Salute 6 novembre 2018

Aggressioni ai medici, La Torre (CIC): «Sono anche colpa di mancato turn over. Necessario modificare figura operatore sanitario»

Per il presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi, che ha organizzato cun convegno sul tema, il fenomeno è collegato anche a «un momento di particolare criticità» che sta vivendo il sistema sanitario. Il deputato-ortopedico Misiti (M5S): «Maggioranza ha dovere di raccogliere suggerimenti che arriveranno sul tema»

Immagine articolo

Riconoscimento del ruolo di pubblico ufficiale ai camici bianchi, istituzione di una giornata per dire “no” alla violenza contro il personale sanitario e istituzione di un Registro specifico per le segnalazioni delle aggressioni. Sono i tre punti principali della proposta di legge contro il fenomeno delle aggressioni ai medici redatta da Marina Cannavò, Responsabile del centro studi del Tribunali dei diritti e dei doveri del medico, e fatta propria dal Collegio Italiano dei Chirurghi che ha organizzato il convegno “Aggressione ai sanitari, un fenomeno sociale?”, a cui hanno aderito politici, sindacalisti e camici bianchi.

«Noi siamo in prima linea – spiega Filippo La Torre, Presidente CIC – viviamo il fenomeno nei grandi ospedali così come nei piccoli, lo vivono anche gli operatori sanitari del territorio che non hanno possibilità di essere sottoposti a vigilanza. I numeri sono cresciuti in maniera esponenziale e a mio giudizio sono legati anche a un sistema sanitario che vive un suo momento particolare di criticità legato al mancato turn over».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, GRILLO: «NO A EQUIPARAZIONE CON PUBBLICO UFFICIALE, TROPPI ONERI PER I CAMICI BIANCHI»

Un fenomeno, quello della violenza degli operatori, che ha spinto anche il Ministro Giulia Grillo ad intervenire con un disegno di legge ad hoc che inasprisce le pene, proposta che si accompagna a quelle di altri parlamentari come il Ddl della vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan (LeU) e quello di Maria Teresa Bellucci (FdI).

«Anche il mondo dei chirurghi – continua La Torre – sente questo problema perché il chirurgo offre un particolare tipo di offerta sanitaria al paziente, viene visto come una sorta di ‘salvavita’. Nel momento in cui l’azione ha qualche risultato che non è soddisfacente da parte dell’utente si rischia di andare incontro a fenomeni di rivalsa che non devono essere violenti. Tuttavia l’aggravamento delle pene non è sufficiente, bisogna modificare la figura dell’operatore sanitario».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO, FLORI DEGRASSI (ASL ROMA 2): «OPERATORI IN TRINCEA, MINACCIATI ANCHE CON PISTOLE»

L’appello è stato raccolto dal mondo politico e sindacale presente al convegno, da Guido Quici presidente di CIMO, a Federica Dieni, vicecapogruppo M5S alla Camera e Sara Foscolo (Lega). Anche Carmelo Massimo Misiti, Cinque Stelle e ortopedico, da medico-parlamentare sente molto vicino il tema: «O mettiamo un presidio fisso di pubblica sicurezza negli ospedali o quantomeno inaspriamo le pene nei confronti di chi aggredisce il sanitario o gli esercenti la professione sanitaria», spiega Misiti a Sanità Informazione, non escludendo anche che si possa arrivare all’estensione della qualifica di pubblico ufficiale al personale medico: «Di fatto c’è già articolo del Codice penale secondo cui chi esercita la professione sanitaria è un pubblico ufficiale. Bisogna soltanto applicarlo. Le forze governative devono cercare di raccogliere tutti quelli che sono i suggerimenti che arriveranno». Per Misiti fermare le aggressioni è anche cercare di fermare l’emorragia di camici bianchi dal servizio pubblico: «Non penso che soltanto aumentando la tutela dei medici si possa avere questo tipo di autolimitazione dell’esodo dalle strutture pubbliche. Però è certo che una tutela del medico favorirebbe una maggiore partecipazione dell’attività sanitaria pubblica rispetto a quella del privato».

 

Articoli correlati
Tribunale della Salute, Pierpaolo Sileri (M5S): «Pazienti e medici sono dalla stessa parte. Un luogo di dialogo aiuterebbe a evitare denunce»
Il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha aderito alla petizione lanciata dal network legale Consulcesi per l’istituzione di una camera di compensazione per le diatribe tra medici e pazienti. Sullo spot risarcimenti: «Non è giusto che si inciti all’odio verso i medici proponendo denunce che poi nella stragrande maggioranza dei casi cadono nel vuoto perché è raro che poi vi sia un errore da parte del medico»
Contratto medici, Quici (CIMO): «Partita denuncia a Corte europea. Chiudiamo subito quello scaduto e pensiamo al nuovo»
«La denuncia alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e la class action, a cui i medici potranno aderire da aprile, sono atti dovuti nei confronti dei colleghi, che attendono il rinnovo contrattuale da 10 anni». Intervista al presidente della CIMO Guido Quici, che sullo spot sui ricorsi per errore medico aggiunge: «Se le strutture affogano nei contenziosi legali, ridurranno i servizi ai cittadini» 
M5S: «No a chiusura primo intervento Ronciglione e Montefiascone»
«Il governatore del Lazio Zingaretti non fa che annunciare di aver i conti in ordine, che l’erogazione dei Lea è migliorata. Contestualmente, però, assistiamo a tagli su tagli che stanno mettendo in ginocchio i territori laziali: l’ultimo episodio riguarda Ronciglione e Montefiascone che stanno perdendo il primo intervento». Così, in una nota congiunta, i senatori […]
Spot risarcimenti, si schierano le istituzioni:  «Subito il Tribunale della Salute». E la petizione raggiunge le 10mila firme in poche ore
La petizione lanciata da Consulcesi è stata sottoscritta da istituzioni, sindacati e associazioni. Tra i firmatari anche il Presidente della Commissione Salute, il senatore Pierpaolo Sileri. Tortorella: «Basta contrapposizioni, operatori sanitari e pazienti chiedono di poter siglare un nuovo Patto della Salute superando aggressioni e denunce»
Contratto medici, CIMO denuncia Governo, Aran e Regioni a Corte Europea per mancato rinnovo. Avviata anche class action
Il presidente Guido Quici: «È un dovere morale per CIMO attivare formalmente tali azioni giudiziarie contro chi non ha palesemente voluto il rinnovo del contratto di lavoro per i medici dipendenti. Questa difesa costante dei diritti del lavoro è un atto dovuto nei confronti non solo dei nostri iscritti ma di tutta la dirigenza medica e sanitaria»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano