Salute 8 Ottobre 2019

A 200 km/h per lottare contro il cancro, la storia del medico-pilota che porta i pazienti in pista

Amedeo Pancotti, primario di Oncologia a Teramo e pilota, ha portato alcuni pazienti nel circuito di Magione per una giornata su Ferrari e Abarth: «L’aspetto psicologico è determinante». Il prossimo 9 marzo il secondo appuntamento che vedrà il coinvolgimento anche dell’Automobile Club d’Italia

Una pista automobilistica percorsa da bolidi che superano i 200 km all’ora. A bordo un medico e i suoi pazienti che sfidano la pura della velocità per prepararsi a vincere una battaglia ben più importante, quella contro il tumore. L’originale iniziativa è nata da un’idea di Amedeo Pancotti, primario di Oncologia all’Ospedale Mazzini di Teramo.

Pancotti, appassionato pilota di rally, sa bene quanto l’aspetto psicologico sia importante nella lotta al cancro. Per questo creare un rapporto con il paziente che vada al di là del mero scambio medico-diagnostico è importante: non a caso da anni presiede l’associazione di volontariato di Ascoli “Hozho” che si occupa di donne operate al seno e promuove diverse iniziative per alleviare le sofferenze dei malati e delle loro famiglie.

Così, aiutato dalla pilota Debora Broccolini, ha portato alcuni pazienti selezionati (perché non tutti sono in grado di sostenere una simile prova) all’autodromo di Magione, vicino Perugia, per una giornata che resterà per sempre nella loro memoria: «Insieme alla Broccolini abbiamo organizzato questo master day in pista. È stata una cosa bellissima. Ovviamente ho fatto una selezione dei pazienti, non tutti sono adatti fisicamente. C’è stata una risposta bellissima: i club Ferrari e Abarth hanno messo a disposizione diverse automobili, noi siamo andati con 3-4 macchine da corsa. A ogni paziente abbiamo fatto fare tre giri di pista, in alcuni punti abbiamo raggiunto anche oltre i 200 km, non ci siamo risparmiati».

Il giorno in pista ha avuto un effetto più che positivo sullo stato d’animo dei pazienti: «Sotto certi aspetti è terapeutico – sottolinea il medico -. Da quando abbiamo cominciato queste iniziative vengono in ospedale entrando nella loro ‘casa’. Molte volte parlo del vomito anticipatorio, ci sono molti pazienti che vanno in ospedale e cominciano a vomitare perché l’aspetto psicologico è determinante: entrare nella propria ‘seconda casa’ dove ci sono persone con cui hai giocato e di cui ti fidi significa in qualche modo sollevarti dall’angoscia dal posto che ti è ostile».

LEGGI ANCHE: UMANIZZAZIONE DELLE CURE, AI FATEBENEFRATELLI UN REFERENTE LAICO PER LA ‘CURA SPIRITUALE’ DEI PAZIENTI. PRIMO CASO IN ITALIA

Pancotti non è nuovo a simili iniziative, in passato anche in ospedale ha realizzato eventi che hanno visto i pazienti per un giorno dimenticarsi dei loro problemi: «Ho organizzato sempre iniziative per coinvolgere i malati cercando di dare concretezza al concetto di umanizzazione dell’ospedale, del reparto. Abbiamo fatto un ‘Masterchef oncology’, li abbiamo fatti cucinare con la giuria, con il pubblico, con la giuria che dava voti: è stata una cosa bellissima. Abbiamo fatto musica leggera, teatro, ecc. Una mattina abbiamo preso un autobus di 70 posti, non siamo andati in ospedale, abbiamo saltato la chemio, siamo andati a mangiare in un ristorante in montagna e a Loreto. Loro queste cose le apprezzano in maniera entusiasmante. Questo fa si che il rapporto, pur restando sempre nel contesto di una professionalità, diventa più aperto, più affettuoso, più emozionante e emotivo».

L’appuntamento in pista con i pazienti è destinato a non restare un episodio isolato. Ora anche l’Automobile Club d’Italia ha sposato l’iniziativa che potrebbe avere un’eco nazionale e il 9 marzo 2020 ci sarà una seconda edizione, questa volta allargata: crescono le richieste di adesione all’evento.

Da parte di Pancotti, però, resta l’amarezza per la scarsa attenzione che le autorità sanitarie hanno riservato all’iniziativa: «Hanno mostrato totale disinteressate. Se non l’avessi fatta sarebbe stata la stessa cosa. Andrò via a breve da Teramo ma continuerò a lavorare per queste iniziative del mio reparto. La cosa che mi fa male è la totale ignoranza e l’incultura da parte delle strutture amministrative e politiche che confondo un malato oncologico con un altro malato. Invece il malato oncologico è un malato complesso perché è un malato che si sente tradito dal proprio corpo, che sente di perdere il suo ruolo sociale e spesso anche familiare. C’è una complessità di azioni sotto l’aspetto psicologico che intervengono che sono drammatiche che sono diverse da ogni altro tipo di malato. Farlo capire è dura».

Articoli correlati
“Scuola e giochi in corsia”: al via il progetto di AIEOP e Amgen per aiutare i piccoli pazienti oncoematologici
L’iniziativa, che coinvolge già 9 ospedali in Italia, ha come obiettivo una sempre maggiore umanizzazione delle cure ed una presa in carico del paziente a 360 gradi
Cancro e coronavirus, le paure di oncologi e pazienti finiti “fra Scilla e Cariddi”
Il racconto di un oncologo sul New England Journal of Medicine: «Mi aspetto un picco bimodale, le morti dei pazienti oncologici con Covid e quelle dei tanti che hanno visto le cure indebolite o rimandate»
di Tommaso Caldarelli
Ospedale sicuro, Santini (Campus): «Con triage telefonico e televisita meno attese e maggiore tutela per i pazienti oncologici»
Al Campus Bio-Medico riorganizzato il Day-Hospital di oncologia. Il Responsabile Daniele Santini: «Nessun caso di covid nei nostri pazienti: attivati percorsi protetti e tutte le precauzioni necessarie per ridurre al massimo la possibilità di infezione»
Tumore HER2 positivo o mutato, trastuzumab deruxtecan può migliorare la prognosi dei pazienti
Dopo l’approvazione dell’FDA per il trattamento del carcinoma mammario metastatico HER2 positivo, l’anticorpo monoclonale coniugato trastuzumab deruxtecan di Daiichi Sankyo e Astrazeneca ha dimostrato risposte tumorali clinicamente significative anche nel carcinoma gastrico HER-positivo, nel carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazione HER2 e nel carcinoma colorettale HER2 positivo. Al Congresso Virtuale dell’American Society of Clinical Oncology i risultati dei trial di Fase II DESTINY-Gastric01, DESTINY-Lung 01, DESTINY-CR01
Gli oncologi: «Fondamentali potenziamento cure territoriali, assistenza domiciliare, telemedicina e reti oncologiche»
Non è necessario ribadire quanto l’emergenza Covid-19 abbia pesato sui malati oncologici, sono i dati a parlare. Diagnosi e biopsie dimezzate, 64% di interventi chirurgici con ritardi e il 57% di visite in meno dei pazienti. Intervenire è urgente e per questo noi di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi, abbiamo stilato un documento […]
di i presidenti di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...