Salute 15 Luglio 2021 09:16

Nel 2020 23 milioni di bambini non hanno ricevuto i vaccini di routine. L’allarme Oms-Unicef

23 milioni di bambini hanno saltato almeno una dose di un vaccino di base nel 2020, 17 milioni probabilmente non ne hanno ricevuta nemmeno una. Oms e Unicef chiedono ai paesi di tornare a impegnarsi per evitare focolai multipli

Nel 2020 23 milioni di bambini non hanno ricevuto i vaccini di routine. L’allarme Oms-Unicef

Sono 23 milioni i bambini che non hanno ricevuto i vaccini di routine nel 2020 – 3,7 milioni in più rispetto al 2019 – secondo i dati ufficiali pubblicati dall’Oms e dall’Unicef. Quest’ultima serie di dati completi, i primi ufficiali a riflettere le interruzioni del servizio globale dovute a Covid-19, dimostra che la maggior parte dei paesi lo scorso anno ha registrato un calo dei tassi di vaccinazione infantile.

Fino a 17 milioni di bambini non ha ricevuto nessun vaccino durante l’anno, ampliando le già immense disuguaglianze nell’accesso ai vaccini. La maggior parte di questi bambini vive in comunità colpite da conflitti, luoghi remoti poco serviti o in contesti informali o baraccopoli dove affrontano molteplici privazioni, incluso l’accesso limitato alla salute di base e ai servizi sociali chiave.

Ghebreyesus (OMS): «Più focolai di malattie diverse sarebbero catastrofici»

«Anche se i Paesi chiedono a gran voce i vaccini anti Covid-19, abbiamo fatto marcia indietro su altre vaccinazioni, lasciando i bambini a rischio di malattie devastanti ma prevenibili come il morbillo, la polio o la meningite», ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms. «Più focolai di malattie sarebbero catastrofici per le comunità e i sistemi sanitari che stanno già combattendo contro Covid, rendendo più urgente che mai investire nella vaccinazione infantile e garantire che ogni bambino venga raggiunto».

Le regioni del sud-est asiatico e del Mediterraneo orientale sono state in assoluto le più colpite. Rispetto al 2019, 3,5 milioni di bambini in più hanno saltato la prima dose di vaccino contro la difterite, il tetano e la pertosse (DTP-1) mentre 3 milioni di bambini in più non hanno ricevuto la prima dose contro il morbillo.

Paesi poveri, è allarme

«Anche prima della pandemia, c’erano segnali preoccupanti che stavamo iniziando a perdere terreno nella lotta per immunizzare i bambini contro le malattie infantili prevenibili, anche con le diffuse epidemie di morbillo di due anni fa. La pandemia ha peggiorato una brutta situazione. Con l’equa distribuzione dei vaccini Covid-19 al centro, dobbiamo ricordare che la distribuzione dei vaccini è sempre stata iniqua, ma non deve esserlo» ha osservato Henrietta Fore, direttrice esecutiva dell’Unicef.

I dati mostrano che i paesi a reddito medio ora rappresentano una quota crescente di bambini non protetti, ovvero bambini senza almeno una dose di vaccino. L’India sta vivendo un calo particolarmente ampio, con la copertura DTP-3 (antidifterite-tetano-pertosse) che è scesa dal 91% all’85%.

Alimentato da carenze di finanziamenti, disinformazione sui vaccini, instabilità e altri fattori, sta emergendo un quadro preoccupante anche nella regione delle Americhe, dove la copertura vaccinale continua a diminuire. Solo l’82% dei bambini è completamente vaccinato con DTP, in calo rispetto al 91% nel 2016. Si rischia una recrudescenza del morbillo e di altre malattie prevenibili con i vaccini.

Lontani dalla copertura al 95% prevista da OMS

Anche prima della pandemia, i tassi di vaccinazione infantile globale contro difterite, tetano, pertosse, morbillo e poliomielite si erano fermati per diversi anni intorno all’86%. Questo tasso è ben al di sotto del 95% raccomandato dall’Oms per proteggersi dal morbillo, spesso la prima malattia a ripresentarsi quando i bambini non vengono raggiunti con i vaccini, e insufficiente per fermare altre malattie prevenibili con i vaccini.

In alcuni paesi, le cliniche sono state chiuse o gli orari sono stati ridotti, mentre le persone temendo il contagio si sono mostrate riluttanti nel cercare aiuto. Altri hanno avuto difficoltà a raggiungere i servizi per i lockdown che si sono susseguiti e per le interruzioni dei trasporti.

Le preoccupazioni non riguardano solo le malattie a rischio di epidemie. Già a tassi bassi, le vaccinazioni contro il papillomavirus umano (HPV) – che proteggono le ragazze dal cancro del collo dell’utero più avanti nella vita – sono state fortemente colpite dalla chiusura delle scuole. Di conseguenza, in tutti i paesi che hanno introdotto il vaccino HPV fino ad oggi hanno perso circa 1,6 milioni di ragazze in più nel 2020. A livello globale solo il 13% delle ragazze è stato vaccinato contro l’HPV, in calo dal 15% del 2019.

Oms e Unicef dettano la linea

Mentre si lavora per recuperare il terreno perduto a causa delle interruzioni legate al Covid-19, Unicef, Oms e partner come Gavi, Vaccine Alliance stanno sostenendo gli sforzi per rafforzare i sistemi di immunizzazione:

  • Ripristino dei servizi e delle campagne di vaccinazione in modo che i paesi possano fornire in sicurezza programmi di immunizzazione di routine durante la pandemia di Covid-19;
  • Aiutare gli operatori sanitari e i leader a comunicare attivamente con i cittadini per spiegare l’importanza delle vaccinazioni;
  • Correggere le lacune nella copertura vaccinale, inclusa l’identificazione di comunità e persone che sono state perse durante la pandemia.
  • Garantire che la consegna del vaccino Covid-19 sia pianificata e finanziata in modo indipendente e che avvenga parallelamente e non a spese dei servizi di vaccinazione per l’infanzia.
  • Attuazione di piani nazionali per prevenire e rispondere alle epidemie di malattie prevenibili con vaccino e rafforzare i sistemi di immunizzazione come parte degli sforzi di recupero da Covid-19.

Le agenzie stanno lavorando con paesi e partner per raggiungere gli ambiziosi obiettivi dell’Agenda globale sull’immunizzazione 2030, che mira a raggiungere il 90% di copertura per i vaccini essenziali per l’infanzia, dimezzare il numero di bambini completamente non vaccinati o a “dose zero” e aumentare l’adozione di nuovi vaccini salvavita come rotavirus o pneumococco nei paesi a basso e medio reddito.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi