Professioni Sanitarie 5 Marzo 2021 11:42

Giornata Europea della Logopedia, Rossetto (FLI): «La tele-riabilitazione può aiutare l’85% dei pazienti»

“Così lontani, così vicini”: cinque giorni di consulti on-demand. I logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo

di Isabella Faggiano

Videochiamate, e-mail, sessioni registrate o incontri dal vivo su piattaforme specifiche. Così i logopedisti italiani sono riusciti a restare vicini ai loro pazienti anche nei periodi di massimo isolamento. Ed è proprio alle nuove tecnologie che i logopedisti di tutta Europa hanno deciso di dedicare la Giornata Europea della Logopedia del 6 marzo, lanciata dal Comité Permanent De Liaison Des Orthophonistes-Logopèdes dell’Unione Europea (CPLOL).

La logopedia ai tempi del Covid-19

Solo in Italia sono circa 2 milioni le persone, senza contare il “sommerso”, che hanno bisogno di una riabilitazione per disturbi della comunicazione o della deglutizione. «In questo lungo anno – spiega Tiziana Rossetto, presidente della FLI, la Federazione Logopedisti Italiani -, proprio grazie alla tele-logopedia, siamo rimasti al fianco dei nostri pazienti, sia garantendo una continuità delle cure a coloro che già seguivano un programma di riabilitazione, sia prendendo in carico nuovi casi. La tele- riabilitazione, infatti, è stata anche un utile strumento di valutazione».

Certo, non è stato facile adattare all’utilizzo delle nuove tecnologie una professione come quella del logopedista, che ha come fulcro la relazione con il suo paziente. «Ma sperimentarle – ha aggiunto Rossetto – ci ha permesso di studiare nuove modalità di cura e di valutazione che non è escluso possano essere impiegate anche quando la pandemia sarà finita, come supporto alla relazione in presenza. Gli studi scientifici condotti sulla tele-riabilitazione – sottolinea la presidente FLI – hanno dimostrato che fino all’85% dei pazienti ne trae vantaggio, grazie anche a un buon rapporto costo-benefici ed alla facilità di accesso».

Un network internazionale per affrontare l’emergenza

In alcuni Paesi, dove la bassa densità di popolazione allunga le distanze e i tempi necessari agli spostamenti, la tele-logopedia era stata già sperimentata e largamente impiegata pure in epoca pre-Covid. «Le nuove tecnologie ci hanno permesso di creare un network internazionale a cui hanno preso parte logopedisti di tutto il mondo. Da una parte colleghi che già avevano dimestichezza con l’utilizzo della tele-logopedia, come in Canada, Australia e Stati Uniti, hanno condiviso la loro esperienza; dall’altra i logopedisti che per primi si sono trovati di fronte a casi di Covid-19 hanno illustrato i protocolli messi a punto per l’emergenza. Uno scambio professionale che ci ha permesso di delineare le prassi più efficaci, nel minor tempo possibile». I logopedisti impegnati sul fronte dell’emergenza hanno dovuto farsi carico soprattutto dei pazienti che, dimessi dalla terapia intensiva, hanno manifestato problemi di disfagia.

Etica, privacy e differenze sociali: i limiti della tele-riabilitazione

L’utilizzo delle nuove tecnologie ha posto i professionisti di fronte a problematiche di natura etica, giuridica e sociale. «Il network internazionale di logopedisti – continua la presidente della FLI – ha permesso un proficuo confronto pure su questioni legate all’etica ed alla privacy, differenti nei contesti di tele-medicina rispetto alle terapie in presenza».

Purtroppo però, se da un lato l’utilizzo dell’hi-tech ha permesso di assistere una buona percentuale di pazienti, dall’altro ha acuito ulteriormente le differenze sociali. «Così come accaduto con la DAD (la didattica a distanza), che ha lasciato indietro tutti quei bambini che non possiedono un pc o un tablet ed un collegamento ad internet, anche la tele-logopedia non ha potuto sostenere le fasce più povere della società. Ma la salute è un diritto e, come tale, deve essere garantito a tutti i cittadini senza disparità alcuna. Per questo sarà necessario lavorare affinché le varie forme di tele-medicina non restino un privilegio per pochi».

Per celebrare la Giornata europea 2021, i logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo, dalle 10 alle 12 al numero 345-2754760.

Si punta ad una telemedicina a carico del SSN

«Oggi, in alcuni Paesi europei la tele-logopedia può essere offerta attraverso il sistema sanitario pubblico o l’assicurazione sanitaria, in altri può essere disponibile solo nell’attività privata. In Italia – dice Rossetto – non è ovunque a regime, ma l’assistenza negli ultimi mesi è man mano migliorata in molte realtà. Quando usciremo dall’emergenza la tele-logopedia resterà perciò un’esperienza preziosa e soprattutto uno strumento in più, la cui opportunità andrà valutata caso per caso, così da decidere per ogni paziente se sia più opportuno il trattamento da remoto o in presenza – conclude la presidente FLI – soppesando vantaggi e svantaggi per ciascuna modalità in ogni singola situazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
La vitamina C e la vitamina D prevengono il contagio da Covid-19?
Cosa dice la Circolare del 30 novembre 2020 del Ministero della Salute sulla “Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2”
Covid, per sanitari turni massacranti e ferie negate. Boom di richieste d’aiuto a Consulcesi: +30% in un anno
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «Per i medici gli straordinari sono diventati 'ordinari'. Siamo al fianco dei nostri eroi affinché ricevano il giusto riconoscimento per i sacrifici che continuano a fare»
Riaperture, Vergallo (Aaroi-Emac): «Pressione terapie intensive ancora importante. Bilanciare esigenze di salute con economia»
Il Presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri: «Le decisioni spettano alla politica ma devono seguire, con criteri di prudenza, la scienza e la situazione attuale del SSN. Un’ondata successiva, a distanza di qualche mese, sarebbe ancora più pericolosa delle precedenti perché si aggiungerebbe a un numero esistente di contagi e ricoveri e non a un valore soglia pari a zero»
Report Cabina di regia: «Rt a 0,85. Età contagiati cala per effetto delle vaccinazioni»
Brusaferro (ISS): «Decrescita in quasi tutte le Regioni. In altri Paesi Ue curva in salita». Rezza (Min. Salute): «Incidenza cala molto lentamente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...