di glaucoma: «Quando operiamo una persona di cataratta c’è un beneficio anche a livello di pressione oculare, per questo aiuta in alcune forme di glaucoma».

Infine, qualche suggerimento per proteggere la vista degli adolescenti che usano la didattica a distanza e di chi lavora in smart working: «Dagli 8 ai 13 anni si sviluppa la miopia – ha evidenziato Piovella – per questo bisogna far trascorrere a bambini e ragazzi una parte della giornata al sole e all’aperto». E ancora: «Chi dopo i 40 anni trascorre al pc tante ore al giorno deve usare lubrificanti per gli occhi e migliorare l’umidita delle abitazioni e degli uffici. Quando lavoriamo al pc si attiva la messa a fuoco, c’è uno sforzo visivo che dopo tante ore affatica la vista. È importante, spesso, alzarsi per la postura e guardare in lontananza per far riposare l’occhio e rilasciare la tensione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Risorse mai aggiornate e carenza di medici oculisti», l’appello della SOI a cittadini e politica
«Risorse mai aggiornate e carenza di medici oculisti: solo 1500 dei 7mila oftalmologi italiani fanno parte del SSN. Necessario dare una svolta». Questo l’appello che la Società Oftalmologica Italiana, che da 153 anni rappresenta e sostiene i medici oculisti italiani per tutelare le necessità dei pazienti, rivolge a tutti i cittadini
PMA, Siru: «In aumento coppie che si tirano indietro. Nel 2021 quasi 5mila nascite in meno»
In occasione del V Congresso Nazionale della SIRU, gli specialisti sottolineano la necessità di potenziare il supporto psicologico delle coppie già prima dell'inizio di un percorso di PMA
Endocrinologi a congresso, tutte le novità più recenti della ricerca clinica e di base
Franco Grimaldi, presidente dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS): "Il Congresso Europeo di Endocrinologia, che si terrà da sabato 21 maggio a Milano, sarà un'occasione importante di confronto tra gli endocrinologi italiani ed europei"
Minuscoli cristalli artificiali possono restituire la vista, ma il SSN non ne copre le spese
A scoprire le carte sull’inadeguatezza delle cure oculistiche offerte dalla Sanità pubblica è Matteo Piovella, presidente della Società Oftalmologica Italiana, in occasione del 19° congresso Internazionale SOI. «L’intervento rifrattivo del cristallino sta sostituendo la chirurgia della cataratta, ma il SSN non è in grado di sostenerne i costi e, quindi, chi vuole farlo deve pagarlo di tasca propria»
Al via a Palazzo Pirelli la campagna “Testa la vista”
“Testa la Vista” punta alla prevenzione della maculopatia, che colpisce circa 300 mila persone in Lombardia (2 milioni in Italia), e a quella delle patologie correlate come il diabete.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi