Politica 2 Luglio 2019 13:14

Alla Camera mozione per garantire risorse certe a Ssn. Lorefice: «Logiche di stabilità non possono prevalere»

La presidente della Commissione Affari Sociali ha presentato una mozione in cui si chiede al governo che sia adottata una soglia minima del rapporto spesa sanitaria/Pil e la fissazione di un incremento percentuale annuo, anche in funzione “anticiclica” in caso di contrazione del Pil

Alla Camera mozione per garantire risorse certe a Ssn. Lorefice: «Logiche di stabilità non possono prevalere»

Una mozione per garantire risorse certe alla sanità. L’ha presentata la presidente della Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice e ha raccolto molte adesioni tra i parlamentari di M5S e Lega.

La proposta prevede che sia adottata una soglia minima del rapporto spesa sanitaria/Pil e la fissazione di un incremento percentuale annuo, anche in funzione “anticiclica” in caso di contrazione del Pil, per garantire comunque “le esigenze di pianificazione e organizzazione degli interventi necessari in sanità nel rispetto dei princìpi di equità, solidarietà e universalismo che da 40 anni caratterizzano il servizio sanitario nazionale”.

LEGGI ANCHE: PATTO PER LA SALUTE, GRILLO: «NON FIRMERO’ CON QUELLA CLAUSOLA» E CHIEDE INCONTRO AL MEF SU FINANZIAMENTI

«In Parlamento, stiamo lavorando attivamente per superare le criticità generate da anni di politiche di austerity e tagli lineari che hanno investito la nostra sanità – sottolinea Lorefice – I dati pubblicati nell’ultimo rapporto Gimbe rappresentano un quadro della situazione desolante: in 10 anni sono stati tagliati 37 miliardi. Per questo, nel solco della battaglia del ministro Giulia Grillo, che ha annunciato le sue dimissioni in caso di nuovi tagli alla sanità, con una mozione alla Camera a mia prima firma chiediamo al Governo di impegnarsi per garantire la sostenibilità economica dei Lea, i livelli essenziali di assistenza».

La mozione chiede al governo di impegnarsi anche «ad adottare iniziative per salvaguardare il Servizio sanitario nazionale pubblico e universalistico, garantendo una sostenibilità economica effettiva ai livelli essenziali di assistenza attraverso un adeguato finanziamento del fondo sanitario nazionale, assicurando altresì la certezza delle risorse ad esso destinate, nonché ad intraprendere iniziative volte a un recupero di risorse economiche adeguate».

«Bisogna garantire un adeguato finanziamento del Fondo sanitario nazionale, permettendo una pianificazione a lungo termine che prescinda dall’andamento del Pil. Impegno preso anche nel nostro Contratto di Governo. Questa per noi è una battaglia da portare a termine. Le logiche di stabilità non possono prevalere a discapito del Servizio sanitario nazionale e il nostro compito è quello di garantire il diritto alla Salute a tutti i cittadini», conclude la deputata del Movimento 5 Stelle.

 

Articoli correlati
Vaccini Covid-19, Lorefice (M5S): «Siamo felici dell’attenzione a categorie fragili»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera ha commentato l'informativa alla Camera del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Condividiamo pertanto la necessità di inserire queste categorie come prioritarie nel piano vaccinale nazionale, per preservarle e ridurre le disuguaglianze che la pandemia ha acuito»
Covid-19, Regimenti (Lega): «Sanitari non vaccinati svolgano altri servizi per evitare rischio contagio»
L'europarlamentare della Lega Luisa Regimenti condivide sul tema la posizione espressa dalla Presidente Aiop Barbara Cittadini
Covid-19, Lorefice (M5S): «Bene vaccino Astrazeneca a 18-65enni»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera sottolinea: «Le nuove norme, sono certa, consentiranno di accelerare le vaccinazioni, che in molte Regioni stanno già interessando personale scolastico e forze dell’ordine»
Sport e salute, Tuzi (M5S): «L’inattività fisica da lockdown è causa di morte, necessaria approvazione riforma»
«Il mondo sanitario deve unirsi a quello sportivo in un’unica voce di protesta contro la possibilità che la riforma non venga approvata» spiega il deputato e medico M5S Manuel Tuzi
Covid-19, Regimenti (Lega): «Servono fondi europei e attrezzature per protocolli visite a malati»
«Organizzare in sicurezza le visite ai malati è però possibile» sottolinea Regimenti secondo la quale vietare le visite familiari per i malati Covid più fragili rappresenta comunque una «interruzione ingiustificata dei legami familiari, tutelati dall'articolo 8 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...