Salute 11 Maggio 2021 12:47

Adozioni internazionali al tempo del Covid, tra ritardi e blocchi le associazioni fanno rete

Bertolusso (Amici di Don Bosco): «La pandemia tra le tante difficoltà ci ha insegnato a lavorare meglio insieme, ma non tutti i paesi collaborano»

di Federica Bosco
Adozioni internazionali al tempo del Covid, tra ritardi e blocchi le associazioni fanno rete

Rientrati in Italia i coniugi toscani colpiti dal Covid e bloccati in India dopo un’adozione, tante sono ancora le coppie di genitori in attesa di partire o di rientrare con i loro bambini. Un mondo, quello delle adozioni internazionali che ha subito l’onda lunga della pandemia ed ha reagito grazie alla perseveranza delle famiglie adottive e degli enti come spiega Daniela Bertolusso, coordinatrice dell’associazione Amici di don Bosco Onlus di Torino.

«Credo – dice – che la sensazione di essere soli e non accompagnati sia stato l’aspetto più difficile da gestire per i genitori durante la pandemia. In ogni caso il lockdown ci ha insegnato a lavorare in rete, a migliorare i rapporti con le istituzioni e a collaborare di più e meglio con le nostre coppie e sentirci più vicini a loro. Quando il rapporto si consolida ed è di fiducia, anche i rallentamenti, le difficoltà e i ritardi che si generano a causa della situazione, si superano molto meglio».

Circa 700 bambini stranieri adottati da coppie italiane nei mesi della pandemia

E il sistema adozioni nonostante le difficoltà ha retto durante la pandemia come confermano i numeri: oltre 700 i bambini stranieri adottati da coppie italiane tra il 2020 e il primo trimestre del 2021, un risultato che pone l’Italia tra i paesi comunque più virtuosi.  «Siamo il secondo paese per numero di adozioni internazionali – sottolinea Bertolusso -, voglio mettere l’accento non tanto sulla quantità che è già un dato significativo, ma sulla qualità perché in Italia il 70% delle coppie italiane che adottano accoglie bambini con bisogni particolari e speciali».

Colombia non si ferma, Mongolia in perenne lockdown, Filippine si arriva solo in business

Tra i paesi stranieri la Colombia ha confermato anche durante la pandemia di voler mantenere vivo il legame tra genitori e bambini adottivi. Differente la situazione in Russia, Cina e nel sud est asiatico, dove la burocrazia ha avuto un peso specifico importante. «Nel nostro caso – spiega Bertolusso – ci sono Stati come la Mongolia, che non sono rappresentativi per numeri, ma per sistema. Il paese è in lockdown dal primo marzo 2020 e non è ancora uscito, ma al tempo stesso ha aperto però alle relazioni commerciali, il che è inspiegabile. Immaginare che un imprenditore sia meno virulento di una coppia che va nel paese per adottare un bambino è difficile da credere».

Differente il caso delle Filippine dove l’associazione Amici di Don Bosco ha dovuto lottare per far sì che i genitori adottivi potessero, con un anno di ritardo, abbracciare la loro piccola. Ma alla vigilia della partenza qualcosa si è inceppato. «Si è verificata una situazione paradossale – racconta Daniela Bertolusso -, mentre il paese ha reagito alla pandemia cercando di non interrompere i rapporti tra i genitori adottivi e i bambini, tale per cui ha dato il via libera all’arrivo della coppia, grazie ad un permesso speciale di ingresso riservato proprio alle famiglie adottive. Eppure, una volta che il paese ha autorizzato la partenza, i coniugi sono stati fermati dalla compagnia area che, alla vigilia della partenza, ha ridotto la capienza del volo e fatto rimanere a terra i passeggeri di economy. Una stortura che non si può accettare».

Videochiamate per ridurre i tempi di attesa

Se la pandemia ha allungato i tempi di attesa, ha però accorciato le distanze tra le famiglie e i bambini grazie alla tecnologia. La conferma arriva dalle parole della coordinatrice dell’associazione Amici di Don Bosco che ha spiegato come oggi le coppie siano ancora più motivate. «Il percorso di adozione tanto in Italia, quanto nei paesi stranieri non è stato modificato rispetto alla situazione pandemica. Certo oggi occorre molta pazienza perché la tempistica è più lunga ma al tempo stesso qualcosa di positivo è accaduto. È mutata in meglio la fase di avvicinamento tra i genitori e i figli. Se molti Stati, tra cui le Filippine, prima del Covid erano sbrigativi al punto che, tra l’abbinamento e l’incontro, c’era solo uno scambio di fotografie e poi un vuoto assoluto, l’allungamento dei tempi ha costretto i paesi ad affidarsi alle video chiamate che permettono alle famiglie e ai bambini di conoscersi e di arrivare all’incontro più preparati».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A Delhi più di 49°C, paura per effetti del caldo su anziani e bambini
Un'intensa ondata di caldo sta investendo l'India settentrionale con temperature che hanno raggiunto il record di 49,2°C in alcune parti della capitale, Delhi. Preoccupanti i rischi per la salute delle fasce di popolazioni più fragili
Coldiretti stila la black list dei cibi più contaminati e pericolosi per l’uomo: in vetta i semi di sesamo dell’India
Bazzana (responsabile economico Coldiretti): «Necessari controlli mirati per evitare il consumo di prodotti contaminati da residui chimici, micotossine, metalli pesanti, inquinanti microbiologici, diossine, additivi e coloranti. Richiamo al legislatore per leggi più severe nell’importare prodotti stranieri»
di Federica Bosco
Mucormicosi, che cos’è il fungo nero che in India sta infettando migliaia di sopravvissuti al Covid-19
Andrea Savarino (ISS) spiega quali sono i rischi di questa micosi, perché sta colpendo in questo momento gli indiani e se è correlata a fattori particolari che possono essere presenti anche in Europa
di Peter D'Angelo
Il Regno Unito ora teme la variante indiana. E i medici di Tokyo chiedono lo stop alle Olimpiadi
Dopo settimane di tranquillità, gli esperti inglesi di nuovo preoccupati per i contagi: la variante indiana si sta diffondendo. A Gaza distrutto l'unico laboratorio per test Covid, l'India non esporterà più vaccini. Da Combivacs i risultati: una dose Pfizer dopo una AstraZeneca è sicura
Uk totalizza zero decessi, in India invece manca l’ossigeno. Usa dice sì a Pfizer per 12-15enni
Finalmente il numero zero è tornato nel Regno Unito, nessun morto per un giorno e Boris Johnson festeggia. In Usa vaccino anche ai più piccoli: Pfizer ok per i dodicenni. L'India vede numeri leggermente più bassi, ma è ancora emergenza ossigeno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 29 novembre 2022, sono 641.800.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.632.193 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa