Lavoro 28 Gennaio 2019

Rinnovo contratto, dirigenti amministrativi e tecnici SSN su comma 687: «Non basta annullare retroattività, va abrogato»

Elisa Petrone, segretario generale aggiunto FEDIRETS: «Gli amministrativi e i tecnici della sanità non hanno nessuna problematica in comune con i medici ed i sanitari del SSN. Stiamo bene nell’Area funzioni locali, con dirigenti omogenei e omologhi a noi»

Immagine articolo

Al Senato è in corso la discussione sul decreto Semplificazioni. Tra i tanti emendamenti proposti che riguardano la sanità, ci sono anche quelli che modificano il comma 687 della Legge di Bilancio: come promesso dal capo di gabinetto del ministero della Pubblica Amministrazione e dal ministro della Salute ai sindacati di categoria, dovrebbe essere salvato il contratto collettivo quadro firmato dalla dirigenza medica e sanitaria nel 2016 e la dirigenza amministrativa, professionale e tecnica del SSN non dovrebbe rientrare nei ruoli del personale del SSN a decorrere dal contratto 2016-2018.

Verrebbe accolto quindi quanto richiesto dai sindacati di medici e dirigenti sanitari, che hanno infatti revocato lo sciopero previsto per lo scorso 25 gennaio per manifestare, tra le altre cose, anche contro il comma 687. Ma anche la dirigenza amministrativa, professionale e tecnica del SSN è contraria ad essere contrattualmente accomunata a medici e dirigenti sanitari. È quanto evidenziato ai nostri microfoni da Elisa Petrone, segretario generale aggiunto di FEDIRETS, il sindacato che rappresenta i dirigenti tecnico amministrativi del Servizio sanitario nazionale, delle Regioni e dei Comuni: «Il comma 687 della Legge di Bilancio va abrogato totalmente o va modificato in modo da consentire alla dirigenza dei ruoli PTA del SSN di essere adeguatamente ed autonomamente rappresentata, e non costretta a farsi rappresentare per il CCNL 2019-2021 dai medici. Noi continueremo a batterci per ottenere questo risultato, se la discussione degli emendamenti in Senato non raggiungerà i risultati dai noi auspicati».

Ed il motivo per cui FEDIRETS non intende negoziare lo stesso contratto dei medici è semplice: «Gli amministrativi e i tecnici della sanità – prosegue la dottoressa Petrone – non hanno nessuna problematica in comune con i medici ed i sanitari del Servizio sanitario nazionale. Hanno uno status giuridico ed economico completamente differente; non hanno straordinari o reperibilità, non fanno turni né prestazioni aggiuntive e non possono esercitare la libera professione».

Per la FEDIRETS non è quindi sufficiente modificare il comma 687 annullandone semplicemente la retroattività; i dirigenti delle funzioni tecnico amministrative rappresentati dalla FEDIRETS vogliono rimanere nell’Area funzioni locali: «Stiamo bene dove stiamo – spiega il segretario generale aggiunto -, insieme a dirigenti omogenei e omologhi a noi, insieme cioè a quelli delle Regioni e dei Comuni».

Elisa Petrone accende poi i riflettori sullo status del rinnovo del contratto della categoria che rappresenta: «Il competente comitato di settore, a contratto scaduto, non ha ancora emanato neanche il nostro atto di indirizzo, e quindi non possiamo nemmeno iniziare le trattative in Aran. Siamo gli unici in tutta la dirigenza pubblica – conclude – e questa è una cosa vergognosa. Anche noi vogliamo il nostro contratto».

LEGGI ANCHE: RINNOVO CONTRATTO, COSMED: «LA VERITÀ DOCUMENTALE EVIDENZIA LA RESPONSABILITÀ POLITICA DELLE REGIONI SU QUANTO ACCADUTO»

Articoli correlati
Contratto 2019-2021, Papotto (Cisl): «Non basta finanziamento previsto in Legge di Bilancio, servono più risorse»
Il Segretario generale della Cisl Medici sottolinea: «È chiaro che ci aspettiamo per il 2019-2021 un finanziamento più adeguato per poter recuperare questi dieci anni di fermo contrattuale»
Contratto, Quici (CIMO-Fesmed): «Firmiamo e poi disdiciamo». E sulle risorse alla sanità: «2 miliardi insufficienti, serve shock»
Il presidente della Federazione CIMO-Fesmed fa il bilancio dell’anno che sta per concludersi: «Un anno faticoso e importante, che ha posto le basi di un’aggregazione sindacale che rappresenterà 19mila medici»
Manovra 2020, luci e ombre del testo: dai Lea al personale. Tutte le voci della sanità…
Intanto, dal testo su cui lavoreranno entrambi i rami del Parlamento emerge quello che, molto probabilmente, sarà l’indirizzo finale della Legge, soprattutto per quel che riguarda la sanità
Bilancio 2020, Cartabellotta (GIMBE): «Personale e Lea i lati oscuri. Altri aspetti positivi»
«Diversi aspetti seducenti nel testo che arriva in Parlamento. Ma è realmente tutto oro quello che luccica?» si domanda la Fondazione Gimbe analizzando punto per punto la Legge di Bilancio. «Tra i grandi assenti ci sono gli investimenti su personale sanitario, nuovi Lea e farmaci innovativi»
Sanità, Consiglio dei Ministri vara manovra: superticket abolito dal primo settembre del 2020
Via libera dal Cdm alla manovra di bilancio e al decreto fiscale. Termini per la firma del Patto della Salute prorogati al 31 dicembre 2019. Per la riduzione del superticket stanziati 160 milioni di euro per l'anno prossimo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...