Salute 18 Aprile 2018

Al via Exposanità 2018: 300 convegni e 700 aziende partecipanti, a Bologna l’eccellenza in salute

Sette focus tematici (ospedale, innovazioni, terza età, prevenzione, disabilità, ortopedia e primo soccorso), oltre 300 convegni (tra cui su innovazione tecnologica e digitale, contrasto alle infezioni, etica professionale…), 678 aziende partecipanti e quasi mille ore di formazione. Sono i numeri e parte del ‘menu’ di Exposanità, mostra internazionale dedicata alla sanità e all’assistenza, che dal […]

Sette focus tematici (ospedale, innovazioni, terza età, prevenzione, disabilità, ortopedia e primo soccorso), oltre 300 convegni (tra cui su innovazione tecnologica e digitale, contrasto alle infezioni, etica professionale…), 678 aziende partecipanti e quasi mille ore di formazione.

Sono i numeri e parte del ‘menu’ di Exposanità, mostra internazionale dedicata alla sanità e all’assistenza, che dal 18 al 21 aprile, in Fiera a Bologna, (in contemporanea con Cosmofarma, 20-21 aprile) taglia il traguardo della 21esima edizione. È una manifestazione, come sottolineano gli organizzatori, che si delinea come luogo privilegiato per il confronto e l’analisi dei dati di un settore produttivo che vanta sul territorio nazionale punte di vera eccellenza. Lo rimarcano anche altri dati: l’intera filiera della salute, tra pubblico e privato, produce il 10,7% del Pil e il 10% (2,4 milioni di persone) degli occupati italiani. Secondo i dati di Assobiomedica, conta 4.480 imprese (per ciò che riguarda i dispositivi medici) e oltre 68.000 dipendenti. Il 43% si occupa di distribuzione, il 53% di produzione e il 4% di servizi. Le imprese multinazionali sono il 13%, ma il loro fatturato rappresenta il 60% del totale. Il 40% delle multinazionali sono italiane, il 60% sono estere. Quasi il 69% delle imprese e oltre l’83% del fatturato si concentrano in cinque regioni: Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio, Veneto e Toscana.

Exposanità, fin dalla sua prima edizione, guarda ed analizza tutto questo, al rapporto tra sanità e assistenza e al tema della modernizzazione. E di spunti ce ne sono parecchi. «Il Sistema sanitario italiano è tra i migliori al mondo, resta però, quello nazionale, un quadro frammentato in cui convivono realtà eterogenee». Ad Exposanità saranno presenti le aziende che, con le loro innovazioni tecnologiche, riescono ad assicurare una qualità di vita migliore ad una fetta importante della popolazione, come sono appunto gli anziani. Ad esempio: assicurarsi che i “nonni” stiano bene e abbiano tutto ciò di cui hanno bisogno anche quando siamo lontani da loro: è l’obiettivo di due app sviluppate da Doro, azienda leader a livello mondiale nel settore della telefonia semplificata.

La prima, My Doro Manager, consente da remoto di ‘controllare’ il dispositivo del ‘senior’, e in particolare di configurare i numeri da chiamare in caso di emergenza, abbassare o alzare la suoneria, verificare lo stato della batteria. Con Doro connect & care, invece, si crea una vera e propria rete tra persone autorizzate, all’interno della quale il senior può chiedere aiuto, per esempio, per fare la spesa o per andare a una visita medica. Stare vicino ai proprio anziani, anche quando sono ospiti nelle Rsa, le Residenze sanitarie assistenziali e’ invece uno dei tanti obiettivi di CollegaMENTI, un progetto innovativo sviluppato da Cba Group, azienda informatica trentina con sede a Rovereto. CollegaMENTI è partito due anni fa e conta di diventare operativo tra meno di un anno: l’obiettivo e’ creare una rete virtuale tra i 3 protagonisti principali (anziani, operatori, familiari), per farli comunicare tra loro e approfondire il rapporto di fiducia e di reciproca collaborazione.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Bologna, Antonacci fa visita ai ragazzi ricoverati al Rizzoli: «Quanto amore ho visto»
L’invito dell’associazione Ansabbio è stato prontamente accettato dal cantautore Biagio Antonacci, che ha fatto visita ai pazienti ricoverati nei reparti oncologici e pediatrici dell’ospedale Rizzoli. Lo fa sapere lo stesso cantante sul profilo Fb, sottolineando l’amore che ha trovato con queste parole: «Oggi sono stato all’ospedale Rizzoli di Bologna a trovare i ragazzi ricoverati nei reparti oncologici e pediatrici. […]
“Testa o croce? Non affidarti al caso”. A Bologna i maxi poster della campagna UAAR sui medici obiettori | FOTO
«Avere un ginecologo di fiducia del quale sono note le opinioni su questi aspetti è fondamentale. La nostra libertà è un bene prezioso, esercitiamola sin dall’inizio e fino alla fine. Non affidiamoci al caso» così l’Unione degli atei e degli agnostici razionalisti (UAAR) avvisa le donne
Chirurgia Vertebrale: a Bologna il Memorial Patrizio Parisini
Un meeting scientifico per ricordare, a dieci anni dalla sua scomparsa, il chirurgo Patrizio Parisini, che ha diretto per 18 anni la Divisione di Chirurgia Ortopedica traumatologica vertebrale dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna. L’appuntamento con il “Memorial Patrizio Parisini” – organizzato dall’Istituto Ortopedico Rizzoli e dalla Società scientifica SICV&GIS – è per il 23 e […]
Bologna, una tre giorni per promuovere la salute
Bologna capitale della promozione della salute nei centri urbani. Il 15 e 16 novembre 2018, infatti, si svolgerà il 16° meeting della Rete Città Sane, la rete italiana dei comuni riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’evento avrà luogo presso Palazzo Pepoli – Museo della Storia di Bologna e il titolo sarà “Urban health: comunità, luoghi e partecipazione”.  Nel […]
Bologna, tre Premi Nobel al Festival della Scienza Medica. Il Direttore Scientifico Corbellini: «Pazienti interagiranno con intelligenze artificiali»
Il quarto appuntamento con la cultura medico-scientifica, a Bologna dal 3 al 6 maggio, è dedicato al tempo della cura. Il Professore presenta il Festival a Sanità Informazione: «La comunicazione medico-paziente può arginare le pseudocure»
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone