Salute 18 Aprile 2018 10:30

Al via Exposanità 2018: 300 convegni e 700 aziende partecipanti, a Bologna l’eccellenza in salute

Sette focus tematici (ospedale, innovazioni, terza età, prevenzione, disabilità, ortopedia e primo soccorso), oltre 300 convegni (tra cui su innovazione tecnologica e digitale, contrasto alle infezioni, etica professionale…), 678 aziende partecipanti e quasi mille ore di formazione. Sono i numeri e parte del ‘menu’ di Exposanità, mostra internazionale dedicata alla sanità e all’assistenza, che dal […]

Sette focus tematici (ospedale, innovazioni, terza età, prevenzione, disabilità, ortopedia e primo soccorso), oltre 300 convegni (tra cui su innovazione tecnologica e digitale, contrasto alle infezioni, etica professionale…), 678 aziende partecipanti e quasi mille ore di formazione.

Sono i numeri e parte del ‘menu’ di Exposanità, mostra internazionale dedicata alla sanità e all’assistenza, che dal 18 al 21 aprile, in Fiera a Bologna, (in contemporanea con Cosmofarma, 20-21 aprile) taglia il traguardo della 21esima edizione. È una manifestazione, come sottolineano gli organizzatori, che si delinea come luogo privilegiato per il confronto e l’analisi dei dati di un settore produttivo che vanta sul territorio nazionale punte di vera eccellenza. Lo rimarcano anche altri dati: l’intera filiera della salute, tra pubblico e privato, produce il 10,7% del Pil e il 10% (2,4 milioni di persone) degli occupati italiani. Secondo i dati di Assobiomedica, conta 4.480 imprese (per ciò che riguarda i dispositivi medici) e oltre 68.000 dipendenti. Il 43% si occupa di distribuzione, il 53% di produzione e il 4% di servizi. Le imprese multinazionali sono il 13%, ma il loro fatturato rappresenta il 60% del totale. Il 40% delle multinazionali sono italiane, il 60% sono estere. Quasi il 69% delle imprese e oltre l’83% del fatturato si concentrano in cinque regioni: Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio, Veneto e Toscana.

Exposanità, fin dalla sua prima edizione, guarda ed analizza tutto questo, al rapporto tra sanità e assistenza e al tema della modernizzazione. E di spunti ce ne sono parecchi. «Il Sistema sanitario italiano è tra i migliori al mondo, resta però, quello nazionale, un quadro frammentato in cui convivono realtà eterogenee». Ad Exposanità saranno presenti le aziende che, con le loro innovazioni tecnologiche, riescono ad assicurare una qualità di vita migliore ad una fetta importante della popolazione, come sono appunto gli anziani. Ad esempio: assicurarsi che i “nonni” stiano bene e abbiano tutto ciò di cui hanno bisogno anche quando siamo lontani da loro: è l’obiettivo di due app sviluppate da Doro, azienda leader a livello mondiale nel settore della telefonia semplificata.

La prima, My Doro Manager, consente da remoto di ‘controllare’ il dispositivo del ‘senior’, e in particolare di configurare i numeri da chiamare in caso di emergenza, abbassare o alzare la suoneria, verificare lo stato della batteria. Con Doro connect & care, invece, si crea una vera e propria rete tra persone autorizzate, all’interno della quale il senior può chiedere aiuto, per esempio, per fare la spesa o per andare a una visita medica. Stare vicino ai proprio anziani, anche quando sono ospiti nelle Rsa, le Residenze sanitarie assistenziali e’ invece uno dei tanti obiettivi di CollegaMENTI, un progetto innovativo sviluppato da Cba Group, azienda informatica trentina con sede a Rovereto. CollegaMENTI è partito due anni fa e conta di diventare operativo tra meno di un anno: l’obiettivo e’ creare una rete virtuale tra i 3 protagonisti principali (anziani, operatori, familiari), per farli comunicare tra loro e approfondire il rapporto di fiducia e di reciproca collaborazione.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Giornata malattie rare. La legge c’è, mancano i decreti attuativi. L’appello unanime di politici, medici e pazienti
Lo scorso novembre è stato approvato il Testo Unico sulle Malattie rare, un provvedimento che affronta sia gli aspetti sanitari che sociali di queste patologie. Oggi, 28 febbraio, in occasione della Giornata delle Malattie Rare, la senatrice Paola Binetti lancia il suo appello: «In ballo la salute di due milioni di italiani. La legge formula delle proposte, ma servono i decreti attuativi affinché tali soluzioni si concretizzino»
Eutanasia, Bologna (Coraggio Italia): «Armonizzare testo con legge sulle cure palliative»
Il medico e deputato di Coraggio Italia Fabiola Bologna non nasconde le sue perplessità sulla legge in discussione alla Camera: «Come medico ho seguito tanti pazienti con patologie gravi e gravissime che mi hanno chiesto di vivere anche con la loro malattia in modo dignitoso»
di Francesco Torre
Malattie Rare, On. Bologna: «Ecco cosa prevede il Testo Unico»
Intervista alla prima firmataria del Disegno di legge: «Unificazione di cure e trattamenti a livello nazionale, aggiornamento dei Lea e contributi alla ricerca»
Malattie rare, avviato alla Camera esame del Testo Unico
Le Associazioni dell’Alleanza Malattie Rare: «Legge necessaria, ma bisognerà vigilare sull’uniformità di applicazione a livello regionale, rimangono troppe disparità»
Il Policlinico Sant’Orsola diventa IRCCS. Il via libera dalla Conferenza Stato-Regioni
«Il Policlinico Sant’Orsola, insieme a due unità operative dell’Ospedale Maggiore di Bologna, Chirurgia toracica e Chirurgia A e d’urgenza, diventa IRCCS, il primo Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico interaziendale dell’Emilia-Romagna, coinvolgendo sia l’Azienda Ospedaliero-Universitaria che l’Azienda Usl: il via libera è arrivato oggi a Roma dalla Conferenza Stato-Regioni». Lo rende noto la […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali