Professioni Sanitarie 4 Agosto 2020 09:42

Ortottisti. Al via il 52° Congresso Nazionale AIOrAO il 4 e 5 settembre

Focus sulla riabilitazione ortottica, la presidente AIOrAO: «Non restituisce la visione, ma permette di ottimizzare quella che si possiede». Per il futuro si punta all’ortottista di comunità

di Isabella Faggiano
Ortottisti. Al via il 52° Congresso Nazionale AIOrAO il 4 e 5 settembre

Prima posticipato dalla primavera alla fine dell’estate, poi proiettato da un palcoscenico ricco di storia come quello della città di Palermo ad una piattaforma web: il Congresso degli ortottisti 2020 “Impegno attuale e futuro dell’Ortottista Assistente di Oftalmologia. Prevenzione, valutazione e riabilitazione visiva”, si svolgerà online il 4 e il 5 settembre. Le iscrizioni sono già aperte e sarà possibile partecipare al congresso collegandosi alla piattaforma FAD.

«Tra i relatori – dice Daniela Fiore, presidente nazionale Aiorao, l’Associazione Italiana Ortottisti Assistenti di Oftalmologia – non solo colleghi ortottisti, ma anche medici, per confrontarsi ed approfondire le principali tematiche intorno a cui ruota la nostra professione. Una prima parte sarà dedicata all’occhio e alla sua costituzione, alle patologie della cornea e della superficie oculare. In un’altra sessione si discuterà di profilassi e terapia della retinopatia del prematuro. Una sezione sarà poi dedicata ad un argomento molto caro a noi ortottisti: la riabilitazione. Per concludere, si discuterà di qualità, efficienza ed efficacia della formazione continua».

La riabilitazione

«L’ortottista – spiega Fiore – può praticare diverse metodiche di riabilitazione: dalle forme di strabismo latente, alla ripresa post-operatoria, fino ai casi di ipovisione. In particolare, in quest’ultima situazione può mettere in atto una riabilitazione strumentale che, attraverso l’utilizzo di specifici apparecchi, addestra il paziente a sfruttare al meglio la sua capacità visiva residua. In altre parole, la riabilitazione non restituisce la visione, ma permette di ottimizzare quella che si possiede, con un conseguente miglioramento della qualità della vita».

La prevenzione

Tra le varie mansioni dell’ortottista c’è anche quella della promozione della prevenzione dei disturbi visivi. «Durante la stagione estiva, ad esempio – sottolinea la presidente Aiorao -, è frequente trovarsi ad affrontare problematiche legate all’esposizione solare, di cui soffrono soprattutto i più piccini. Si tratta di irritazioni solari, congiuntiviti, fastidi, fino a scompensi dovuti a strabismi latenti che, in altre condizioni, non verrebbero così esasperati». Un contatto diretto tra il sole e l’occhio non è mai consigliato: «È sempre meglio indossare degli occhiali da sole e, se troppo problematico convincere i più piccoli, creare almeno una zona d’ombra utilizzando un cappello con visiera, in modo da  filtrare le radiazioni nocive dei raggi ultravioletti», consiglia l’esperta.

Progetti futuri

E mentre questa stagione prosegue tra disturbi tipicamente estivi da affrontare e cambiamenti scaturiti dall’emergenza Covid a cui adeguarsi, gli ortottisti mettono in cantiere anche progetti futuri. Come molti altri professionisti sanitari puntano a implementare il loro ruolo a livello territoriale: «Vorremmo che la presenza dell’ortottista potesse essere garantita anche negli studi dei medici di medicina generale ed in quelli dei pediatri di libera scelta. In questo modo – spiega Daniela Fiore – si potrebbe effettuare uno screening di primo livello senza gravare sulle strutture ospedaliere: l’accesso diretto agli ambulatori degli ospedali sarebbe riservato solo a coloro che ne avranno un bisogno reale, snellendo le liste di attesa e – conclude – migliorando l’efficienza delle prestazioni erogate».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
“Alla tua vista ci pensi?”. Il filmato degli Ortottisti per sensibilizzare la cittadinanza sui disturbi della visione
La Commissione di albo nazionale degli Ortottisti accende i riflettori sui disturbi della visione e lo ha fatto con la produzione di un filmato, che ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle difficoltà visive come sdoppiamento delle immagini, ombre nel campo visivo, affaticamento, fastidio, percezione offuscata e mal di testa nella lettura e tante […]
Ortottisti, i grandi assenti dei centri di riabilitazione accreditati. Montes (Cda): «Con questo vuoto si rischia l’utilizzo improprio di altre figure professionali»
«Una valutazione clinica completa ed efficace deve prevedere una dettagliata valutazione multidisciplinare, che comprenda tutti i professionisti sanitari dell’area della riabilitazione ognuno per le proprie competenze specifiche, compreso l’ortottista»
Ortottisti, per il World Sight Day puntiamo tutto sulla prevenzione
Fiore (AIOrAO): «Auspichiamo l’istituzione di un corso di laurea magistrale professionalizzante e speriamo di poter tornare presto nelle piazze italiane, a contatto diretto con i cittadini per sensibilizzarli sui problemi della vista»
di Isabella Faggiano
Ortottica, 7 giugno è Giornata Mondiale. Intruglio (Comm. Albo): «Campagne di screening siano uniformi in tutta Italia»
Dal 2013 si celebra una ricorrenza che punta l’attenzione su questa professione che in Italia conta 3004 iscritti alla FNO TSRM PSTRP, la maggior parte in regime di libera professione o dipendenti di studi privati. Sono 19 i corsi di laurea attivi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi