Salute 8 Ottobre 2019

A 200 km/h per lottare contro il cancro, la storia del medico-pilota che porta i pazienti in pista

Amedeo Pancotti, primario di Oncologia a Teramo e pilota, ha portato alcuni pazienti nel circuito di Magione per una giornata su Ferrari e Abarth: «L’aspetto psicologico è determinante». Il prossimo 9 marzo il secondo appuntamento che vedrà il coinvolgimento anche dell’Automobile Club d’Italia

Una pista automobilistica percorsa da bolidi che superano i 200 km all’ora. A bordo un medico e i suoi pazienti che sfidano la pura della velocità per prepararsi a vincere una battaglia ben più importante, quella contro il tumore. L’originale iniziativa è nata da un’idea di Amedeo Pancotti, primario di Oncologia all’Ospedale Mazzini di Teramo.

Pancotti, appassionato pilota di rally, sa bene quanto l’aspetto psicologico sia importante nella lotta al cancro. Per questo creare un rapporto con il paziente che vada al di là del mero scambio medico-diagnostico è importante: non a caso da anni presiede l’associazione di volontariato di Ascoli “Hozho” che si occupa di donne operate al seno e promuove diverse iniziative per alleviare le sofferenze dei malati e delle loro famiglie.

Così, aiutato dalla pilota Debora Broccolini, ha portato alcuni pazienti selezionati (perché non tutti sono in grado di sostenere una simile prova) all’autodromo di Magione, vicino Perugia, per una giornata che resterà per sempre nella loro memoria: «Insieme alla Broccolini abbiamo organizzato questo master day in pista. È stata una cosa bellissima. Ovviamente ho fatto una selezione dei pazienti, non tutti sono adatti fisicamente. C’è stata una risposta bellissima: i club Ferrari e Abarth hanno messo a disposizione diverse automobili, noi siamo andati con 3-4 macchine da corsa. A ogni paziente abbiamo fatto fare tre giri di pista, in alcuni punti abbiamo raggiunto anche oltre i 200 km, non ci siamo risparmiati».

Il giorno in pista ha avuto un effetto più che positivo sullo stato d’animo dei pazienti: «Sotto certi aspetti è terapeutico – sottolinea il medico -. Da quando abbiamo cominciato queste iniziative vengono in ospedale entrando nella loro ‘casa’. Molte volte parlo del vomito anticipatorio, ci sono molti pazienti che vanno in ospedale e cominciano a vomitare perché l’aspetto psicologico è determinante: entrare nella propria ‘seconda casa’ dove ci sono persone con cui hai giocato e di cui ti fidi significa in qualche modo sollevarti dall’angoscia dal posto che ti è ostile».

LEGGI ANCHE: UMANIZZAZIONE DELLE CURE, AI FATEBENEFRATELLI UN REFERENTE LAICO PER LA ‘CURA SPIRITUALE’ DEI PAZIENTI. PRIMO CASO IN ITALIA

Pancotti non è nuovo a simili iniziative, in passato anche in ospedale ha realizzato eventi che hanno visto i pazienti per un giorno dimenticarsi dei loro problemi: «Ho organizzato sempre iniziative per coinvolgere i malati cercando di dare concretezza al concetto di umanizzazione dell’ospedale, del reparto. Abbiamo fatto un ‘Masterchef oncology’, li abbiamo fatti cucinare con la giuria, con il pubblico, con la giuria che dava voti: è stata una cosa bellissima. Abbiamo fatto musica leggera, teatro, ecc. Una mattina abbiamo preso un autobus di 70 posti, non siamo andati in ospedale, abbiamo saltato la chemio, siamo andati a mangiare in un ristorante in montagna e a Loreto. Loro queste cose le apprezzano in maniera entusiasmante. Questo fa si che il rapporto, pur restando sempre nel contesto di una professionalità, diventa più aperto, più affettuoso, più emozionante e emotivo».

L’appuntamento in pista con i pazienti è destinato a non restare un episodio isolato. Ora anche l’Automobile Club d’Italia ha sposato l’iniziativa che potrebbe avere un’eco nazionale e il 9 marzo 2020 ci sarà una seconda edizione, questa volta allargata: crescono le richieste di adesione all’evento.

Da parte di Pancotti, però, resta l’amarezza per la scarsa attenzione che le autorità sanitarie hanno riservato all’iniziativa: «Hanno mostrato totale disinteressate. Se non l’avessi fatta sarebbe stata la stessa cosa. Andrò via a breve da Teramo ma continuerò a lavorare per queste iniziative del mio reparto. La cosa che mi fa male è la totale ignoranza e l’incultura da parte delle strutture amministrative e politiche che confondo un malato oncologico con un altro malato. Invece il malato oncologico è un malato complesso perché è un malato che si sente tradito dal proprio corpo, che sente di perdere il suo ruolo sociale e spesso anche familiare. C’è una complessità di azioni sotto l’aspetto psicologico che intervengono che sono drammatiche che sono diverse da ogni altro tipo di malato. Farlo capire è dura».

Articoli correlati
La realtà virtuale abbassa i livelli di ansia dei pazienti che si sottopongono alla chemioterapia
Lo studio pubblicato sul Journal of Cellular Physiology è stato coordinato dal professor Antonio Giordano, docente del dipartimento di Biotecnologie mediche dell'Università di Siena e direttore dello Sbarro Health Research Organization (SHRO) di Philadelphia: «La realtà virtuale è risultata più efficace della musicoterapia». E a Napoli ci sarà un reparto di oncologia con poltrone con realtà virtuale
Napoli, Federfarma per il Pausilipon: donato un monitor per migliorare le terapie dei piccoli pazienti oncologici
Cinquemila euro da destinare all’acquisto di un particolare monitor che sarà utilizzato per i pazienti oncologici del Pausilipon: è il contributo che hanno voluto dare i titolari di farmacia napoletani per aiutare i medici del Santobono Pasuilipon nell’affrontare al meglio la degenza dei “piccoli ospiti” della struttura pediatrica napoletana. Nello specifico il monitor multiparametrico completerà […]
Tumori, svolta con le terapie ‘agnostiche’. Vella: «Con immunoterapia e farmaci mirati aumenta sopravvivenza e diminuisce tossicità»
Alcuni degli oncologi più importanti d’Italia si sono dati appuntamento a Roma al convegno “Le terapie oncologiche agnostiche. La nuova frontiera nella lotta ai tumori”. Il Vice Ministro Sileri: «Queste terapie sono una vera rivoluzione nel trattamento dei pazienti oncologici laddove è dimostrata una alterazione genetica comune»
Dal trapianto di microbiota nuove speranze per le terapie oncologiche. Valdagni (Istituto Tumori Milano): «Scoperta sconvolgente»
Dagli studi più recenti emerge che la flora batterica influisce sulle infiammazioni del corpo e, per questo, può essere un’arma per colpire il cancro. Di questo si parlerà al primo convegno internazionale “MIBIOC – The way of the microbiota in Cancer”, in programma il 21 e 22 novembre presso l’istituto dei tumori di Milano
di Federica Bosco
Oncologia, Sileri: «Rinnovati fondi per farmaci innovativi e oncologici per il prossimo triennio»
Al Congresso Aiom il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri ha aperto ai farmaci biosimilari in oncologia: «Sì all’inizio del trattamento, da valutare con lo specialista per i pazienti più difficili. Hanno la stessa efficacia e sicurezza con un risparmio maggiore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano