Salute 1 Luglio 2021 17:28

Al via i saldi estivi, ma quando lo shopping diventa una malattia?

Lo psicoterapeuta Claudio Dalpiaz, in un’intervista a Sanità Informazione, delinea l’identikit dello shopper compulsivo e offre consigli utili a coloro che, pur non avendo comportamenti patologici, vorrebbero utilizzare il portafogli in modo più consapevole. Dalla Flinders University le linee guida per diagnosi e trattamento dello shopping compulsivo

di Isabella Faggiano

Se Rebecca Bloomwood, la protagonista del film I Love Shopping, tratto dall’omonimo romanzo, fosse vissuta nel 2021 avrebbe accumulato molto più di 17 mila dollari di debiti. Nell’era dell’e-commerce, dove tutto è a portata di click, compresi prodotti fabbricati in ogni parte del globo, sono sempre di più gli shopaholic, ovvero maniaci dello shopping. E, senza alcun dubbio, per Rebecca Bloomwood sarebbe stato questo uno dei periodi più pericolosi dell’anno: i saldi estivi, inaugurati, tra oggi e domani, nella maggior parte delle regioni italiane. Ma attenzione a non esagerare: se lo shopaholic diventa una passione incontrollata può sfociare in un vero e proprio disturbo psicologico: lo shopping compulsivo.

Quando gli acquisti smodati possono essere segno di patologia?

«Potremmo cominciare ponendoci due semplici domande – dice Claudio Dalpiaz, psicologo e psicoterapeuta, membro dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, presidente PsyPlus ETS -. “Hai mai sentito il bisogno di aumentare i tuoi acquisti, comprando cose di scarsa utilità e non riuscendo a resistere alla tentazione di farlo?”. Ancora: “Hai mai mentito a persone a te care sui tuoi acquisti?”. Se la risposta è affermativa anche ad una sola delle due – aggiunge lo specialista – allora è molto probabile che il disagio si stia trasformando in qualcosa di più complesso, tanto da meritare la supervisione di uno specialista».

Le caratteristiche dello shopper compulsivo

Lo shopping può creare dipendenza, esattamente come l’alcol e le droghe. «Al pari delle sostanze stupefacenti, lo shopping viene “autosomministrato” in particolari condizioni – spiega Dalpiaz – che possono essere caratterizzate da un’urgenza positiva o negativa. Quest’ultima si attiva in situazioni di ansia, tristezza o depressione, stati negativi a cui si risponde comprando qualcosa. Il benessere che ne deriva può spingere l’individuo a ripetere la stessa azione ogni volta che percepirà un umore negativo. La dipendenza, infatti non è la risposta ad un problema, può solo far dimenticare temporaneamente la domanda. Interrogativo che, inevitabilmente, ritornerà di nuovo ad assillare la mente, innescando un circolo vizioso: si compra per scacciare la tristezza, ma poco dopo ci si sente in colpa per aver speso cifre eccessive in acquisti inutili. Questo senso di auto-colpevolezza sarà, a sua volta, placato con lo shopping. E cosi via».

L’epilogo non è difficile da immaginare: gli acquisti diventeranno compulsivi, incrinando le relazioni e compromettendo la performance professionale. «In altri soggetti lo stesso meccanismo può essere innescato da un’urgenza positiva. Si tratta per lo più di individui anedonici che, incapaci, in modo totale o parziale, di provare soddisfazione, appagamento o interesse nelle consuete attività piacevoli, ne ricercano altre più stimolanti, come lo shopping incontrollato».

Le insidie dell’e-commerce

Una ricerca ininterrotta del piacere oggi semplificata dalla diffusione delle nuove tecnologie, in particolare dall’e-commerce. Se prima “l’amante dello shopping” dedicava un giorno alla settimane alla sua mania, oggi può farlo in qualsiasi momento della giornata, impiegando pochi minuti. «Utilizzare la carta di credito per un acquisto online è di gran lunga più facile che uscire di casa, entrare in un negozio, scegliere cosa comprare ed aprire il portafoglio per pagare. Una semplicità di azione – sottolinea lo psicologo – che aumenta, senz’altro, il rischio di shopping compulsivo in un soggetto a rischio ed una maggiore diffusione del disturbo tra la popolazione in generale».

Le linee guida per la diagnosi e il trattamento

Non è un caso, dunque, che nonostante lo shopping compulsivo sia descritto in ambito clinico da oltre un secolo senza una diagnosi formalmente accettata, proprio ora gli esperti abbiano sentito l’esigenza di arrivare ad un punto di svolta. Un nuovo studio guidato dalla Flinders University, pubblicato sul Journal of Behavioral Addictions, infatti, ha fornito delle linee guida per migliorare i trattamenti e i processi diagnostici futuri. Il documento, nato da una consultazione che ha coinvolto 138 esperti internazionali (ricercatori e medici) di 35 paesi diversi, conferma che acquisti compulsivi ed eccessivi possono essere così gravi da costituire un disturbo, offrendo a ricercatori e medici nuove opportunità per sviluppare interventi più mirati per questa condizione debilitante.

Se lo shopping non è una dipendenza

Tuttavia amare lo shopping non significa necessariamente esserne dipendenti. «A coloro che vogliono contenere i propri acquisti, soprattutto quelli voluttuari – dice lo psicoterapeuta – consiglio di definire un budget mensile per le spese non necessarie e di appuntarle su un diario, affiancando anche una descrizione del proprio stato d’animo al momento dell’acquisto. Evidenziate le cose per cui si tende a spendere di più e l’umore più spesso associato, sarà possibile concentrarsi sulla ricerca di alternative, come attività capaci di modificare ugualmente il proprio stato d’animo da negativo a positivo». Proprio come Rebecca Bloomwood che, dopo numerose disavventure, solo vendendo tutti i suoi vestiti e saldando tutti i debiti accumulati, riuscirà finalmente a ritrovare la sua serenità.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Dad e generazioni perse, Sellini (AUPI): «Ormai non è più un’emergenza, servono provvedimenti strutturali»
Secondo il Segretario Generale dell’Associazione Unitaria Psicologi Italiani, gli stanziamenti previsti per gli psicologi nel Decreto Sostegni bis sono «una buona notizia ma rappresentano interventi parziali»
Europei, Lazzari (CNOP): «Vittoria Italia nutre speranza e prospettiva di ritorno alla normalità»
«La vittoria degli azzurri agli Europei di calcio, sul piano psicologico, nutre la speranza delle persone ed è un’affermazione della normalità, con la prospettiva di un ritorno a una dimensione meno emergenziale. Avvicina anche ad una situazione di ripartenza». Così David Lazzari, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli psicologi che aggiunge: «L’affermazione della nazionale di […]
Giornata mondiale del bacio, lo psicologo: «La pandemia ci ha privato del nostro alfabeto emotivo»
Michele Spaccarotella: «Quando tutto sarà finito torneremo a baciarci come prima, ma avremo bisogno di tempo per dimenticare restrizioni e timori»
di Isabella Faggiano
Giornata mondiale dei genitori, la psicologa: «I single non siano isolati»
Il boom della monogenitorialità: nel 1983 i genitori single erano meno di mezzo milione, nel 2005 600 mila. Oggi sono più che raddoppiati: 900 mila le mamme e 141 mila i papà soli
di Isabella Faggiano
Psicopandemia, le risposte della politica. Speranza: «Il ruolo dello psicologo è più attuale che mai»
Psicologi nelle scuole, nei servizi del SSN, accanto ai medici di famiglia ed ai pediatri di libera scelta: ecco i luoghi strategici dove garantire il sostegno psicologico. Al webinar del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi, azioni e proposte di rappresentanti della politica e della sanità
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.335.925 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.224.492 i decessi. Ad oggi, oltre 4.11 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva