Politica 13 Novembre 2019

Patto della Salute, Speranza: «Non mi risultano stralci, col MEF interlocuzione costruttiva». Sull’ex Ilva: «Rafforzare SSN in quel territorio»

Il ministro, parlando a margine del 14esimo forum ‘Meridiano Sanità, ha smentito le indiscrezioni secondo cui l’abolizione del superticket non avrebbe copertura: «Dal prossimo primo settembre il superticket sarà abolito. Si parla spesso di tasse, quella più brutta l’abbiamo abolita»

Immagine articolo

«Non mi risulta che il MEF abbia stralciato parte del testo del Patto della Salute. C’è una interlocuzione in corso, positiva e costruttiva». Con queste parole il ministro della Salute Roberto Speranza, intervenuto a margine del 14esimo forum Meridiano Sanità, ha replicato alle voci secondo cui il ministero dell’Economia sarebbe intervenuto sulla bozza del Patto della Salute.

Il ministro ha ricordato che «il patto doveva essere approvato entro marzo: erano state fatte diverse bozze ma non si era arrivati al punto di chiusura, noi lo abbiamo ripreso con determinazione e c’è un rapporto molto corretto di confronto con le regioni. Sono convinto che i nodi si possono sciogliere in un tempo breve. Questo è un testo strategico, fondamentale».

LEGGI ANCHE: PATTO PER LA SALUTE, STOP DEL MEF A FLESSIBILITÀ SUI TETTI DI SPESA PER IL PERSONALE E IMPLEMENTAZIONE LISTE D’ATTESA

Speranza ha poi voluto ricordare l’importanza dell’abolizione del superticket e ha smentito le indiscrezioni secondo cui la misura non avrebbe copertura: «Dal prossimo primo settembre il superticket sarà abolito. Si parla spesso di tasse, quella più brutta l’abbiamo abolita».

Il ministro è poi intervenuto anche sulla vicenda dell’ex Ilva di Taranto e ha elogiato l’iniziativa del premier Giuseppe Conte di inviare una lettera a tutti i ministri per invitarli a proporre soluzioni: «Quella di Conte che ha inviato una lettera a tutti i ministri chiedendo un contributo di idee è un’iniziativa giusta. È chiaro che Taranto è una priorità nazionale. Lo abbiamo detto: non è solo una questione del territorio ma una priorità per l’intero Paese. Ora proveremo a costruire proposte all’altezza di questa fase difficile che attraversa quel territorio. Penso – aggiunge Speranza – che farò delle proposte in Consiglio dei ministri ma l‘idea di rafforzare il Servizio Sanitario Nazionale in quel territorio credo che vada esattamente in questa direzione. Questo può significare da un lato le politiche per il personale, dall’altro lato le politiche per il miglioramento dell’offerta tecnologica».

LEGGI ANCHE: «ECCO COSA VUOL DIRE ASSISTERE GLI OPERAI ILVA» IL RACCONTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA IN PRIMA LINEA A TARANTO

Articoli correlati
Aggressioni e Consulta, al Ministero le prime riunioni. Speranza: «Da febbraio Ddl antiviolenza alla Camera»
Il Ministro ha convocato a Lungotevere Ripa i rappresentanti degli Ordini delle professioni sanitarie: cronicità e riforma della Formazione continua in primo piano. Sul Ddl aggressioni sottolinea: «Se tempi in Parlamento andranno per le lunghe non escludo decreto d’urgenza»
Meno Day Hospital e lungodegenze, nel 2018 gli ospedali italiani alleggeriti dalle cronicità. I dati del Rapporto SDO
Migliora l'appropriatezza e l'efficienza nell'uso delle risorse ospedaliere. Diminuita anche la remunerazione teorica delle prestazioni di ricovero ospedaliero a carico del SSN negli anni 2010-2018
Elezioni Emilia-Romagna, Bonaccini punta sulla sanità: «Riapriremo i punti nascita in montagna»
Lo scontro elettorale si sposta sui servizi sanitari regionali. Il governatore uscente annuncia una nuova politica sui punti nascita e maggiori stanziamenti per i caregiver. Critiche sono arrivate dalla candidata della Lega, Lucia Borgonzoni
Aggressioni, De Luca: «Videosorveglianza sulle ambulanze». La FIMMG torna a chiedere lo status di pubblico ufficiale
Intanto il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato per giovedì 16 gennaio l'Osservatorio permanente, mentre la FNOMCeO progetta un docufilm per sensibilizzare l'utenza
«Il nostro SSN è il migliore, ma non lo sarà per sempre». Un libro spiega il perché
Scritto dal direttore generale della Programmazione sanitaria del ministero della Salute, Andrea Urbani, il libro si propone di fare chiarezza sui limiti dell'attuale governance e sulle sfide future
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...