Salute 25 Maggio 2021 12:36

Malattie rare, avviato alla Camera esame del Testo Unico

Le Associazioni dell’Alleanza Malattie Rare: «Legge necessaria, ma bisognerà vigilare sull’uniformità di applicazione a livello regionale, rimangono troppe disparità»

Malattie rare, avviato alla Camera esame del Testo Unico

«Vogliamo portare a casa la legge già in questa legislatura. Nell’ordine del giorno alla Camera è al sesto posto su sette punti. Alcune discussioni sono importanti ma altre penso un po’ meno. Vediamo cosa accadrà, ma noi faremo un tifo enorme affinché la legge possa vedere al più presto la sua piena attuazione». Così la Senatrice Paola Binetti, Presidente dell’Intergruppo Parlamentare Malattie Rare, in apertura dell’evento online “Testo Unico sulle Malattie Rare, dalla Camera al Senato, organizzato insieme all’Alleanza Malattie Rare e in partnership con l’Osservatorio Malattie Rare.

Dopo due anni di attesa e numerosi rinvii (dovuti soprattutto alla mancanza di relazioni tecniche necessarie), il “Testo Unico sulle Malattie Rare” ha infatti finalmente iniziato l’esame presso l’Aula della Camera dei Deputati. L’esame della proposta di legge era cominciato il 7 marzo del 2019 e dopo un avvio piuttosto veloce aveva iniziato a subire diversi rallentamenti che sono stati superati soprattutto grazie all’impegno dei componenti dell’Intergruppo Parlamentare Malattie Rare, gli stessi che questa mattina ne hanno voluto dare annuncio e commento.

Testo Unico Malattie Rare, Binetti: «Necessario recuperare tempo perso»

«È mia ferma intenzione accompagnare con la massima attenzione il Nuovo Testo Unico nel suo iter al Senato – ha spiegato ancora la Senatrice Binetti –. Ho già chiesto di esserne la relatrice e spero che questo sia possibile. Purtroppo molto tempo è stato perso, e non credo solo per la pandemia ma anche per scarsa attenzione al tema. Ora dobbiamo recuperare perché i problemi legati al Covid hanno se possibile anche peggiorato la situazione per chi ha una malattia rara e per i famigliari. Occorre avere un nuovo quadro normativo per far ripartire al meglio la sanità anche in questo ambito».

Bologna: «Iter sia veloce»

«È una grande soddisfazione, un passo in avanti importante, anche se è stato un iter lungo e impegnativo – ha spiegato l’Onorevole Fabiola Bologna, relatrice della legge nonché una delle sue prime firmatarie –. Ora occorre che l’iter del Senato sia, per quanto possibile, veloce. È necessario che questa nuova Legge Quadro per le malattie rare possa essere applicata al più presto, per i pazienti e le loro famiglie ma anche per il mondo della ricerca e per la produzione di farmaci orfani e innovativi».

L’On. Bologna ha poi spiegato le finalità della legge, tra cui troviamo l’uniformità della erogazione sul territorio nazionale delle prestazioni e dei medicinali, inclusi quelli orfani; il coordinamento, l’aggiornamento periodico dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) e dell’elenco delle malattie rare; il coordinamento, il riordino e il potenziamento della Rete nazionale per le malattie rare comprensiva dei centri che fanno parte delle Reti di riferimento europee “ERN”, per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e la terapia delle malattie rare; il sostegno alla ricerca.

«Abbiamo riportato il tema delle malattie rare nell’agenda politica con la collaborazione di istituzioni, medici, società scientifiche e associazioni dei malati. Questo nuovo inizio ci sollecita a vigilare per giungere al trasferimento dalle norme alla vita reale per migliorare la qualità di vita dei malati rari e delle loro famiglie», ha concluso l’On. Bologna.

«Aumentati i bisogni dei malati rari»

«Ci sono dei bisogni che i malati rari hanno fatto presente da tanto tempo, come la necessità di avere un indirizzo uniforme a livello nazionale per quanto riguarda le terapie domiciliari – ha affermato Fernanda Torquati, Presidente dell’Associazione Italiana Gaucher –. Bisogni che con la pandemia sono anche aumentati. Ci auguriamo che rimettere ordine nella legislazione con un nuovo testo unico possa favorirne il soddisfacimento».

«Per i bisogni legati all’assistenza domiciliare è la stessa cosa – ha confermato Fortunato Nicoletti, Presidente Associazione Nessuno è Escluso –. Va creato il presupposto per riorganizzarla, perché questa possa soddisfare anche i bisogni dei malati più complessi, e perché non vi siano così tante differenze da ASL ad ASL e da Regione a Regione».

«Anche sull’accesso alle terapie ci sono tante, troppe, differenze legate alle Regioni. Differenze soprattutto di tempi, e per chi non ha alternativa terapeutica il tempo è fondamentale – ha dichiarato Gianna Puppo Fornaro, Presidente della LIFC-Lega Italiana Fibrosi Cistica –. Auspichiamo che la disposizione in tal senso prevista, seppur meno incisiva rispetto al passato, possa uniformare i tempi di accesso dei farmaci orfani nei prontuari».

Macchia (OMAR): «Svolta solo con nuovo testo unico e nuovo piano malattie rare»

L’evento “Testo Unico sulle Malattie Rare, dalla Camera al Senato” si è concluso con una veloce tavola rotonda – alla quale hanno preso parte la Sen. Paola Binetti, Monica Mazzucato, Coordinamento Centro Malattie Rare e Registri Malattie Rare della Regione Veneto, e Giuseppe Limongelli, Centro di Coordinamento Malattie Rare della Regione Campania – che è stata moderata da Francesco Macchia dell’Osservatorio Malattie Rare, che ha riassunto i messaggi emersi nel corso della mattinata.

«L’esame in Aula alla Camera è un enorme passo avanti, auspichiamo sia seguito da quello al Senato in tempi brevi. Non dobbiamo tuttavia pensare che ogni bisogno dei malati rari si risolva con l’approvazione del Nuovo Testo Unico: sarà necessario poi vigilare affinché quanto previsto venga messo in atto, sia a livello nazionale che, soprattutto, in maniera uniforme a livello regionale, perché come le Associazioni dell’Alleanza Malattie Rare hanno raccontato oggi, rimangono davvero troppe disparità. Per questo saranno di grandissimo aiuto i coordinamenti malattie rare delle diverse regioni. E poi, parallelamente, occorre ricordare che i malati rari attendono il nuovo Piano Nazionale Malattie Rare e questa volta occorre che sia adeguatamente finanziato: solo questo binomio fatto da nuovo testo unico e dal nuovo piano potrà davvero costituire una svolta con effetti duraturi per questo settore».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A Bologna il primo ospedale parco per la riabilitazione intensiva neurologica e ortopedica
La nuova Villa Bellombra realizzata con una sinergia pubblico-privato permette ai pazienti di usufruire di attrezzatura concepite con le più moderne tecnologie robotiche. Orta (AD Consorzio ospedaliero Colibrì) «I cittadini avranno una struttura paragonabile a quelle di Boston o Tokyo, senza dover pagare nulla»
Guglielmino (Siru): «Basta rimandare i Lea, 100mila coppie non possono più aspettare»
«Non è possibile attendere il nuovo governo per l’approvazione dei Lea, le coppie infertili non hanno tempo». È questo l’appello che arriva da Antonino Guglielmino, presidente dalla Società Italiana di Riproduzione Umana (Siru), a seguito delle voci secondo le quali la tanto attesa approvazione dei Lea rischia di essere ulteriormente rimandata. Il testo del Decreto […]
di Redazione
Malattie rare, Bologna (IAC): «Proseguire anche nella prossima legislatura lavoro su decreti attuativi»
«L’approvazione della legge sulle malattie rare, di cui sono stata firmataria e relatrice, è stato un grande traguardo di questa legislatura; una legge di iniziativa parlamentare che ha richiesto tre anni e mezzo di lavoro ed é riuscita a superare molti ostacoli, costruendo una cornice normativa per la tutela di due milioni di malati e […]
aPTT, il test ADAMTS13 va inserito nei LEA. Troppi i costi per i pazienti emersi dall’indagine IQVIA
Il test dell’ADAMTS13 è indispensabile alla diagnosi e al monitoraggio della patologia ma la diffusione in Italia è a macchia di leopardo e costringe malati e caregiver a una faticosa mobilità sanitaria. Isabella Cecchini (IQVIA Italia) illustra i risultati dell’analisi effettuata su 74 persone con aTTP da tutta Italia
Porpora trombotica trombocitopenica: disparità regionali, diagnosi e monitoraggio a rilento
Le storie e i bisogni dei pazienti raccontati in un convegno. L’Associazione ANPTT e i clinici di riferimento chiedono che il test indispensabile alla diagnosi e al monitoraggio della patologia sia inserito nei LEA: «La richiesta è stata fatta, fiduciosi che avvenga prima della fine della legislatura». La Sen. Paola Binetti ha depositato un disegno di legge per istituire una Giornata Nazionale dedicata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola