Politica 30 Luglio 2020

Rinnovo commissioni parlamentari: Lorefice (M5S) confermata alla guida della Affari Sociali, la senatrice Parente (Iv) alla Sanità

Il voto è arrivato dopo tre settimane di serrate trattative che avevano fatto slittare più volte l’elezione. L’esponente siciliana del M5S Marialucia Lorefice è in carica dal 2018. Al Senato invece terzo cambio alla guida della Commissione Sanità: Parente subentra a Collina, a suo volta succeduto a Pierpaolo Sileri

Immagine articolo

Dopo un’impasse durata settimane è arrivata la fumata bianca per il rinnovo delle commissioni parlamentari permanenti. Alla Camera riconfermata alla Presidenza della Commissione Affari Sociali la pentastellata Marialucia Lorefice, alla guida della Commissione dal giugno 2018. Terzo cambio invece al Senato: al senatore dem Stefano Collina (subentrato al viceministro Pierpaolo Sileri) succede Annamaria Parente, esponente di Italia Viva. Al contrario di altre commissioni, sono stati rispettati gli accordi interni alla maggioranza che invece è andata sotto al Senato in Commissione Giustizia e in Commissione Agricoltura.

In Commissione Affari Sociali riconfermati vicepresidenti Michela Rostan (Iv) e Rossana Boldi (Lega) e i segretari Fabiola Bologna (Misto) e Marcello Gemmato (FdI).

Parente, secondo fonti parlamentari, è la più votata (20 voti) fra i senatori che sono stati eletti ai vertici delle commissioni di palazzo Madama.

IL RITRATTO DI MARIALUCIA LOREFICE

Marialucia Lorefice, classe 1980, siciliana doc di Ispica (Ragusa) è una esponente dei Cinque Stelle di lungo corso. Eletta in Parlamento per la prima volta nel 2013, è stata riconfermata nel 2018 vincendo con ampio margine nel suo collegio di Ragusa. In Parlamento la sua attività è stata caratterizzata sempre da uno stile sobrio e istituzionale, un modus operandi che ha trovato il gradimento anche di esponenti dell’opposizione che hanno riconosciuto il suo equilibrio sia con la maggioranza giallo-verde che con l’attuale coalizione M5S-Pd-Iv-Leu. Tra i suoi atti più significativi la mozione per garantire fondi certi al Sistema sanitario (che invece oggi sono vincolati all’andamento del Pil) e la sua attività da relatrice in alcuni importanti Decreti legge riguardanti l’emergenza Covid.

«Considero le votazioni di oggi un attestato di stima di cui sono particolarmente felice e lusingata e un incoraggiamento a proseguire sulla strada che abbiamo tracciato sino ad oggi» ha scritto su Facebook Lorefice subito dopo la riconferma. «Sono soddisfatta del lavoro che la nostra Commissione ha portato avanti in questi due anni, siamo riusciti ad affrontare tanti temi, non sempre facili, e a conseguire risultati a mio avviso molto importanti e non è mai venuto meno il proficuo confronto coi ministeri, della Salute, del Lavoro e politiche sociali, della Famiglia» ha aggiunto.

«In questi due anni – conclude – ho tratto grande giovamento dai momenti di ascolto e confronto con il mondo delle professioni e delle associazioni, sia durante le audizioni in Commissione sia durante gli incontri informali, di cui ho sempre dato pubblicità sui miei canali social in un’ottica di massima trasparenza con i cittadini. Su questa via intendo proseguire il mio mandato, consapevole che sono ancora numerosi gli obiettivi da raggiungere, ma che abbiamo la possibilità di far diventare legge tante proposte giunte quasi al rush finale».

CHI È ANNAMARIA PARENTE

Da sempre attiva sui temi del sociale la senatrice Annamaria Parente. È alla sua seconda legislatura. Nata a Napoli nel 1960, è stata eletta nella circoscrizione del Lazio, dove vive. Dopo una lunga carriera sindacale nella CISL, nel 2007 entra nell’esecutivo del PD e viene scelta come Responsabile Lavoro nella segreteria nazionale dal segretario Walter Veltroni e poi confermata nel 2009 dal nuovo segretario Pier Luigi Bersani. Nel 2013 venne eletta per la prima volta senatrice e di nuovo nel 2018, quando venne scelta anche come vicepresidente della Commissione permanente sul Lavoro in Senato. Ad ottobre 2019 il suo passaggio al gruppo di Italia Viva. È stata relatrice della legge sul “dopo di noi” a tutela delle persone con disabilità. Negli ultimi mesi era al lavoro sulla legge sui caregiver familiari, incardinata in Commissione Lavoro.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il Ddl aggressioni è legge. Cosa prevede il testo approvato all’unanimità dal Senato
Sanzioni da 500 a 5mila euro e dai 4 ai 16 anni di reclusione per chi aggredisce gli operatori della sanità. Le reazioni
Marialucia Lorefice (Affari Sociali): «Covid ci serva da lezione, tagli alla sanità un errore. Ora attenzione al sociale»
Colloquio con la presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice (M5S) all’indomani della rielezione. Tra le priorità dei prossimi mesi il budget di salute per la presa in carico delle persone con disabilità e la legge sul fine vita
Giornata vittime Covid, Lorefice: «È un dovere non dimenticare. Ora al lavoro per aumentare i fondi per la sanità»
«Nella nostra memoria rimarrà impressa in maniera indelebile la giornata del 18 marzo, durante la quale abbiamo assistito al corteo dei camion militari che trasportavano i feretri nelle strade di Bergamo» sottolinea la presidente della Commissione Affari Sociali nel giorno dell'approvazione del Ddl
Approvata Giornata nazionale vittime del Covid-19
La Sottosegretaria alla salute Zampa: «Il voto unanime del Parlamento alla Legge che istituisce la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di Coronavirus è una pagina di buona politica»
Caregiver, fase cruciale per Ddl al Senato. Parente (Italia Viva): «Figura va inserita nei servizi sociali. Al lavoro per contributi figurativi»
Il 22 luglio scadono i termini per presentare emendamenti al Ddl 1461 sulla riforma del caregiver. Sull’indennità dibattito aperto ma intanto la senatrice Annamaria Parente annuncia: «Proporrò una indennità come compenso al fatto che con i centri chiusi le famiglie si sono trovate sole e abbandonate durante l’emergenza Covid-19»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...