Politica 21 Giugno 2018 12:02

Senato, la Commissione Sanità al chirurgo Piepaolo Sileri (M5S): «Bisogno salute cittadini non ha colore politico»

Le prime parole del Presidente: «Il paziente sarà al centro dell’attenzione, ma penseremo anche ai sanitari che sono in prima linea con degli stipendi spesso bassi, con dei turni di lavoro massacranti, senza un ricambio generazionale». La Commissione Affari Sociali della Camera alla deputata Cinque Stelle Marialucia Lorefice

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Senato, la Commissione Sanità al chirurgo Piepaolo Sileri (M5S): «Bisogno salute cittadini non ha colore politico»

Un applauso ha salutato l’elezione del chirurgo Pierpaolo Sileri alla presidenza della Commissione Igiene e Sanità del Senato. Rispettate le previsioni della vigilia anche per quanto riguarda i vicepresidenti con l’elezione dell’ex Presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani (Leu) e di Maria Cristina Cantù (Lega). Alla Presidenza della Commissione Affari Sociali della Camera, invece, è stata eletta Marialucia Lorefice, anche lei tra le fila del Movimento Cinque Stelle.

«Quattro mesi fa ero in ospedale a fare i turni e oggi mi ritrovo Presidente di una Commissione del Senato. No, non me lo aspettavo affatto». Sono le prime parole di Pierpaolo Sileri, intercettato da Sanità Informazione subito dopo la sua elezione. «È vero che per me questa è la prima esperienza politica – prosegue -, ma ho trascorso molti anni sul campo di battaglia come medico e come chirurgo, quindi purtroppo conosco le difficoltà che esistono nella sanità. Problemi che interessano in primis i pazienti: basti pensare alle liste d’attesa, come ha ricordato il Ministro qualche giorno fa. Ed il paziente, così com’era al centro della mia attenzione in veste di medico, continuerà ad essere al centro non solo del mio lavoro, ma anche di quello di tutti i colleghi, indipendentemente dal colore politico, perché il bisogno di salute che le persone ci chiedono non ha colore. Il fine ultimo deve essere aiutare chi ha bisogno. E poi pensiamo anche ai sanitari che sono in prima linea con degli stipendi spesso bassi, con dei turni di lavoro massacranti, senza un ricambio generazionale». Quando gli chiediamo se intende continuare ad operare, risponde senza esitazioni: «Quello è il primo amore che non si scorda mai. Cercherò di ricavare del tempo anche per fare il chirurgo».

«Siamo orgogliosi della nomina di Pierpaolo Sileri alla presidenza della Commissione Sanità» sottolinea la vicepresidente del Senato Paola Taverna. «È un ottimo professionista che si è distinto per coraggiose denunce, con lui lavoreremo bene. Lavoreremo su liste d’attesa e rifinanziamento del Sistema Sanitario. Uno dei primi provvedimenti sarà sulla trasparenza». Come segretari eletti la Senatrice Raffaella Fiormaria Marina della Lega e Laura Stabile di Forza Italia: «Tra le mie priorità ci sarà la difesa del diritto alla Salute che rischia di venire meno, poi anche tematiche più specifiche come il 118 e la questione dell’emergenza e la formazione dei medici per fronteggiare la carenza. La nostra non sarà una opposizione preconcetta ma sui contenuti» spiega il medico di Trieste. Sul fronte PD promette battaglia la Senatrice Caterina Bini: «Finalmente si parte dopo una lunga attesa. Noi vigileremo sulle riforme degli ultimi anni, come quella sull’obbligatorietà vaccinale».

Oltre ai già citati, la Commissione Igiene e Sanità è composta da Laura Binetti (FI), Paola Boldrini (PD), Maria Domenica Castellone (M5S), Elena Cattaneo (Aut), Luigi Di Marzio (M5S), Giovanni Endrizzi (M5S), Antonella Faggi (Lega), Davide Faraone (PD), Sonia Fregolent (Lega), Gaspare Antonio Marinello (M5S), Raffaele Mautone (M5S), Giuseppe Pisani (M5S), Maria Rizzotti (FI), Marco Siclari (FI), Achille Totaro (FdI) e Francesco Zaffini (FdI).

La maggior parte dei senatori siede per la prima volta nella dodicesima Commissione permanente di Palazzo Madama, ma ci sono anche volti già noti. Come la senatrice Maria Rizzotti, che la scorsa legislatura copriva la carica di Vicepresidente della Commissione, o Paola Taverna, che ne era Segretaria. Si è già occupata di sanità in Commissione, inoltre, la senatrice a vita Elena Cattaneo, mentre Davide Faraone è stato Sottosegretario alla Salute del Governo Gentiloni.

I componenti della Affari Sociali della Camera sono: Massimo Enrico Baroni (M5S), Maria Teresa Bellucci (FdI), Rossana Boldi (Lega), Fabiola Bologna (M5S), Michela Vittoria Brambilla (FI), Micaela Campana (PD), Elena Carnevali (PD), Andrea Cecconi (Misto), Giuseppe Chiazzese (M5S), Celeste D’Arrando (M5S), Vito De Filippo (PD), Guido De Martini (Lega), Guido Della Frera (FI), Sara Foscolo (Lega), Marcello Gemmato (FdI), Mara Lapia (M5S), Arianna Lazzarini (Lega), Alessandra Locatelli (Lega), Stefania Mammì (M5S), Antonino Minardo (FI), Stefano Mugnai (FI), Silvana Nappi (M5S), Dalila Nesci (M5S), Roberto Novelli (FI), Ubaldo Pagano (PD), Massimiliano Panizzut (Lega), Claudio Pedrazzini (FI), Giuditta Pini (PD), Nicola Provenza (M5S), Luca Rizzo Nervo (PD), Michela Rostan (LeU), Francesco Sapia (M5S), Doriana Sarli (M5S), Angela Schirò (PD), Stefania Segnana (Lega), Paolo Siani (PD), Gilda Sportiello (M5S), Paolo Tiramani (Lega), Giorgio Trizzino (M5S), Francesca Troiano (M5S), Giuseppina Versace (FI), Leda Volpi (M5S), Edoardo Ziello (Lega).

LEGGI LE INTERVISTE DI SANITA’ INFORMAZIONE:

PIERPAOLO SILERI (M5S): «LA CORRUZIONE IN SANITA’ TOGLIE RISORSE A PAZIENTI. COMBATTERLA SARA’ PRIORITA’ DEL GOVERNO CONTE»

PAOLA BOLDRINI (PD): «MEDICINA DI GENERE E MALATTIE RARE TRA LE PRIORITA’. MINISTRO GRILLO DIFENDA SALUTE PUBBLICA»

LAURA STABILE (FI): «BASTA CONSIDERARE IL MEDICO UN COSTO, SI TORNI A INVESTIRE SU SSN»

MARIA RIZZOTTI (FI): «RIVEDERE SSN SENZA IDEOLOGIE. LOTTA AD ANORESSIA E BULIMIA TRA LE MIE PRIORITA’»

PAOLO SIANI (PD): «IL MIO IMPEGNO DI PEDIATRA PER NAPOLI. SCONFIGGERE ILLEGALITA’ E TUMORI INFANTILI NELLA TERRA DEI FUOCHI»

Articoli correlati
Assistenza territoriale, psicologo scolastico e riforma IRCCS al centro della settimana parlamentare
In commissione Sanità scadono i termini per presentare gli emendamenti su fine vita, normativa su stupefacenti e istituzione figura dell’autista soccorritore. In commissione Affari sociali si inizia a discutere pdl per la riforma della Legge Gelli sulla responsabilità professionale
di Francesco Torre
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Dl Riaperture, fine vita e legge sulla concorrenza: la settimana in Parlamento
Alla Camera discussione e voto finale sul decreto che sancisce il graduale ritorno alla normalità dalle misure Covid. Infermieri di famiglia ed epilessia al centro dei lavori della commissione Igiene e Sanità
di Francesco Torre
Amici wecare 2.0: la prima piattaforma promossa dai pazienti per i pazienti. Da oggi online
Un ecosistema di servizi, dedicato a chi soffre di malattie infiammatorie croniche intestinali, che offre teleconsulti gratuiti con specialisti, telemonitoraggio attraverso l’ausilio di dispositivi indossabili d’avanguardia e la possibilità di prenotare e scaricare esami di laboratorio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 520.120.789 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.260.307 i decessi. Ad oggi, oltre 11,39 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...