Professioni Sanitarie 5 Marzo 2021 11:42

Giornata Europea della Logopedia, Rossetto (FLI): «La tele-riabilitazione può aiutare l’85% dei pazienti»

“Così lontani, così vicini”: cinque giorni di consulti on-demand. I logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo

di Isabella Faggiano

Videochiamate, e-mail, sessioni registrate o incontri dal vivo su piattaforme specifiche. Così i logopedisti italiani sono riusciti a restare vicini ai loro pazienti anche nei periodi di massimo isolamento. Ed è proprio alle nuove tecnologie che i logopedisti di tutta Europa hanno deciso di dedicare la Giornata Europea della Logopedia del 6 marzo, lanciata dal Comité Permanent De Liaison Des Orthophonistes-Logopèdes dell’Unione Europea (CPLOL).

La logopedia ai tempi del Covid-19

Solo in Italia sono circa 2 milioni le persone, senza contare il “sommerso”, che hanno bisogno di una riabilitazione per disturbi della comunicazione o della deglutizione. «In questo lungo anno – spiega Tiziana Rossetto, presidente della FLI, la Federazione Logopedisti Italiani -, proprio grazie alla tele-logopedia, siamo rimasti al fianco dei nostri pazienti, sia garantendo una continuità delle cure a coloro che già seguivano un programma di riabilitazione, sia prendendo in carico nuovi casi. La tele- riabilitazione, infatti, è stata anche un utile strumento di valutazione».

Certo, non è stato facile adattare all’utilizzo delle nuove tecnologie una professione come quella del logopedista, che ha come fulcro la relazione con il suo paziente. «Ma sperimentarle – ha aggiunto Rossetto – ci ha permesso di studiare nuove modalità di cura e di valutazione che non è escluso possano essere impiegate anche quando la pandemia sarà finita, come supporto alla relazione in presenza. Gli studi scientifici condotti sulla tele-riabilitazione – sottolinea la presidente FLI – hanno dimostrato che fino all’85% dei pazienti ne trae vantaggio, grazie anche a un buon rapporto costo-benefici ed alla facilità di accesso».

Un network internazionale per affrontare l’emergenza

In alcuni Paesi, dove la bassa densità di popolazione allunga le distanze e i tempi necessari agli spostamenti, la tele-logopedia era stata già sperimentata e largamente impiegata pure in epoca pre-Covid. «Le nuove tecnologie ci hanno permesso di creare un network internazionale a cui hanno preso parte logopedisti di tutto il mondo. Da una parte colleghi che già avevano dimestichezza con l’utilizzo della tele-logopedia, come in Canada, Australia e Stati Uniti, hanno condiviso la loro esperienza; dall’altra i logopedisti che per primi si sono trovati di fronte a casi di Covid-19 hanno illustrato i protocolli messi a punto per l’emergenza. Uno scambio professionale che ci ha permesso di delineare le prassi più efficaci, nel minor tempo possibile». I logopedisti impegnati sul fronte dell’emergenza hanno dovuto farsi carico soprattutto dei pazienti che, dimessi dalla terapia intensiva, hanno manifestato problemi di disfagia.

Etica, privacy e differenze sociali: i limiti della tele-riabilitazione

L’utilizzo delle nuove tecnologie ha posto i professionisti di fronte a problematiche di natura etica, giuridica e sociale. «Il network internazionale di logopedisti – continua la presidente della FLI – ha permesso un proficuo confronto pure su questioni legate all’etica ed alla privacy, differenti nei contesti di tele-medicina rispetto alle terapie in presenza».

Purtroppo però, se da un lato l’utilizzo dell’hi-tech ha permesso di assistere una buona percentuale di pazienti, dall’altro ha acuito ulteriormente le differenze sociali. «Così come accaduto con la DAD (la didattica a distanza), che ha lasciato indietro tutti quei bambini che non possiedono un pc o un tablet ed un collegamento ad internet, anche la tele-logopedia non ha potuto sostenere le fasce più povere della società. Ma la salute è un diritto e, come tale, deve essere garantito a tutti i cittadini senza disparità alcuna. Per questo sarà necessario lavorare affinché le varie forme di tele-medicina non restino un privilegio per pochi».

Per celebrare la Giornata europea 2021, i logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo, dalle 10 alle 12 al numero 345-2754760.

Si punta ad una telemedicina a carico del SSN

«Oggi, in alcuni Paesi europei la tele-logopedia può essere offerta attraverso il sistema sanitario pubblico o l’assicurazione sanitaria, in altri può essere disponibile solo nell’attività privata. In Italia – dice Rossetto – non è ovunque a regime, ma l’assistenza negli ultimi mesi è man mano migliorata in molte realtà. Quando usciremo dall’emergenza la tele-logopedia resterà perciò un’esperienza preziosa e soprattutto uno strumento in più, la cui opportunità andrà valutata caso per caso, così da decidere per ogni paziente se sia più opportuno il trattamento da remoto o in presenza – conclude la presidente FLI – soppesando vantaggi e svantaggi per ciascuna modalità in ogni singola situazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità digitale e cronicità, Salutequità: «Urgente aggiornare Piano Nazionale Cronicità e rivedere i PDTA»
Tra le richieste di Salutequità alla politica quella di misurare gli esiti della telemedicina e definire le tariffe specifiche per tutte le prestazioni di telemedicina
La telemedicina sbarca in Toscana: a Gorgona il primo test in un’isola-penitenziario
Obiettivo migliorare le prestazioni e ridurre i costi di spostamento. A Capraia successo per un primo test rivolto a tutta la popolazione. «Vogliamo creare un collegamento tra il medico di base e i vari specialisti» spiega Alessandro Iala, direttore dell'area Supporto ai servizi sanitari e al cittadino dell'Asl Toscana Nord Ovest. Anche ecografie ed elettroencefalogramma vengono teleguidate da remoto
di Francesco Torre
Indolfi (SIC) fuori dal coro: «Telemedicina foglia di fico, investire su ospedali, PS e posti letto»
«Milioni di pazienti cardiologici non sanno di esserlo e potrebbero scoprirlo troppo tardi. Diagnostica, terapie e monitoraggio dei risultati delle procedure da recuperare con urgenza»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola