Salute 6 Novembre 2018

Aggressioni ai medici, La Torre (CIC): «Sono anche colpa di mancato turn over. Necessario modificare figura operatore sanitario»

Per il presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi, che ha organizzato cun convegno sul tema, il fenomeno è collegato anche a «un momento di particolare criticità» che sta vivendo il sistema sanitario. Il deputato-ortopedico Misiti (M5S): «Maggioranza ha dovere di raccogliere suggerimenti che arriveranno sul tema»

Immagine articolo

Riconoscimento del ruolo di pubblico ufficiale ai camici bianchi, istituzione di una giornata per dire “no” alla violenza contro il personale sanitario e istituzione di un Registro specifico per le segnalazioni delle aggressioni. Sono i tre punti principali della proposta di legge contro il fenomeno delle aggressioni ai medici redatta da Marina Cannavò, Responsabile del centro studi del Tribunali dei diritti e dei doveri del medico, e fatta propria dal Collegio Italiano dei Chirurghi che ha organizzato il convegno “Aggressione ai sanitari, un fenomeno sociale?”, a cui hanno aderito politici, sindacalisti e camici bianchi.

«Noi siamo in prima linea – spiega Filippo La Torre, Presidente CIC – viviamo il fenomeno nei grandi ospedali così come nei piccoli, lo vivono anche gli operatori sanitari del territorio che non hanno possibilità di essere sottoposti a vigilanza. I numeri sono cresciuti in maniera esponenziale e a mio giudizio sono legati anche a un sistema sanitario che vive un suo momento particolare di criticità legato al mancato turn over».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, GRILLO: «NO A EQUIPARAZIONE CON PUBBLICO UFFICIALE, TROPPI ONERI PER I CAMICI BIANCHI»

Un fenomeno, quello della violenza degli operatori, che ha spinto anche il Ministro Giulia Grillo ad intervenire con un disegno di legge ad hoc che inasprisce le pene, proposta che si accompagna a quelle di altri parlamentari come il Ddl della vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan (LeU) e quello di Maria Teresa Bellucci (FdI).

«Anche il mondo dei chirurghi – continua La Torre – sente questo problema perché il chirurgo offre un particolare tipo di offerta sanitaria al paziente, viene visto come una sorta di ‘salvavita’. Nel momento in cui l’azione ha qualche risultato che non è soddisfacente da parte dell’utente si rischia di andare incontro a fenomeni di rivalsa che non devono essere violenti. Tuttavia l’aggravamento delle pene non è sufficiente, bisogna modificare la figura dell’operatore sanitario».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO, FLORI DEGRASSI (ASL ROMA 2): «OPERATORI IN TRINCEA, MINACCIATI ANCHE CON PISTOLE»

L’appello è stato raccolto dal mondo politico e sindacale presente al convegno, da Guido Quici presidente di CIMO, a Federica Dieni, vicecapogruppo M5S alla Camera e Sara Foscolo (Lega). Anche Carmelo Massimo Misiti, Cinque Stelle e ortopedico, da medico-parlamentare sente molto vicino il tema: «O mettiamo un presidio fisso di pubblica sicurezza negli ospedali o quantomeno inaspriamo le pene nei confronti di chi aggredisce il sanitario o gli esercenti la professione sanitaria», spiega Misiti a Sanità Informazione, non escludendo anche che si possa arrivare all’estensione della qualifica di pubblico ufficiale al personale medico: «Di fatto c’è già articolo del Codice penale secondo cui chi esercita la professione sanitaria è un pubblico ufficiale. Bisogna soltanto applicarlo. Le forze governative devono cercare di raccogliere tutti quelli che sono i suggerimenti che arriveranno». Per Misiti fermare le aggressioni è anche cercare di fermare l’emorragia di camici bianchi dal servizio pubblico: «Non penso che soltanto aumentando la tutela dei medici si possa avere questo tipo di autolimitazione dell’esodo dalle strutture pubbliche. Però è certo che una tutela del medico favorirebbe una maggiore partecipazione dell’attività sanitaria pubblica rispetto a quella del privato».

 

Articoli correlati
Lauree abilitanti, Tuzi (M5S): «Al lavoro per ridurre al minimo fase transitoria»
La normativa approvata dal Consiglio dei Ministri prevede una radicale semplificazione dell’accesso all'esercizio delle professioni con lo svolgimento del necessario tirocinio pratico-valutativo nei corsi di laurea
Manovra 2021, alla sanità 4 miliardi: contratti prorogati e fondo per l’acquisto dei vaccini
Il Consiglio dei Ministri ha approvato ‘salvo-intese’ la manovra economica 2021: 39 miliardi complessivi di cui 24 in deficit e 15 di aiuti europei. Aumentata di un miliardo di euro la dotazione del Fondo Sanitario Nazionale. FNOMCeO approva: «Ottimo segnale, ora avviare stagione rinnovi contratti e convenzioni»
Covid-19, Misiti (M5S): «C’è emergenza ma non dimentichiamo i malati con altre patologie virali»
«C’è un’emergenza sanitaria che è il Covid 19, è vero, ma occorre non dimenticare che esistono anche patologie infettive per le quali è fondamentale un’assistenza adeguata con dei reparti dedicati. Senza minimizzare in alcun modo la necessità di garantire dei percorsi e delle strutture per l’esclusivo soccorso a chi viene colpito dal Covid 19, è […]
Riforma RSA, M5S: «Perplessità su nomina Mons. Paglia. Ora coinvolgere medici di famiglia e assistenti sociali»
«Non è in discussione l’elevato profilo morale e culturale del Mons. Paglia» sottolineano i deputati pentastellati della Commissione Affari Sociali che però ribadiscono: «Il Servizio sanitario nazionale è e deve rimanere laico e pubblico»
Screening neonatale, Volpi (M5S): «Via al decreto che istituisce tavolo per aggiornare lista delle patologie»
«La revisione periodica della lista delle malattie da testare sarà preziosa per la salute dei nostri bambini, cui potremo così garantire un numero sempre maggiore di cure», dichiara la deputata M5S Leda Volpi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...