Salute 24 Giugno 2019

A Napoli il primo Pronto Soccorso Etico in Italia. De Luca: «Lavoro straordinario»

Il bilancio del primo anno di attività del nuovo pronto soccorso del CTO di Napoli. Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca: «C’è stato un momento molto difficile per la rete dell’emergenza urgenza sul territorio ed è stato allora che abbiamo deciso di agire in tempi brevissimi»

di Chiara Stella Scarano
Immagine articolo

“Tanto di buono è stato fatto, tanto c’è ancora da fare”, è il messaggio che emerge durante il bilancio del primo anno di attività del nuovo pronto soccorso del CTO di Napoli – presidio dell’Azienda Ospedaliera Specialistica dei Colli di cui fanno parte anche l’Ospedale Monaldi e il Cotugno – tracciato nei giorni scorsi alla presenza dei vertici aziendali e del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Una scommessa vincente che, dopo la chiusura nel 2011 dello storico pronto soccorso ortopedico del CTO, ha permesso al presidio di riaprire i battenti come pronto soccorso generalista (sebbene ad oggi gran parte degli accessi resti di natura ortopedica e traumatologica) nell’aprile del 2018, affermandosi come un efficace punto di riferimento nella rete dell’emergenza urgenza campana.

LEGGI: REGIONE CAMPANIA, UNIVERSITÀ FEDERICO II DI NAPOLI E MERCK, INSIEME PER IL FUTURO DELLA MEDICINA RIPRODUTTIVA

Punti di forza sono certamente la grande attenzione riservata al paziente già in fase di triage, che ha reso il nuovo presidio CTO un modello di “pronto soccorso etico” già esportato in altre realtà ospedaliere italiane. Ma anche i pochissimi eventi avversi e decessi registrati (anche nei codici rossi), la presenza della guardia medica ortopedica notturna, e soprattutto quello che è un importante primato: essere il primo pronto soccorso in Italia con un servizio specifico per i malati di Sclerosi multipla. Eppure, permangono carenze di personale per smaltire le liste d’attesa bloccate, ma anche di posti letto per le degenze dei pazienti curati e stabilizzati in pronto soccorso.

«Il personale ha lavorato strenuamente per permetterci di raggiungere un obiettivo strategico per l’organizzazione della sanità campana. – Spiega il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca – C’è stato un momento molto difficile per la rete dell’emergenza urgenza sul territorio ed è stato allora che abbiamo deciso di agire in tempi brevissimi seguendo tre strade: potenziando la rete dei PS intorno a Napoli, riaprendo il pronto soccorso del CTO e inaugurando l’Ospedale del Mare. Abbiamo contestualmente avviato un processo di stabilizzazione del personale precario e sbloccato risorse per l’edilizia sanitaria bloccate da 20 anni. Senza la determinazione che abbiamo dimostrato negli ultimi due anni ci avrebbero massacrato».
Un altro tassello importante in vista del vaglio dei Lea, a luglio, con i ministeri competenti, che sarà fondamentale per determinare l’uscita dal Commissariamento.

Articoli correlati
Graduatorie Test Medicina, la protesta degli studenti napoletani: «Troppa cultura generale a discapito di logica e matematica»
Lamentele sul ritardo nella comunicazione della nuova formula del quiz. Per i giovani aspiranti medici partenopei il numero chiuso è “da rivedere” e le irregolarità sono date per scontate
Triage ospedaliero, D’Amato (Lazio): «Dal 2020 si passa dai 4 codici a colore a 5 codici numerici»
«La Regione Lazio è tra le prime Regioni in Italia ad approvare il manuale operativo per la trasformazione del triage ospedaliero dai codici a colore ai codici numerici. Un passaggio che non è un semplice adempimento o spacchettamento del sistema dei codici a colori, ma rappresenta un nuovo processo di codifica nel quale si ridefiniscono […]
Batticuore “numero chiuso”: gli aspiranti medici si raccontano da Nord a Sud
Firenze, Napoli e Ferrara: Sanità Informazione ha registrato gli umori e le considerazioni dei ragazzi pre e post test d’ammissione a Medicina 2019
«Infermiere e sindacalista, vi racconto cosa significa lavorare al San Giovanni Bosco di Napoli»
Luigi Paganelli, infermiere e RSU FP-CGIL, racconta a Sanità Informazione il clima che si respira nel nosocomio napoletano, teatro di molteplici aggressioni: «Qui l’utenza viene già prevenuta»
Milano, arriva il nuovo Pronto soccorso al San Paolo: tecnologia e riservatezza per migliorare la gestione del paziente
«Le aree nuove ci aiuteranno a garantire una migliore sistemazione per i pazienti che, una volta destinati ad un’area, saranno assistiti senza essere spostati da un luogo ad un altro», spiega il direttore Marco Gardinali. Nel 2018 oltre 78mila accessi alla struttura
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...