Salute 19 settembre 2018

Aggressioni, Grillo: «No a equiparazione con pubblico ufficiale, troppi oneri per i camici bianchi»

Il ministro, rispondendo ad una interrogazione della deputata Rostan, ha parlato anche di Daspo per i violenti negli ospedali. Abolizione dei superticket sulle visite specialistiche, Ministro annuncia misura che sarà finanziata ricontrattando al ribasso i prezzi dei super-farmaci acquistati dallo Stato

Immagine articolo

L’equiparazione medico – pubblico ufficiale non è nei piani del governo. Lo ha annunciato il ministro della Salute Giulia Grillo oggi alla Camera, rispondendo a una interrogazione della deputata LeU Michela Rostan, prima firmataria di una proposta di legge per fronteggiare il fenomeno delle aggressioni che invece puntava proprio a questa equiparazione per far scattare le denunce d’ufficio. «La proposta è stata oggetto di profonde riflessioni che hanno portato a valutazioni diverse dal profilo giuridiche, anche relative agli oneri e incombenze che avrebbero pesato sugli operatori sanitari» ha sottolineato la Grillo, che poi ha spiegato: «A fronte dei benefici conseguenti all’attribuzione di tale qualifica, il personale medico e sanitario si sarebbe visto addossare anche un insieme di oneri e incombenze, connessi alla funzione di pubblico ufficiale non coerenti o comunque esorbitanti rispetto al proprio ruolo».

Resta il ddl governativo in materia, che invece sancisce «una specifica circostanza aggravante a carico di chi commette un reato con violenza o minaccia in danno agli esercenti le professioni sanitarie». Grillo ha annunciato che il ddl «è sul punto di giungere in Parlamento». Grillo non ha escluso altri provvedimenti in materia, come la possibilità di estendere il Daspo urbano anche alle strutture sanitarie per i violenti. Misure però che non hanno convinto la deputata LeU Michela Rostan che si è detta insoddisfatta delle risposte date dal ministro e promette battaglia in Commissione Affari Sociali.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, LA PROPOSTA DI TOTI AMATO (OMCeO PALERMO): «SERVE UN DASPO COME NEGLI STADI. STOP GRATUITA’ SSN PER I VIOLENTI»

Intanto c’è attesa per i provvedimenti in materia di sanità che saranno contenuti nella prossima legge di Bilancio. Giulia Grillo ha annunciato la volontà di abolire il superticket da 10 euro sulle visite specialistiche e procedere progressiva rimodulazione degli altri ticket sanitari. Un provvedimento che dovrebbe essere finanziato ricontrattando al ribasso con le aziende farmaceutiche i prezzi dei super-farmaci acquistati dallo Stato, a partire da quelli per l’epatite C, e utilizzare i risparmi che verranno dalle misure del tavolo per la farmaceutica. Il ministro ha infatti voluto un tavolo sulla governance farmaceutica proprio perché in questi anni, a fronte di drastici tagli ai servizi della sanità pubblica, la spesa per i farmaci è lievitata, fino a sfiorare i 30 miliardi nel 2017.

Secondo Radiocor i tecnici del ministero della Salute guidano tutti i gruppi di lavoro del tavolo “soggetti aggregatori” presso il Mef, dove l’80% delle categorie merceologiche riguarda la sanità. Le voci “farmaci e vaccini”, “dispositivi medici” e “servizi appaltati” valgono nel complesso 15,6 miliardi: si lavora non solo per capire se si acquista bene, cioè se i prezzi praticati siano concorrenziali, ma anche per verificare il mix di acquisto, cioè se la complessità acquistata è coerente con l’utilizzo che se ne deve fare.

 

 

Articoli correlati
Medici precari INPS, interrogazione di De Poli (Udc) a Di Maio e Grillo: «Non hanno ferie né malattie, profilo professionale umiliato»
Sono 900 i camici bianchi a partita Iva dell’Istituto di previdenza che vengono rinnovati di anno in anno. Nella stessa situazione anche 300 operatori sociali
MMG, Scotti a Grillo: «No a sanatorie, non svendere futuro giovani medici». La replica del Ministro: «Valorizzeremo merito»
Botta e risposta tra il Segretario della Fimmg e la titolare della Salute sul tema dei medici precari e della formazione dei medici di famiglia: «I provvedimenti annunciati dal ministero – spiega Scotti - altro non farebbero che gettare alle ortiche il grande lavoro fatto per ottenere l’incremento delle borse»
Ministero Salute, liste d’attesa: al via il numero 1500 per l’ascolto dei cittadini
Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 sul tema delle liste di attesa. Dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00, infatti, il personale sanitario risponderà ai cittadini per informare sulle modalità di accesso alle prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale e raccogliere eventuali segnalazioni. «Il servizio di risposta telefonica, […]
Aggressioni ai medici, Frittelli: 76,6% delle strutture ha programma di prevenzione specifico
Il 76,67% delle strutture sanitarie ha elaborato un programma di prevenzione specifico per le aggressioni, mentre il 50% ha avviato accordi con Forze dell’ordine pubblico o altri soggetti (Polizia, Comune Polizia Municipale/Provinciale, Prefettura ecc.) in grado di fornire un supporto per identificare le strategie atte ad eliminare o attenuare la violenza nei servizi sanitari. Sono […]
Aggressioni, Rostan (LeU): «Serve credito d’imposta per studi medici che intendono dotarsi di impianti di sicurezza»
La vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera al Congresso Fimmg:  «Abbiamo registrato oltre tremila episodi negli ultimi tempi con il 65% di medici e infermieri che, almeno una volta nel corso della loro carriera, hanno subito violenze o intimidazioni. Per questo ho chiesto incontro a Salvini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila