Politica 6 giugno 2018

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore del Movimento Cinque Stelle Pierpaolo Sileri

Un cambio di passo culturale che coinvolga tutti gli attori in campo per attuare un sistema anticorruzione davvero efficace in sanità. È il tema dell’incontro promosso da Ispe – Sanità alla Camera di Commercio di Roma in cui il presidente Francesco Macchia ha presentato un decalogo di standard minimi che le strutture sanitarie devono assicurare per garantire un adeguato livello anticorruzione: dalla gestione del conflitto di interessi al whistleblowing, dalla valorizzazione della trasparenza alla costruzione di una leadership etica. La corruzione è un problema grave del nostro Sistema sanitario, anche perché, come ha recentemente affermato il presidente Anac Raffaele Cantone, “ogni atto corruttivo in sanità è un attacco al nostro Ssn”. Ne abbiamo parlato con Pierpaolo Sileri, chirurgo e senatore del Movimento Cinque Stelle, tra gli ospiti dell’incontro che ha visto la partecipazione, tra gli altri, anche dell’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato.

LEGGI ANCHE: SANITÀ, GRILLO INCONTRA I DIPENDENTI DEL MINISTERO: «MERITO ED EFFICIENZA CAPISALDI DEL MIO MANDATO»

Senatore Sileri, la corruzione in sanità è un tema che le sta a cuore per la sua storia professionale. Si tratta di un tema da tenere sempre in considerazione per il nuovo Governo

«Il governo è partito, ci aspettano cinque anni di lavoro intenso. La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico ed universitario ho vissuto e vivo la corruzione nella sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti. Su 110 miliardi stanziati per la sanità, circa il 5-6% viene speso in problemi legati alla corruzione che rallenta un po’ tutto e mangia le risorse che invece dovrebbero essere destinate alla riduzione delle liste d’attesa o a offrire un servizio migliore e più omogeneo tra nord e sud d’Italia».

Quali sono gli altri grandi temi all’ordine del giorno da affrontare con urgenza, sia a livello parlamentare che governativo?

«Beh innanzitutto, come ha detto il presidente Conte, sarà necessario investire: investire significa far crescere e migliorare ciò che abbiamo, rivedere i contratti dei medici e degli infermieri che sono fermi da troppo tempo, gli orari di lavoro, le assunzioni; tutti problemi che sono andati via via peggiorando e hanno portato alla situazione che oggi osserviamo».

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, la politica si muove. Foscolo (Lega): «Inasprimento pene e presidi forze dell’ordine negli ospedali»
Sono già diverse le proposte depositate in Parlamento volte a contrastare il fenomeno. «Sia noi della Lega che il Ministro Grillo – spiega ai nostri microfoni il membro della Commissione Affari Sociali della Camera – siamo molto sensibili all’argomento. Sono convinta che questo esecutivo riuscirà ad ottenere qualcosa di positivo»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
40 anni SSN, il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: «Servizio sanitario nazionale ci pone all’avanguardia nella comunità internazionale»
L’intervento del Capo dello Stato al termine dell’evento celebrativo a Roma: « Dobbiamo mantenere e migliorare questa condizione attraverso l'opera, l'impegno, la passione e la dedizione di coloro che a vario titolo fanno parte del Servizio sanitario nazionale»
Sanità. La ricetta anti-corruzione di Carlo Cottarelli: «La colpa è dei ‘sette peccati capitali’. Dosare nel modo giusto prevenzione e repressione»
Legge di Bilancio 2019, il parere dell’economista: «Al meglio si finirà con un deficit del 2% che, fondamentalmente, lascia immutate le cose rispetto agli anni scorsi»
di Isabella Faggiano
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Corruzione in sanità, Silenzi: «Medici siano i ‘custodi’ delle risorse. Bene trasparenza, ma non demonizzare privato»
«Ogni decisione terapeutica ha delle ripercussioni non solo sulla salute ma anche sui costi del SSN», sottolinea il vicepresidente della Società Italiana Medici Manager che aggiunge: «Importante permettere al cittadino di conoscere le strutture sanitarie in base ai dati sugli esiti e quelli che sono gli indicatori di qualità»
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...