Voci della Sanità 23 Luglio 2020 17:01

Giornata vittime Covid, Lorefice: «È un dovere non dimenticare. Ora al lavoro per aumentare i fondi per la sanità»

«Nella nostra memoria rimarrà impressa in maniera indelebile la giornata del 18 marzo, durante la quale abbiamo assistito al corteo dei camion militari che trasportavano i feretri nelle strade di Bergamo» sottolinea la presidente della Commissione Affari Sociali nel giorno dell’approvazione del Ddl

«Il 18 marzo sarà la giornata dedicata alla memoria delle vittime del Covid-19, per onorare e salutare degnamente migliaia di italiani strappati alla vita dalla violenta pandemia. Tanti non hanno potuto ricevere un ultimo saluto e un ultimo abbraccio dai propri cari. Un’esperienza devastante che ci ha profondamente addolorati». Così in un post Facebook la Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice nel giorno in cui è stato approvato il Ddl che istituisce la Giornata nazionale delle vittime Covid-19.

«Nella nostra memoria – continua Lorefice – rimarrà impressa in maniera indelebile la giornata del 18 marzo, durante la quale abbiamo assistito al corteo dei camion militari che trasportavano i feretri nelle strade di Bergamo.
Quel giorno l’Italia tutta si è sentita unita nello sconforto e nella paura. Ed oggi abbiamo il dovere di non dimenticare, di dedicare un momento ogni anno alla riflessione collettiva e al raccoglimento».

«Per tali ragioni, con la proposta di legge approvata oggi all’unanimità alla Camera abbiamo Istituito una “Giornata in memoria delle vittime del Covid”, durante la quale potranno essere organizzate manifestazioni e celebrazioni e verrà rispettato un minuto di silenzio negli uffici pubblici e privati – conclude la Presidente della Commissione Affari Sociali -. Inoltre, la proposta di legge prevede che nella Giornata del ricordo ogni lavoratore dipendente possa devolvere la propria retribuzione giornaliera o parte di essa alla ricerca, per guardare con più speranza al futuro. Sarà l’occasione per offrire il nostro contributo al Servizio sanitario nazionale che, durante la terribile pandemia, da cui non siamo ancora del tutto usciti, ci ha mostrato tutto il suo valore e l’eccellenza di medici, infermieri, operatori sanitari e volontari, che con spirito di abnegazione hanno lottato in prima linea per garantire il nostro diritto alla salute. Al ricordo collettivo sarà, allora, importante unire l’impegno del governo e del Parlamento per aumentare gli investimenti nella sanità, proseguendo sulla strada che abbiamo già intrapreso».

Articoli correlati
DEF, commissione Affari sociali chiede di mantenere invariato il livello di spesa rispetto al PIL
Nel parere si sottolinea l’assenza di un riferimento al rinnovo dei contratti del personale sanitario. I deputati chiedono, inoltre, di superare le disparità territoriali nell’erogazione dei servizi, soprattutto in riferimento alle liste di attesa
di Francesco Torre
Sanità, M5S: «Prevenzione e sistema di sorveglianza integrato, le nostre proposte per potenziare la lotta all’Aids»
«La lotta al Covid non deve farci dimenticare altre emergenze della nostra sanità, come la piaga dell’AIDS. Un fronte su cui non bisogna abbassare la guardia dato l’aumento della quota di persone a cui viene diagnosticata tardivamente l’infezione da HIV. Per questo come MoVimento 5 stelle abbiamo preparato un pacchetto di emendamenti, a prima firma […]
Giornata del Servizio Sociale, Lorefice (M5S): «Assistenti sociali fondamentali per preservare dignità dei più fragili»
«Negli anni in Parlamento ho promosso l’approvazione di alcuni emendamenti volti a rafforzare la presenza degli assistenti sociali negli enti locali, rimuovendo i vincoli per le assunzioni» spiega la presidente della commissione Affari sociali della Camera
Manovra, Lorefice (M5S): «Bene assunzione nuovi assistenti sociali, in pandemia disagio aumentato»
L'emendamento approvato alla legge di Bilancio 2022 consentirà a ogni Comune italiano di fare assunzioni per raggiungere la soglia di un professionista ogni 6.500 abitanti entro il 2026
Super Green Pass, manovra e fine vita nella settimana parlamentare
Entra nel vivo l’esame della Legge di Bilancio 2022: si punta a chiudere al Senato entro Natale. In commissione Affari sociali esame del decreto legislativo sull’assegno unico, mentre in commissione Sanità continuano le audizioni sulla riforma della medicina territoriale. Il premier Draghi atteso per le comunicazioni in vista del consiglio europeo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi