Politica 30 Gennaio 2019

Senato, approvato il Dl Semplificazioni. Le principali misure che riguardano la sanità, dal personale SSN al payback

Il mancato superamento del tetto di spesa per le assunzioni nel SSN fa infuriare i sindacati. Tra le disposizioni approvate, anche misure per far fronte alla carenza di medici di medicina generale e la modifica del comma 687 della Legge di Bilancio

Immagine articolo

Il Senato ha approvato il Dl Semplificazioni con 142 voti favorevoli, 74 contrari e 10 astensioni. Il testo, che ora dovrà passare l’esame della Camera, contiene alcuni importanti provvedimenti in ambito sanitario, nonostante i dubbi del Quirinale dei giorni scorsi abbiano portato allo stralcio di 62 emendamenti. Ecco le principali misure che hanno ottenuto il disco verde a Palazzo Madama.

IL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Il ministero della Salute dovrà definire una metodologia per la determinazione del fabbisogno di personale degli enti del Servizio sanitario nazionale tenendo conto di quanto previsto in materia di definizione dei piani triennali dei fabbisogni di personale. Viene poi prevista, con decreto del ministero, l’istituzione di un Comitato paritetico per la predisposizione di una proposta di revisione della normativa in materia di obiettivi per la gestione e il contenimento del costo del personale delle Aziende e degli Enti del Servizio sanitario nazionale, di cui faranno parte rappresentanti dei Dipartimenti per gli Affari regionali e le autonomie, della funzione pubblica, del Ministero dell’economia e delle finanze e delle Regioni.
A fare infuriare medici e sindacati di categoria, però, è la mancata previsione in una disposizione di legge del superamento del tetto di spesa per le assunzioni del personale del SSN, trasformato in ordine del giorno, e quindi in un impegno del Governo, dopo lo stop da parte della Ragioneria dello Stato.

LE REAZIONI AL MANCATO SUPERAMENTO DEL TETTO DI SPESA PER IL PERSONALE

«Un fatto gravissimo – commenta il segretario nazionale Anaao Assomed Carlo Palermo – che carica un organismo tecnico della grave responsabilità politica e sociale di impedire assunzioni in un settore che ha carichi di lavoro da tempo al di sotto della linea di guardia, portando al collasso il SSN. Occorre recuperare al più presto la misura bocciata – conclude Palermo – per consentire quelle politiche di assunzioni che rappresentano l’ossigeno per un sistema sanitario pubblico in asfissia per carenza di risorse umane, oltre che economiche. Sempre che nel Governo e nel Parlamento ci sia la volontà di tenere in piedi la più grande infrastruttura sociale e civile del Paese, evitando che crolli come un qualsiasi viadotto autostradale».

«Ancora una volta – commenta il Coordinatore FASSID Corrado Bibbolino – quando si accende una tenue speranza di dare ossigeno ad un SSN morente per una sindrome ostruttiva cronica da strangolamento, gli agenti patogeni determinati dal combinato disposto tra MEF, Ragioneria dello Stato e pseudotecnocrazia accrescono virulenza e si accaniscono in corpore vili. Un tetto alla spesa per il personale che ha determinato solo fuga all’estero o verso il privato viene impugnato con una ottusità funzionale solo a chi vuole la disgregazione. A questo punto nel progressivo omicidio del SSN più che la colpa c’è da indagare sul dolo».

LA CARENZA DI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

L’articolo 9 del testo intende far fronte alla carenza dei medici di medicina generale, riconoscendo agli iscritti al corso di formazione specifica in medicina generale la facoltà di partecipare all’assegnazione degli incarichi convenzionali fino al 31 dicembre 2021. Viene specificato che la loro assegnazione viene in ogni caso subordinata rispetto a quella dei medici in possesso del diploma e agli altri medici aventi, a qualsiasi titolo, diritto all’inserimento nella graduatoria regionale. Entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto, in sede di Accordo Collettivo Nazionale saranno individuati i criteri di priorità per l’inserimento nelle graduatorie regionali dei medici iscritti al corso di formazione specifica in medicina generale, per l’assegnazione degli incarichi convenzionali, nonché le relative modalità di remunerazione.
Le Regioni, poi, potranno prevedere limitazioni del massimale di assistiti in carico, ovvero organizzare i corsi a tempo parziale, prevedendo in ogni caso che l’articolazione oraria e l’organizzazione delle attività assistenziali non pregiudichino la corretta partecipazione alle attività didattiche previste per il completamento del corso di formazione specifica in medicina generale.

LA MODIFICA DEL COMMA 687 DELLA LEGGE DI BILANCIO

Come promesso ai sindacati, il comma 687 della Legge di Bilancio viene modificato. Il nuovo testo prevede che per il triennio 2019 – 2021, la dirigenza amministrativa, professionale e tecnica del Servizio sanitario nazionale è compresa nell’area della contrattazione collettiva della Sanità.

PAYBACK FARMACEUTICO

Qualora entro il 15 febbraio 2019 non si sia perfezionato il recupero integrale delle risorse finanziarie connesse alle procedure di ripiano della spesa farmaceutica per gli anni 2013-2017, è previsto che il Direttore generale dell’Aifa, entro il 30 aprile 2019, debba accertare che le Aziende farmaceutiche titolari di Aic abbiano versato almeno l’importo di 2,378 milioni. L’accertamento dovrà essere compiuto entro il 31 maggio 2019, e verrà effettuato computando gli importi già versati per i ripiani degli anni 2013-2017 e quelli versati risultanti a seguito degli effetti, che restano fermi, delle transazioni stipulate sulla base della legge 136/2018. A seguito dell’accertamento positivo, con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, sentita l’Aifa, d’intesa con la Conferenza Stato Regioni, verrà ripartito tra le Regioni l’importo giacente sul Fondo per il payback 2013-2017.

Articoli correlati
Carenza medici, la Toscana apre ai neolaureati nei pronto soccorso. Scoppia la polemica
«Stiamo assistendo alla nascita di una Sanità low cost» ha commentato Carlo Palermo, segretario Anaao Assomed. Duro anche il presidente FNOMCeO Filippo Anelli: «Le misure-tampone sono contro ogni logica». Ad intervenire anche il sindacato degli infermieri Nursid
Sanità pubblica, l’allarme di Costantino Troise (Anaao): «Detrazioni fiscali per fondi integrativi tolgono risorse a Servizio nazionale»
Un difficile rapporto quello che intercorre tra il servizio pubblico e la sanità privata. Per Troise «c’è bisogno di una spinta gentile a sostenere quei fondi che in qualche modo sostengono politiche della salute che incidono sui comportamenti di prevenzione e che quindi abbiano un riscontro sociale di benessere apprezzabile»
Sanità pubblica, Monaco (Fnomceo): «Contratti bloccati. Dal governo basta promesse, servono fatti»
Milioni di euro di straordinari non pagati e milioni di euro per il mancato turn over e le mancate assunzioni. Queste, secondo Fnomceo, sono le cifre che lo Stato sta risparmiando sul lavoro dei medici
Eliminazione tetto di spesa, Palermo (Anaao): «Lo abbiamo sempre chiesto». Tutte le criticità del SSN
Pensionamenti, regionalismo differenziato e fondi solo apparentemente integrativi, per Anaao Assomed si tratta di una "tempesta perfetta"
Veneto e Molise richiamano i medici in pensione, ma FNOMCeO e sindacati non ci stanno
Una delle poche voci favorevoli all’iniziativa è quella del Presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri: «Bene se in emergenza e se per un breve periodo. Non manderei i medici in pensione prima dei 73 anni». Contrari la Federazione degli Ordini dei Medici, Anaao-Assomed, Fp Cgil Medici e Aaroi-Emac, che parlano di «SSN ad un passo dal collasso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...