Politica 21 Giugno 2019

Patto per la salute, Grillo: «Non firmerò con quella clausola» e chiede incontro al Mef su finanziamenti SSN

«Per avere la certezza che quanto già stanziato nella scorsa legge di Bilancio non venga toccato», spiega il ministro della Salute, Giulia Grillo

Immagine articolo

«Le Regioni sono preoccupate ed io con loro. Proprio in queste ore chiederò con determinazione un incontro, insieme al presidente Bonaccini, se lo vorrà, al ministero dell’Economia e delle Finanze, anche in tempi brevi, per avere la certezza che quanto già stanziato nella scorsa legge di Bilancio non venga toccato». Così il ministro della Salute, Giulia Grillo, intervistata oggi a Roma a margine della presentazione del nuovo Codice deontologico delle Professioni Infermieristiche, messo a punto dalla Fnopi-Ordini delle professioni infermieristiche.

«Già lo scorso anno abbiamo fatto sul finanziamento del fondo sanitario nazionale un aumento molto contenuto- ha spiegato- perché avevamo la certezza che quest’anno avremmo avuto un momento di respiro, ma questo momento di respiro ora deve arrivare».

In merito alla clausola finanziaria contenuta nella bozza del nuovo Patto per la salute, che vincola l’incremento del Fondo previsto nella legge di Bilancio 2019 (2 miliardi in più per il 2020 e 1,5 miliardi per il 2021), Grillo ha ribadito: «Non firmerò un Patto della Salute con quella clausola e neanche le Regioni. Quello che chiedo, più che altro, sono delle rassicurazioni dal punto di vista della nota di aggiornamento al Def, non voglio che ci siano sorprese. La nostra sanità non se lo può permettere».

LEGGI: PATTO PER LA SALUTE, LANZARIN (VENETO) CON GRILLO: «FINANZIAMENTO NON PUÒ ESSERE A RISCHIO»

Il ministro ha poi di nuovo assicurato che il Patto della Salute sarà chiuso entro l’estate. «Noi proseguiamo le interlocuzioni con le Regioni, già abbiamo portato avanti qualche punto- ha fatto sapere- Non voglio fare un Patto ‘infinito’ e troppo ambizioso per poi non concludere niente. Mi accontenterei di avere tre o quattro punti fortemente voluti e condivisi e di portare avanti quelli- ha concluso Grillo- naturalmente confrontandomi con tutto il mondo della sanità».

Articoli correlati
E-cig, Rosastella Principe (pneumologa): «Acquistare solo da rivenditori autorizzati. È una moda pericolosa tra i giovani»
«Esistono studi che hanno evidenziato sostanze cancerogene sia nelle e-cig che in quelle a tabacco riscaldato: aldeidi, metalli e altri elementi irritanti. Le sigarette elettroniche non sono prive di rischi e non possono essere considerate innocue». Così la Responsabile del Centro per la prevenzione e la terapia del tabagismo dell’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma
Legge di Bilancio, Bonaccini (Regioni): «Trovato l’accordo con il Governo». Confermati i 2mld in più per la sanità
«Siamo di fronte ad una giornata molto importante per la sanità italiana», ha dichiarato il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Stefano Bonaccini che ha inoltre ringraziato gli attori in campo, tra i quali il presidente Conte e il ministro della Salute, Roberto Speranza
Giornata mondiale vista. “Guarda che è importante!”, lo slogan di IAPB Italia per tutelare la salute visiva
Oggi 10 ottobre si celebra la Giornata Mondiale della Vista promossa dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità IAPB Italia Onlus, in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (SOI). Stamattina al convegno “Inquinamento ambientale e salute visiva”, nella Sala polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, si è parlato di come mantenere il benessere dei nostri occhi
Disuguaglianze in salute, Giuseppe Costa (UniTorino): «Vivere nelle zone più povere delle città fa la differenza»
«In Italia chi è più povero e ha meno risorse e competenze, è più esposto a fattori di rischio per la salute, si ammala prima, più spesso e muore prima». L’intervista al professor Giuseppe Costa, Docente di Salute pubblica all’Università di Torino
Un bimbo su tre obeso: è il triste primato dell’Italia. Al via la campagna di Helpcode contro la malnutrizione infantile
In vista delle Giornate mondiali contro l’obesità (10 ottobre) e dell’alimentazione (16 ottobre), l’Ong pubblica la seconda edizione del report sulla malnutrizione infantile. In contemporanea torna la campagna #ceraunavoltalacena per accendere i riflettori sulle pericolose conseguenze della malnutrizione sulla salute dei più piccoli.  Claudia Gerini testimonial d’eccezione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Salute

Super batterio New Delhi, nuova vittima in Toscana. Rezza (ISS): «Colonizza l’intestino, fondamentale rispettare prassi igienico-ospedaliere»

L’epidemia si sta allargando nella Regione. «Tra novembre 2018 e agosto 2019 è stato isolato nel sangue di 75 pazienti. Letale nel 40% dei pazienti con sepsi» specifica l’Ars Toscana. Rezza (Is...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...