Salute 31 Maggio 2021 16:24

Malattie Rare, Macchia (Omar): «Approvazione Testo Unico alla Camera notizia straordinaria»

Intervista a Francesco Macchia dell’Osservatorio Malattie Rare: «Oltre all’approvazione di questa norma si sta lavorando ad un piano nazionale. Insieme, piano e legge, costituiranno un combinato disposto che potrebbe davvero aiutare i pazienti affetti da malattie rare»

L’approvazione alla Camera del Testo Unico sulle Malattie Rare è «una notizia straordinaria», così come straordinario è stato «il percorso fatto e il lavoro politico svolto», fondamentale per arrivare all’ «approvazione all’unanimità». Così Francesco Macchia dell’Osservatorio Malattie Rare sul recente via libera a Montecitorio del testo che vede come prima firmataria l’Onorevole Fabiola Bologna (Coraggio Italia, membro della Commissione XII Affari Sociali). La quale è riuscita a «raccogliere attorno a sé un gruppo coeso sia nel lavoro di modifica continuativa della norma, sia nell’approvazione all’unanimità».

Il percorso del testo

«Il percorso di questa proposta – spiega Macchia – è cominciato nel marzo del 2019, con il primo Disegno di legge depositato sul tema in questa legislatura. Se poi andiamo ancora più in là con il tempo, tutto è cominciato addirittura nel 2009 con il primo Ddl sulle malattie rare».

L’Osservatorio Malattie Rare ha seguito costantemente questo percorso «e abbiamo fatto sì che non mancasse mai l’attenzione dell’ “utente finale”, di chi questa legge aspettava da tanto tempo. Allo stesso modo abbiamo agevolato il dialogo continuo tra le istituzioni e il popolo delle malattie rare», continua Macchia.

Dopo l’approvazione alla Camera il testo passerà al Senato, momento in cui sarà necessario «valutare insieme a tutta la comunità delle malattie rare se dovrà esserci un passaggio senza modifiche, e quindi più veloce, o viceversa con piccole modifiche chirurgiche. Il nostro punto di vista – spiega Macchia – è che ci siano ancora alcune parti del testo che possono essere migliorate, ma dovremo valutare insieme alle associazioni appartenenti all’alleanza malattie rare. Decideremo insieme a loro come muoverci».

Il Piano Nazionale per le Malattie Rare

Il Testo Unico, però, non può essere di per sé l’unica soluzione per eliminare tutti i problemi di chi soffre di una malattia rara. Come conferma Macchia, «oltre all’approvazione di questa norma si sta lavorando ad un piano nazionale. Insieme, piano e legge, costituiranno un combinato disposto che potrebbe davvero aiutare i pazienti affetti da malattie rare».

Questo piano nazionale ha però bisogno di due caratteristiche: «Da un lato deve essere sintetico e operativo, con obiettivi realmente raggiungibili. Dall’altro, invece, deve essere finanziato. Questo secondo aspetto potrebbe rappresentare, ad esempio, uno degli elementi da inserire nel Testo Unico nel corso del suo passaggio a Palazzo Madama, dato che serve una norma che possa rendere permanente il finanziamento. Come Osservatorio – conclude Macchia – monitoreremo la situazione affinché questi due processi arrivino rapidamente al loro compimento».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Malattie Rare, in Senato il progetto di legge per intitolare una giornata nazionale ai Rare sibling
L’iniziativa portata avanti dalla senatrice Paola Binetti è stata presentata questa mattina a Palazzo Madama con la partecipazione delle associazioni di pazienti, OMaR e società scientifiche. Obiettivo: dare valore al ruolo dei fratelli e delle sorelle dei bambini con malattie rare
di Federica Bosco
Sindrome di Sjögren, obiettivo Lea. Marotta (Animass) : «Una battaglia di dignità»
Nuova proposta di legge per l’inserimento della patologia nel novero delle Malattie Rare e nei Lea. Ad oggi, le terapie sono tutte a carico dei pazienti e le liste d’attesa infinite. Per una sindrome che, in molti casi, non viene nemmeno riconosciuta
Malattie Rare, On. Bologna: «Ecco cosa prevede il Testo Unico»
Intervista alla prima firmataria del Disegno di legge: «Unificazione di cure e trattamenti a livello nazionale, aggiornamento dei Lea e contributi alla ricerca»
Testo unico per le Malattie Rare, Binetti: «Necessario per eliminare le differenze tra Regioni»
Il Ddl è stato approvato all’unanimità alla Camera e la discussione si sposta al Senato. La Senatrice e Presidente dell’Intergruppo parlamentare per le Malattie Rare: «Il malato raro ha bisogno non solo di cure ma anche di novità dal punto di vista sociale, economico e organizzativo»
XII Convegno Sindrome di Sjögren: A.N.I.Ma.S.S. ODV organizza Simposio
In occasione del XII Convegno Nazionale “Sindrome di Sjögren Primaria Sistemica: malattia rara, degenerativa e multiorgano” che si terrà il 4 giugno 2021, l’A.N.I.Ma.S.S. ODV, Associazione Nazionale Italiana Malati Sindrome di Sjögren, organizza un Simposio per confrontare e approfondire prospettive della malattia e evidenziare criticità e bisogni inevasi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM