Salute 24 Giugno 2019 16:58

A Napoli il primo Pronto Soccorso Etico in Italia. De Luca: «Lavoro straordinario»

Il bilancio del primo anno di attività del nuovo pronto soccorso del CTO di Napoli. Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca: «C’è stato un momento molto difficile per la rete dell’emergenza urgenza sul territorio ed è stato allora che abbiamo deciso di agire in tempi brevissimi»

di Chiara Stella Scarano
A Napoli il primo Pronto Soccorso Etico in Italia. De Luca: «Lavoro straordinario»

“Tanto di buono è stato fatto, tanto c’è ancora da fare”, è il messaggio che emerge durante il bilancio del primo anno di attività del nuovo pronto soccorso del CTO di Napoli – presidio dell’Azienda Ospedaliera Specialistica dei Colli di cui fanno parte anche l’Ospedale Monaldi e il Cotugno – tracciato nei giorni scorsi alla presenza dei vertici aziendali e del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Una scommessa vincente che, dopo la chiusura nel 2011 dello storico pronto soccorso ortopedico del CTO, ha permesso al presidio di riaprire i battenti come pronto soccorso generalista (sebbene ad oggi gran parte degli accessi resti di natura ortopedica e traumatologica) nell’aprile del 2018, affermandosi come un efficace punto di riferimento nella rete dell’emergenza urgenza campana.

LEGGI: REGIONE CAMPANIA, UNIVERSITÀ FEDERICO II DI NAPOLI E MERCK, INSIEME PER IL FUTURO DELLA MEDICINA RIPRODUTTIVA

Punti di forza sono certamente la grande attenzione riservata al paziente già in fase di triage, che ha reso il nuovo presidio CTO un modello di “pronto soccorso etico” già esportato in altre realtà ospedaliere italiane. Ma anche i pochissimi eventi avversi e decessi registrati (anche nei codici rossi), la presenza della guardia medica ortopedica notturna, e soprattutto quello che è un importante primato: essere il primo pronto soccorso in Italia con un servizio specifico per i malati di Sclerosi multipla. Eppure, permangono carenze di personale per smaltire le liste d’attesa bloccate, ma anche di posti letto per le degenze dei pazienti curati e stabilizzati in pronto soccorso.

«Il personale ha lavorato strenuamente per permetterci di raggiungere un obiettivo strategico per l’organizzazione della sanità campana. – Spiega il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca – C’è stato un momento molto difficile per la rete dell’emergenza urgenza sul territorio ed è stato allora che abbiamo deciso di agire in tempi brevissimi seguendo tre strade: potenziando la rete dei PS intorno a Napoli, riaprendo il pronto soccorso del CTO e inaugurando l’Ospedale del Mare. Abbiamo contestualmente avviato un processo di stabilizzazione del personale precario e sbloccato risorse per l’edilizia sanitaria bloccate da 20 anni. Senza la determinazione che abbiamo dimostrato negli ultimi due anni ci avrebbero massacrato».
Un altro tassello importante in vista del vaglio dei Lea, a luglio, con i ministeri competenti, che sarà fondamentale per determinare l’uscita dal Commissariamento.

Articoli correlati
Nuova variante identificata a Napoli, cosa sappiamo fino ad ora
La variante identificata a Napoli corrisponde a quella "nigeriana". Altri 30 casi in UK. Per ora tutti i contatti del soggetto sono negativi
Pronto Soccorso, Giuliano (UGL): «Sistema in corto circuito, ora tutelare personale con rigida applicazione protocolli»
L'UGL sanità torna a chiedere investimenti, assunzioni e una riforma mirata della Medicina del territorio oltre allo sblocco del turn over. IL segretario Giuliano: «Situazione da girone dantesco, servono investimenti»
Sistema 118, Balzanelli: «Centrali subissate e code di 6-7 ore davanti agli ospedali. Governo rafforzi il 118 o si rischia il crack»
Il Presidente della Società Italiana Sistema 118 traccia un quadro preoccupante: «I nostri mezzi devono essere sanificati completamente e gli equipaggi si devono svestire e rivestire. Servono 45 minuti e in quel frangente i territori rischiano di rimanere scoperti». Sotto pressione tutte le aree metropolitane
Pronto Soccorso, percorsi separati sulla carta ma in realtà non si riesce a isolare i positivi
La situazione negli ospedali romani raccontata dal segretario di CGIL Sanità Lazio e Michela Flores di Usb Sanità: «Le ambulanze sono utilizzate come camere di isolamento, in attesa di trovare un posto letto ai pazienti»
di Peter D'Angelo
Ictus e covid-19, Di Lazzaro (Campus): «Drammatico calo dei pazienti in pronto soccorso»
Per paura di contrarre il COVID-19, molti pazienti non si recano al pronto soccorso: «In caso di sintomi agire presto per evitare danni permanenti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio, sono 112.116.627 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.485.601 i decessi. Ad oggi, oltre 212,15 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...