Salute 4 Giugno 2021 12:47

Malattie Rare, On. Bologna: «Ecco cosa prevede il Testo Unico»

Intervista alla prima firmataria del Disegno di legge: «Unificazione di cure e trattamenti a livello nazionale, aggiornamento dei Lea e contributi alla ricerca»

Un totale di 16 articoli che riuniscono cinque diverse proposte di legge avanzate in Parlamento negli ultimi anni. È composto così il Testo Unico sulle Malattie Rare che, dopo essere stato approvato all’unanimità alla Camera, verrà sottoposto al Senato. «E mi auguro – spiega a Sanità Informazione l’Onorevole Fabiola Bologna, membro della Commissione XII Affari Sociali, prima firmataria del Disegno di legge – che il Senato, che ha collaborato con noi della Camera tramite l’Intergruppo parlamentare per le Malattie Rare, possa accogliere il risultato di un lavoro durato quasi tre anni, un lavoro molto forte anche dal punto di vista finanziario, e approvarlo rapidamente». Solo così, ovvero senza ulteriori modifiche che poi richiederebbero un ritorno del testo alla Camera per una nuova approvazione, si potrà vederlo «in Gazzetta Ufficiale e si potrà procedere anche con il Piano Nazionale Malattie Rare e con tutti i decreti attuativi necessari alla sua applicazione».

Il “cuore pulsante” del Testo Unico sulle Malattie Rare

Ma com’è strutturato questo Testo Unico sulle Malattie Rare? Cosa contiene? «Nel primo articolo – spiega l’On. Bologna – sono contenuti gli obiettivi. In particolare, quello di rendere uniforme le cure e il trattamento delle malattie rare a livello nazionale. È un aspetto molto importante che ci è stato chiesto da tutti i professionisti e tutte le associazioni che abbiamo incontrato nel percorso di audizione».

Altro punto fondamentale, «l’aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza, che deve andare di pari passo con la ricerca scientifica, la quale è molto viva nell’ambito delle malattie rare e produce in continuazione nuove scoperte».

Grande attenzione è poi stata dedicata al «percorso diagnostico-terapeutico-assistenziale personalizzato», in quanto «le malattie rare attualmente conosciute sono più di 7mila e ogni paziente ha esigenze diverse, e dunque a seconda della sua condizione ha bisogno di cure, dispositivi medici e assistenza adeguati alla sua malattia e allo sviluppo della stessa».

Con il Testo Unico sulle Malattie Rare viene poi istituito un fondo speciale di un milione di euro l’anno che potrà essere incrementato in futuro. «Con questo – spiega l’On. Bologna – cerchiamo di assistere la famiglia, e dunque i caregiver, che si occupa del bambino affetto da malattia rara, poi accompagniamo il bambino nel suo percorso con un piano personalizzato scolastico e, infine, diamo dei fondi utili al suo inserimento lavorativo una volta adulto».

Il punto su ricerca, farmaci e sensibilizzazione

L’On. Bologna parla di provvedimenti che incidono sulla «disponibilità dei farmaci, sulla ricerca, sullo screening neonatale esteso», ma anche su incentivi fiscali verso le aziende che «vogliono mettersi in gioco nel campo delle malattie rare e nella ricerca dei farmaci orfani».

Nello specifico, il Testo Unico prevede un finanziamento di 10 milioni di euro annui con tetto di 200 milioni per ogni azienda. Non vengono però tralasciati neanche i temi dell’informazione e della sensibilizzazione sull’argomento. Informazione e sensibilizzazione rivolte sia verso «i malati rari e i loro familiari, per tenerli al corrente di quel che accade, sia verso i professionisti, come MMG e specialisti, che hanno bisogno di essere costantemente aggiornati sulle novità scientifiche, sia, infine, verso i cittadini che non rientrano in quei 6 milioni di persone che, direttamente o indirettamente, sono colpiti da una malattia rara. Anche loro devono conoscere questo tipo di problematiche».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute mentale, lauree abilitanti e tutela delle persone sorde: la settimana in Parlamento
Palazzo Madama esaminerà due importanti decreti in scadenza, quello sulla Ripresa delle attività economiche e quello sul Fondo complementare Piano nazionale ripresa e resilienza. In Commissione Affari Sociali spazio ai Ddl su defibrillatori automatici e semiautomatici, immunodeficienze congenite e budget di salute. A Montecitorio esame del Testo unico sui ricercatori universitari
Malattie Rare, in Senato il progetto di legge per intitolare una giornata nazionale ai Rare sibling
L’iniziativa portata avanti dalla senatrice Paola Binetti è stata presentata questa mattina a Palazzo Madama con la partecipazione delle associazioni di pazienti, OMaR e società scientifiche. Obiettivo: dare valore al ruolo dei fratelli e delle sorelle dei bambini con malattie rare
di Federica Bosco
Sindrome di Sjögren, obiettivo Lea. Marotta (Animass) : «Una battaglia di dignità»
Nuova proposta di legge per l’inserimento della patologia nel novero delle Malattie Rare e nei Lea. Ad oggi, le terapie sono tutte a carico dei pazienti e le liste d’attesa infinite. Per una sindrome che, in molti casi, non viene nemmeno riconosciuta
Laurea abilitante, psicologo delle cure primarie e Dl Riaperture: la settimana in Parlamento
Le Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali, dopo il via libera di Montecitorio, sono attese al Senato. In Commissione Cultura si vota sul Ddl titoli universitari abilitanti. Audizioni di Cozzoli, Cricelli e Sileri in Commissione Sanità
Testo unico per le Malattie Rare, Binetti: «Necessario per eliminare le differenze tra Regioni»
Il Ddl è stato approvato all’unanimità alla Camera e la discussione si sposta al Senato. La Senatrice e Presidente dell’Intergruppo parlamentare per le Malattie Rare: «Il malato raro ha bisogno non solo di cure ma anche di novità dal punto di vista sociale, economico e organizzativo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM