Politica 21 Giugno 2019 17:40

Patto per la salute, Grillo: «Non firmerò con quella clausola» e chiede incontro al Mef su finanziamenti SSN

«Per avere la certezza che quanto già stanziato nella scorsa legge di Bilancio non venga toccato», spiega il ministro della Salute, Giulia Grillo

Patto per la salute, Grillo: «Non firmerò con quella clausola» e chiede incontro al Mef su finanziamenti SSN

«Le Regioni sono preoccupate ed io con loro. Proprio in queste ore chiederò con determinazione un incontro, insieme al presidente Bonaccini, se lo vorrà, al ministero dell’Economia e delle Finanze, anche in tempi brevi, per avere la certezza che quanto già stanziato nella scorsa legge di Bilancio non venga toccato». Così il ministro della Salute, Giulia Grillo, intervistata oggi a Roma a margine della presentazione del nuovo Codice deontologico delle Professioni Infermieristiche, messo a punto dalla Fnopi-Ordini delle professioni infermieristiche.

«Già lo scorso anno abbiamo fatto sul finanziamento del fondo sanitario nazionale un aumento molto contenuto- ha spiegato- perché avevamo la certezza che quest’anno avremmo avuto un momento di respiro, ma questo momento di respiro ora deve arrivare».

In merito alla clausola finanziaria contenuta nella bozza del nuovo Patto per la salute, che vincola l’incremento del Fondo previsto nella legge di Bilancio 2019 (2 miliardi in più per il 2020 e 1,5 miliardi per il 2021), Grillo ha ribadito: «Non firmerò un Patto della Salute con quella clausola e neanche le Regioni. Quello che chiedo, più che altro, sono delle rassicurazioni dal punto di vista della nota di aggiornamento al Def, non voglio che ci siano sorprese. La nostra sanità non se lo può permettere».

LEGGI: PATTO PER LA SALUTE, LANZARIN (VENETO) CON GRILLO: «FINANZIAMENTO NON PUÒ ESSERE A RISCHIO»

Il ministro ha poi di nuovo assicurato che il Patto della Salute sarà chiuso entro l’estate. «Noi proseguiamo le interlocuzioni con le Regioni, già abbiamo portato avanti qualche punto- ha fatto sapere- Non voglio fare un Patto ‘infinito’ e troppo ambizioso per poi non concludere niente. Mi accontenterei di avere tre o quattro punti fortemente voluti e condivisi e di portare avanti quelli- ha concluso Grillo- naturalmente confrontandomi con tutto il mondo della sanità».

Articoli correlati
Recovery Plan, per la sanità 20 miliardi. Come verranno utilizzati
Cosa prevede il capitolo "Salute" del Recovery Plan approvato ieri dal Consiglio dei Ministri
Robotica per la salute, Campus Biomedico-Inail-S. Anna avviano tre progetti innovativi
Caratterizzati dal forte approccio multidisciplinare di “WiFi-MyoHand”, “RGM5” e “3D-AID” puntano su soluzioni tecnologiche innovative e personalizzate per il recupero delle funzionalità motorie in persone amputate di arto superiore
Migranti e salute, presentata l’edizione 2020 del Corriere della Salute di Sanità di Frontiera
Siamo davvero invasi dai migranti? Chi viene nel nostro Paese ci ruba il lavoro? Sono dei privilegiati e hanno accesso a servizi preclusi, invece, agli italiani? Sono queste alcune delle domande a cui l’edizione 2020 de “Il Corriere della Salute di tutti”, la rivista di Sanità di Frontiera, intende dare una risposta
Dal 6 dicembre cambia l’Italia a tre colori: quali Regioni cambiano zona
Cinque Regioni passano da zona arancione a gialla, tre Regioni e la PA di Bolzano da rossa ad arancione. Abruzzo resta zona rossa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...