Salute 6 Novembre 2018

Aggressioni ai medici, La Torre (CIC): «Sono anche colpa di mancato turn over. Necessario modificare figura operatore sanitario»

Per il presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi, che ha organizzato cun convegno sul tema, il fenomeno è collegato anche a «un momento di particolare criticità» che sta vivendo il sistema sanitario. Il deputato-ortopedico Misiti (M5S): «Maggioranza ha dovere di raccogliere suggerimenti che arriveranno sul tema»

Immagine articolo

Riconoscimento del ruolo di pubblico ufficiale ai camici bianchi, istituzione di una giornata per dire “no” alla violenza contro il personale sanitario e istituzione di un Registro specifico per le segnalazioni delle aggressioni. Sono i tre punti principali della proposta di legge contro il fenomeno delle aggressioni ai medici redatta da Marina Cannavò, Responsabile del centro studi del Tribunali dei diritti e dei doveri del medico, e fatta propria dal Collegio Italiano dei Chirurghi che ha organizzato il convegno “Aggressione ai sanitari, un fenomeno sociale?”, a cui hanno aderito politici, sindacalisti e camici bianchi.

«Noi siamo in prima linea – spiega Filippo La Torre, Presidente CIC – viviamo il fenomeno nei grandi ospedali così come nei piccoli, lo vivono anche gli operatori sanitari del territorio che non hanno possibilità di essere sottoposti a vigilanza. I numeri sono cresciuti in maniera esponenziale e a mio giudizio sono legati anche a un sistema sanitario che vive un suo momento particolare di criticità legato al mancato turn over».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, GRILLO: «NO A EQUIPARAZIONE CON PUBBLICO UFFICIALE, TROPPI ONERI PER I CAMICI BIANCHI»

Un fenomeno, quello della violenza degli operatori, che ha spinto anche il Ministro Giulia Grillo ad intervenire con un disegno di legge ad hoc che inasprisce le pene, proposta che si accompagna a quelle di altri parlamentari come il Ddl della vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan (LeU) e quello di Maria Teresa Bellucci (FdI).

«Anche il mondo dei chirurghi – continua La Torre – sente questo problema perché il chirurgo offre un particolare tipo di offerta sanitaria al paziente, viene visto come una sorta di ‘salvavita’. Nel momento in cui l’azione ha qualche risultato che non è soddisfacente da parte dell’utente si rischia di andare incontro a fenomeni di rivalsa che non devono essere violenti. Tuttavia l’aggravamento delle pene non è sufficiente, bisogna modificare la figura dell’operatore sanitario».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO, FLORI DEGRASSI (ASL ROMA 2): «OPERATORI IN TRINCEA, MINACCIATI ANCHE CON PISTOLE»

L’appello è stato raccolto dal mondo politico e sindacale presente al convegno, da Guido Quici presidente di CIMO, a Federica Dieni, vicecapogruppo M5S alla Camera e Sara Foscolo (Lega). Anche Carmelo Massimo Misiti, Cinque Stelle e ortopedico, da medico-parlamentare sente molto vicino il tema: «O mettiamo un presidio fisso di pubblica sicurezza negli ospedali o quantomeno inaspriamo le pene nei confronti di chi aggredisce il sanitario o gli esercenti la professione sanitaria», spiega Misiti a Sanità Informazione, non escludendo anche che si possa arrivare all’estensione della qualifica di pubblico ufficiale al personale medico: «Di fatto c’è già articolo del Codice penale secondo cui chi esercita la professione sanitaria è un pubblico ufficiale. Bisogna soltanto applicarlo. Le forze governative devono cercare di raccogliere tutti quelli che sono i suggerimenti che arriveranno». Per Misiti fermare le aggressioni è anche cercare di fermare l’emorragia di camici bianchi dal servizio pubblico: «Non penso che soltanto aumentando la tutela dei medici si possa avere questo tipo di autolimitazione dell’esodo dalle strutture pubbliche. Però è certo che una tutela del medico favorirebbe una maggiore partecipazione dell’attività sanitaria pubblica rispetto a quella del privato».

 

Articoli correlati
Obesità infantile, Mautone (M5S): «Famiglia gioca ruolo importante, sport e cibo sano costano. Reddito di cittadinanza può aiutare»
Il pediatra e senatore Cinque Stelle spiega a Sanità Informazione spiega l’incidenza di condizioni socio-economiche svantaggiate nello sviluppo di questa patologia
Obesità, la ricetta di Pierpaolo Sileri: «Educazione nelle scuole e approccio multidisciplinare per contrastarla. In futuro valutare l’ingresso nei LEA»
Il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama ha organizzato un incontro in Senato con società scientifiche e associazioni dei pazienti dal titolo “L’obesità, una malattia da prevenire e curare”
Giornata dell’Acqua, Uricchio (IRSA-CNR): «Quella italiana in ‘buona salute’, ma attenzione a microplastiche e all’uso degli antibiotici negli allevamenti. E sulle minerali…»
Alla Camera celebrata la Giornata Mondiale con l’evento “Acqua pubblica, una sfida globale”. Daga (M5S): «Ridando ai cittadini la gestione del servizio idrico integrato si avrà a cuore la qualità delle acque». Il Direttore IRSA-CNR parla anche delle acque minerali: «Italia terzo consumatore mondiale: giusto equiparare i parametri a quelli delle acque potabili, ora limiti sono troppo diversi»
Donazione Organi, Comitato Nazionale Bioetica: «Sì a contatti tra ricevente e donatore, ma serve mediatore». Bologna (M5S): «Presto Ddl in materia»
In una conferenza alla Camera la presentazione dell’innovativo parere dell’istituzione presieduta da Lorenzo D’Avack: «È importante che chi desidera avere un incontro con la persona a cui sono stati donati gli organi riceva un consenso espresso e chiaro». La deputata Cinque Stelle: «Possiamo essere apripista in Europa»
Registro Tumori, è legge l’istituzione della Rete nazionale. M5S: «Ora possibile studiare con dati certi il legame salute-ambiente e offrire cure migliori»
L’ultimo via libera è arrivato all’unanimità dall’Aula di Montecitorio. Tra le novità l’istituzione del referto epidemiologico per il controllo sanitario della popolazione | GUARDA LE INTERVISTE AI RELATORI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone