Professioni Sanitarie 5 Marzo 2021 11:42

Giornata Europea della Logopedia, Rossetto (FLI): «La tele-riabilitazione può aiutare l’85% dei pazienti»

“Così lontani, così vicini”: cinque giorni di consulti on-demand. I logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo

di Isabella Faggiano

Videochiamate, e-mail, sessioni registrate o incontri dal vivo su piattaforme specifiche. Così i logopedisti italiani sono riusciti a restare vicini ai loro pazienti anche nei periodi di massimo isolamento. Ed è proprio alle nuove tecnologie che i logopedisti di tutta Europa hanno deciso di dedicare la Giornata Europea della Logopedia del 6 marzo, lanciata dal Comité Permanent De Liaison Des Orthophonistes-Logopèdes dell’Unione Europea (CPLOL).

La logopedia ai tempi del Covid-19

Solo in Italia sono circa 2 milioni le persone, senza contare il “sommerso”, che hanno bisogno di una riabilitazione per disturbi della comunicazione o della deglutizione. «In questo lungo anno – spiega Tiziana Rossetto, presidente della FLI, la Federazione Logopedisti Italiani -, proprio grazie alla tele-logopedia, siamo rimasti al fianco dei nostri pazienti, sia garantendo una continuità delle cure a coloro che già seguivano un programma di riabilitazione, sia prendendo in carico nuovi casi. La tele- riabilitazione, infatti, è stata anche un utile strumento di valutazione».

Certo, non è stato facile adattare all’utilizzo delle nuove tecnologie una professione come quella del logopedista, che ha come fulcro la relazione con il suo paziente. «Ma sperimentarle – ha aggiunto Rossetto – ci ha permesso di studiare nuove modalità di cura e di valutazione che non è escluso possano essere impiegate anche quando la pandemia sarà finita, come supporto alla relazione in presenza. Gli studi scientifici condotti sulla tele-riabilitazione – sottolinea la presidente FLI – hanno dimostrato che fino all’85% dei pazienti ne trae vantaggio, grazie anche a un buon rapporto costo-benefici ed alla facilità di accesso».

Un network internazionale per affrontare l’emergenza

In alcuni Paesi, dove la bassa densità di popolazione allunga le distanze e i tempi necessari agli spostamenti, la tele-logopedia era stata già sperimentata e largamente impiegata pure in epoca pre-Covid. «Le nuove tecnologie ci hanno permesso di creare un network internazionale a cui hanno preso parte logopedisti di tutto il mondo. Da una parte colleghi che già avevano dimestichezza con l’utilizzo della tele-logopedia, come in Canada, Australia e Stati Uniti, hanno condiviso la loro esperienza; dall’altra i logopedisti che per primi si sono trovati di fronte a casi di Covid-19 hanno illustrato i protocolli messi a punto per l’emergenza. Uno scambio professionale che ci ha permesso di delineare le prassi più efficaci, nel minor tempo possibile». I logopedisti impegnati sul fronte dell’emergenza hanno dovuto farsi carico soprattutto dei pazienti che, dimessi dalla terapia intensiva, hanno manifestato problemi di disfagia.

Etica, privacy e differenze sociali: i limiti della tele-riabilitazione

L’utilizzo delle nuove tecnologie ha posto i professionisti di fronte a problematiche di natura etica, giuridica e sociale. «Il network internazionale di logopedisti – continua la presidente della FLI – ha permesso un proficuo confronto pure su questioni legate all’etica ed alla privacy, differenti nei contesti di tele-medicina rispetto alle terapie in presenza».

Purtroppo però, se da un lato l’utilizzo dell’hi-tech ha permesso di assistere una buona percentuale di pazienti, dall’altro ha acuito ulteriormente le differenze sociali. «Così come accaduto con la DAD (la didattica a distanza), che ha lasciato indietro tutti quei bambini che non possiedono un pc o un tablet ed un collegamento ad internet, anche la tele-logopedia non ha potuto sostenere le fasce più povere della società. Ma la salute è un diritto e, come tale, deve essere garantito a tutti i cittadini senza disparità alcuna. Per questo sarà necessario lavorare affinché le varie forme di tele-medicina non restino un privilegio per pochi».

Per celebrare la Giornata europea 2021, i logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo, dalle 10 alle 12 al numero 345-2754760.

Si punta ad una telemedicina a carico del SSN

«Oggi, in alcuni Paesi europei la tele-logopedia può essere offerta attraverso il sistema sanitario pubblico o l’assicurazione sanitaria, in altri può essere disponibile solo nell’attività privata. In Italia – dice Rossetto – non è ovunque a regime, ma l’assistenza negli ultimi mesi è man mano migliorata in molte realtà. Quando usciremo dall’emergenza la tele-logopedia resterà perciò un’esperienza preziosa e soprattutto uno strumento in più, la cui opportunità andrà valutata caso per caso, così da decidere per ogni paziente se sia più opportuno il trattamento da remoto o in presenza – conclude la presidente FLI – soppesando vantaggi e svantaggi per ciascuna modalità in ogni singola situazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terapia del plasma, Perotti (San Matteo di Pavia) «Oggi sospesa per mancanza di pazienti, ma tesoretto di 200 sacche pronte all’uso»
Il direttore del servizio di immunoematologia dell’IRCCS pavese ricorda il collega De Donno: «Era una brava persona, molto volenterosa, di quelli che gettano il cuore oltre l’ostacolo, ma non strumentalizziamo la sua morte. Il plasma non c’entra»
di Federica Bosco
Covid-19, svelato il motivo per cui i bambini si ammalano molto meno
Una molecola “chiave” che apre le porte al virus è meno attiva. Lo hanno scoperto i ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate di Napoli, studiando i meccanismi di attacco del virus all’interno delle prime vie respiratorie in soggetti di età inferiore o superiore ai 20 anni
Report ISS, Rt a 1,57 e 20 regioni a rischio moderato. Salgono i ricoveri
Tasso di occupazione in terapia intensiva fermo al 2%, ma quello in area medica sale al 3%. Scende anche la percentuale di contagi tracciati, al 28% rispetto al 30 della settimana precedente
Vaccino Pfizer, lo studio: «Efficacia cala nell’arco di 6 mesi»
Su questo trend poggiano le ulteriori valutazioni avviate dall'azienda, che ha aperto il dibattito sull'opportunità della terza dose di vaccino
Covid, nuovo report GIMBE: «+64,8% di contagi e +46,1% di morti in una settimana». Ma i numeri assoluti restano bassi
Il monitoraggio della fondazione GIMBE, nella settimana 21-27 luglio, rileva un ulteriore aumento dei nuovi casi e degli indicatori ospedalieri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva