Lavoro 28 Gennaio 2019 13:42

Rinnovo contratto, dirigenti amministrativi e tecnici SSN su comma 687: «Non basta annullare retroattività, va abrogato»

Elisa Petrone, segretario generale aggiunto FEDIRETS: «Gli amministrativi e i tecnici della sanità non hanno nessuna problematica in comune con i medici ed i sanitari del SSN. Stiamo bene nell’Area funzioni locali, con dirigenti omogenei e omologhi a noi»

Rinnovo contratto, dirigenti amministrativi e tecnici SSN su comma 687: «Non basta annullare retroattività, va abrogato»

Al Senato è in corso la discussione sul decreto Semplificazioni. Tra i tanti emendamenti proposti che riguardano la sanità, ci sono anche quelli che modificano il comma 687 della Legge di Bilancio: come promesso dal capo di gabinetto del ministero della Pubblica Amministrazione e dal ministro della Salute ai sindacati di categoria, dovrebbe essere salvato il contratto collettivo quadro firmato dalla dirigenza medica e sanitaria nel 2016 e la dirigenza amministrativa, professionale e tecnica del SSN non dovrebbe rientrare nei ruoli del personale del SSN a decorrere dal contratto 2016-2018.

Verrebbe accolto quindi quanto richiesto dai sindacati di medici e dirigenti sanitari, che hanno infatti revocato lo sciopero previsto per lo scorso 25 gennaio per manifestare, tra le altre cose, anche contro il comma 687. Ma anche la dirigenza amministrativa, professionale e tecnica del SSN è contraria ad essere contrattualmente accomunata a medici e dirigenti sanitari. È quanto evidenziato ai nostri microfoni da Elisa Petrone, segretario generale aggiunto di FEDIRETS, il sindacato che rappresenta i dirigenti tecnico amministrativi del Servizio sanitario nazionale, delle Regioni e dei Comuni: «Il comma 687 della Legge di Bilancio va abrogato totalmente o va modificato in modo da consentire alla dirigenza dei ruoli PTA del SSN di essere adeguatamente ed autonomamente rappresentata, e non costretta a farsi rappresentare per il CCNL 2019-2021 dai medici. Noi continueremo a batterci per ottenere questo risultato, se la discussione degli emendamenti in Senato non raggiungerà i risultati dai noi auspicati».

Ed il motivo per cui FEDIRETS non intende negoziare lo stesso contratto dei medici è semplice: «Gli amministrativi e i tecnici della sanità – prosegue la dottoressa Petrone – non hanno nessuna problematica in comune con i medici ed i sanitari del Servizio sanitario nazionale. Hanno uno status giuridico ed economico completamente differente; non hanno straordinari o reperibilità, non fanno turni né prestazioni aggiuntive e non possono esercitare la libera professione».

Per la FEDIRETS non è quindi sufficiente modificare il comma 687 annullandone semplicemente la retroattività; i dirigenti delle funzioni tecnico amministrative rappresentati dalla FEDIRETS vogliono rimanere nell’Area funzioni locali: «Stiamo bene dove stiamo – spiega il segretario generale aggiunto -, insieme a dirigenti omogenei e omologhi a noi, insieme cioè a quelli delle Regioni e dei Comuni».

Elisa Petrone accende poi i riflettori sullo status del rinnovo del contratto della categoria che rappresenta: «Il competente comitato di settore, a contratto scaduto, non ha ancora emanato neanche il nostro atto di indirizzo, e quindi non possiamo nemmeno iniziare le trattative in Aran. Siamo gli unici in tutta la dirigenza pubblica – conclude – e questa è una cosa vergognosa. Anche noi vogliamo il nostro contratto».

LEGGI ANCHE: RINNOVO CONTRATTO, COSMED: «LA VERITÀ DOCUMENTALE EVIDENZIA LA RESPONSABILITÀ POLITICA DELLE REGIONI SU QUANTO ACCADUTO»

Articoli correlati
La legge di Bilancio 2022 arriva alla Camera per il via libero definitivo
Ultimo passaggio parlamentare per la manovra 2022 che deve avere il via libera entro il 31 dicembre. I lavori parlamentari riprenderanno poi dopo il 6 gennaio
di Francesco Torre
Dal fondo per la fibromialgia agli psicologi nelle scuole, le novità approvate in legge di Bilancio
Chiuso l’esame degli emendamenti in commissione Bilancio in Senato: più soldi per autismo e non autosufficienza, nasce il Fondo per la cura dei disturbi del comportamento alimentare. Sulle liste di attesa, norme estese anche alle regioni in piano di rientro. Cancellati i vincoli per i Comuni che vogliono assumere assistenti sociali
di Francesco Torre
Legge di Bilancio, la carica dei 600 emendamenti segnalati: dalle indennità per gli infermieri all’abolizione del numero chiuso
In tutto 600 milioni di euro a disposizione dei parlamentari per modificare la legge di Bilancio 2022. Numerose le proposte che chiedono di istituire fondi ad hoc per specifiche patologie: dalla fibromialgia alla sclerosi multipla. Un emendamento bipartisan lancia il Fondo per il sostegno psicologico. Pd chiede fondi per piano delle cronicità, M5S chiede di non legare indennità infermieri a contrattazione collettiva
di Francesco Torre
Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per l’aggiornamento dei LEA, tutte le misure per la sanità in legge di Bilancio
Confermata l’indennità di 90 milioni per i professionisti sanitari dell’emergenza urgenza e la proroga delle Usce fino al 30 giugno 2022. Destinati 500 milioni di euro all’abbattimento delle liste di attesa. Stanziati fondi per costituire una scorta nazionale di dispositivi di protezione individuale (DPI)
di Francesco Torre
Manovra, Cittadini (Aiop): «Con risorse stanziate avviare nuova programmazione sanità»
«Le risorse stanziate per la sanità, con la legge di Bilancio, consentono nuove prospettive di sviluppo in un settore che, per troppo tempo, è stato interessato da tagli lineari alla ricerca scientifica, al personale precario, alla formazione, ai posti letto e ai budget». Così Barbara Cittadini, presidente di Aiop, l’Associazione italiana ospedalità privata, che aggiunge: «I […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 maggio, sono 524.050.910 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.273.518 i decessi. Ad oggi, oltre 11,43 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...