Salute 3 Giugno 2021 16:14

Testo unico per le Malattie Rare, Binetti: «Necessario per eliminare le differenze tra Regioni»

Il Ddl è stato approvato all’unanimità alla Camera e la discussione si sposta al Senato. La Senatrice e Presidente dell’Intergruppo parlamentare per le Malattie Rare: «Il malato raro ha bisogno non solo di cure ma anche di novità dal punto di vista sociale, economico e organizzativo»

Manca ancora una legge quadro sul tema delle malattie rare e il testo unico che è appena stato approvato all’unanimità alla Camera «viene a colmare un vero e proprio vulnus» che riguarda tantissime persone. Così la Senatrice Paola Binetti, Presidente dell’Intergruppo parlamentare per le Malattie Rare, che a breve sarà chiamata a discutere (ed eventualmente modificare) e approvare un Disegno di legge tanto atteso in quanto «in questi anni è mancata una presa di posizione a livello normativo che chiarisse ai malati rari a cosa possono accedere».

In questo caso si parla, soprattutto, di «equità nell’accesso alle cure». Non solo perché «in Italia abbiamo 20 sistemi sanitari regionali diversi, per cui in una Regione è possibile accedere ad una serie di prestazioni che non ci sono in altre», ma anche perché «i malati sono davvero rari» e se nelle Regioni «ci sono pochi esperti di queste patologie dobbiamo garantire una mobilità interregionale» ma anche «transfrontaliera». Questo perché «se un paziente affetto da malattia rara sa che può curarsi in un altro Paese, come Francia o Germania, deve potersi muovere».

Il testo unico affronta il problema a 360°

«Il malato raro – spiega ancora la Senatrice Binetti – ci pone delle domande non solo di natura sanitaria, ma anche sociale, economica e organizzativa». Il Ddl affronta dunque problemi di tipo clinico, assistenziale e socio-economico, in quanto anche questi aspetti sono parte integrante della terapia. Vengono poi affrontate, ovviamente, problematiche legate ad aspetti specifici delle stesse terapie. Le quali, molto spesso, proprio per la natura stessa di una patologia rara, possono essere «anche molto costose» e a base di «farmaci che il Ssn non passa». E questo vale, ovviamente, per quelle patologie per cui è già stata trovata una cura o una terapia.

Ma nel caso di malattie per le quali ancora non c’è né cura né terapia? In questo caso la ricerca, almeno nell’ambito delle malattie rare, «rischia di non dare ritorni economici interessanti alle case farmaceutiche e queste, quindi, non vi investono». In questo caso, dunque, è necessario «incoraggiare» le aziende «a sperimentare e portare avanti la ricerca anche in campi che non prevedono guadagni».

L’Intergruppo parlamentare per le Malattie Rare

Nato per volontà di alcuni parlamentari di diversa estrazione politica che avevano “toccato con mano” il problema (ovvero che avevano parenti o conoscenti affetti da malattie rare), l’Intergruppo parlamentare per le Malattie Rare ha preso vita circa 13 anni fa per creare un punto di riferimento per tutte le associazioni che si occupano del problema e per creare il dibattito necessario a portare avanti questioni e battaglie in favore di chi ne è affetto.

«Con l’Intergruppo, al quale hanno aderito diversi politici sia del Senato che della Camera, abbiamo creato un dibattito scientifico, sociale e umano molto importante. In questi anni – spiega – l’Intergruppo è intervenuto tante volte: abbiamo ad esempio fatto approvare, in una legge finanziaria, lo screening neonatale esteso per l’individuazione di circa 40 malattie rare. Abbiamo poi proposto diversi Disegni di legge volti a tutelare i pazienti di determinate patologie. E ovviamente abbiamo organizzato tanti seminari e incontri per parlare del tema e diffonderlo il più possibile». Altro “compito” dell’Intergruppo è quello di «fare da pungolo», insieme alle altre associazioni (come l’Osservatorio per le Malattie Rare) con cui nel frattempo i parlamentari dell’Intergruppo hanno stretto alleanze.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Malattie rare, Bologna (IAC): «Proseguire anche nella prossima legislatura lavoro su decreti attuativi»
«L’approvazione della legge sulle malattie rare, di cui sono stata firmataria e relatrice, è stato un grande traguardo di questa legislatura; una legge di iniziativa parlamentare che ha richiesto tre anni e mezzo di lavoro ed é riuscita a superare molti ostacoli, costruendo una cornice normativa per la tutela di due milioni di malati e […]
Dal Dl Semplificazione al Ddl Concorrenza, le ultime misure all’esame del Parlamento
Anche dopo lo scioglimento delle Camere, come chiesto dal presidente della Repubblica, Camera e Senato lavorano per convertire gli ultimi provvedimenti. Anche Delega fiscale e Dl Trasporti in calendario
di Francesco Torre
Senato, la sanità perde la sua Commissione ad hoc. La protesta di CIMO-FESMED
A partire dalla prossima legislatura le competenze dell'attuale dodicesima Commissione Igiene e Sanità del Senato confluiranno nella nuova decima Commissione “Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale”. Una scelta che non convince la Federazione CIMO-FESMED
Legislatura al capolinea ma Parlamento ancora al lavoro su Dl Semplificazione e Ddl Concorrenza
Alcune misure già incardinate nelle settimane scorse dovranno comunque vedere la luce nonostante lo scioglimento delle Camere, anche per ottenere i fondi del PNRR. Nel Dl Semplificazione anche lo sconto IVA per la sanità privata non accreditata e l’estensione del credito di imposta alle aziende farmaceutiche nelle attività di ricerca
di Francesco Torre
La crisi ferma l’attività parlamentare: tutto bloccato in attesa del voto di fiducia al governo Draghi
Dopo le dimissioni del premier Mario Draghi il proseguo della legislatura resta appeso a un filo: senza il MoVimento 5 stelle verrebbe meno la formula del governo di unità nazionale e dunque difficilmente il premier resterebbe. Tra le ipotesi voto a ottobre e Draghi bis
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...