Salute 19 Settembre 2018

Aggressioni, Grillo: «No a equiparazione con pubblico ufficiale, troppi oneri per i camici bianchi»

Il ministro, rispondendo ad una interrogazione della deputata Rostan, ha parlato anche di Daspo per i violenti negli ospedali. Abolizione dei superticket sulle visite specialistiche, Ministro annuncia misura che sarà finanziata ricontrattando al ribasso i prezzi dei super-farmaci acquistati dallo Stato

Immagine articolo

L’equiparazione medico – pubblico ufficiale non è nei piani del governo. Lo ha annunciato il ministro della Salute Giulia Grillo oggi alla Camera, rispondendo a una interrogazione della deputata LeU Michela Rostan, prima firmataria di una proposta di legge per fronteggiare il fenomeno delle aggressioni che invece puntava proprio a questa equiparazione per far scattare le denunce d’ufficio. «La proposta è stata oggetto di profonde riflessioni che hanno portato a valutazioni diverse dal profilo giuridiche, anche relative agli oneri e incombenze che avrebbero pesato sugli operatori sanitari» ha sottolineato la Grillo, che poi ha spiegato: «A fronte dei benefici conseguenti all’attribuzione di tale qualifica, il personale medico e sanitario si sarebbe visto addossare anche un insieme di oneri e incombenze, connessi alla funzione di pubblico ufficiale non coerenti o comunque esorbitanti rispetto al proprio ruolo».

Resta il ddl governativo in materia, che invece sancisce «una specifica circostanza aggravante a carico di chi commette un reato con violenza o minaccia in danno agli esercenti le professioni sanitarie». Grillo ha annunciato che il ddl «è sul punto di giungere in Parlamento». Grillo non ha escluso altri provvedimenti in materia, come la possibilità di estendere il Daspo urbano anche alle strutture sanitarie per i violenti. Misure però che non hanno convinto la deputata LeU Michela Rostan che si è detta insoddisfatta delle risposte date dal ministro e promette battaglia in Commissione Affari Sociali.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, LA PROPOSTA DI TOTI AMATO (OMCeO PALERMO): «SERVE UN DASPO COME NEGLI STADI. STOP GRATUITA’ SSN PER I VIOLENTI»

Intanto c’è attesa per i provvedimenti in materia di sanità che saranno contenuti nella prossima legge di Bilancio. Giulia Grillo ha annunciato la volontà di abolire il superticket da 10 euro sulle visite specialistiche e procedere progressiva rimodulazione degli altri ticket sanitari. Un provvedimento che dovrebbe essere finanziato ricontrattando al ribasso con le aziende farmaceutiche i prezzi dei super-farmaci acquistati dallo Stato, a partire da quelli per l’epatite C, e utilizzare i risparmi che verranno dalle misure del tavolo per la farmaceutica. Il ministro ha infatti voluto un tavolo sulla governance farmaceutica proprio perché in questi anni, a fronte di drastici tagli ai servizi della sanità pubblica, la spesa per i farmaci è lievitata, fino a sfiorare i 30 miliardi nel 2017.

Secondo Radiocor i tecnici del ministero della Salute guidano tutti i gruppi di lavoro del tavolo “soggetti aggregatori” presso il Mef, dove l’80% delle categorie merceologiche riguarda la sanità. Le voci “farmaci e vaccini”, “dispositivi medici” e “servizi appaltati” valgono nel complesso 15,6 miliardi: si lavora non solo per capire se si acquista bene, cioè se i prezzi praticati siano concorrenziali, ma anche per verificare il mix di acquisto, cioè se la complessità acquistata è coerente con l’utilizzo che se ne deve fare.

 

 

Articoli correlati
In 8 anni 2 miliardi e 42800 lavoratori in meno nella sanità italiana: i dati del rapporto UPB
Nel rapporto “Lo stato della sanità in Italia” elaborato dall’Ufficio Parlamentare di Bilancio i dati evidenziano il calo del personale, in particolare degli infermieri. Inoltre «l'aumento del costo delle prestazioni specialistiche a compartecipazione contribuisce a spostare la domanda verso il privato, con l'ingresso di nuovi attori e il rafforzamento di quelli esistenti»
Forum Risk Management, apre il ministro Speranza: «Carenza medici, superare stagione dei tetti di spesa»
Il Ministro all’annuale Forum di Firenze torna sui risultati della manovra economica: «Il messaggio che la salute torna al centro e che si chiude definitivamente la stagione dei tagli. Fra le cose fatte penso che quella del Superticket abbia un messaggio anche più simbolico»
Santobono-Pausillipon, Zampa (Sottosegretario Salute): «Eccellenza del Sistema sanitario da aiutare e sostenere»
Il sottosegretario, nel visitare la struttura napoletana, ha voluto anche portare la propria solidarietà all’infermiere oggetto di aggressione fisica lo scorso settembre
Sanità, Rostan (LeU): «Bene approvazione nuovo contratto, ora colmare vuoti in organico»
La Vicepresidente della Commissione Affari Sociali plaude alla delibera del Consiglio dei Ministri: «Passo in avanti importante per raggiungere livelli di equità e di omogeneità delle prestazioni sanitarie in tutte le regioni del nostro Paese»
Approvato il Contratto nazionale per la dirigenza medica: 190 euro al mese in più e aumento tutele
Il Consiglio dei Ministri ha licenziato il Contratto collettivo nazionale per il triennio 2016/2018 per dirigenza medica, veterinaria, sanitaria, e dirigenti delle professioni sanitarie. L'accordo interesserà 130 mila dirigenti. Soddisfatti sindacati e associazioni di categoria. Leggi tutti i commenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...