Politica 4 Dicembre 2020 09:45

Nuovo Dpcm, vietati spostamenti tra Comuni e Regioni a Natale e Capodanno

Il provvedimento firmato dal premier Giuseppe Conte rimarrà in vigore fino al 15 gennaio 2021. Dai viaggi ai veglioni, ecco cosa cambierà e le regole per festeggiare a Natale e Capodanno

Nuovo Dpcm, vietati spostamenti tra Comuni e Regioni a Natale e Capodanno

Nel giorno in cui l’Italia conta 993 vittime, il numero più alto dall’inizio della pandemia, il Governo punta sulla sicurezza e segue la linea del rigore con il Dpcm di Natale.

«Nel giro di un paio di settimane tutte le regioni saranno gialle. È un risultato significativo. Stiamo evitando un lockdown generalizzato ma non possiamo abbassare la guardia per le festività natalizie. Per questo motivo, serve un piano di misura con ulteriori restrizioni, limitate dal 21 dicembre al 6 gennaio, per evitare una terza ondata». È iniziata così la conferenza stampa del presidente del consiglio Giuseppe Conte in cui ha illustrato le nuove misure valide dal 4 dicembre al 15 gennaio.

Dal 21 dicembre al 6 gennaio vietati gli spostamenti tra regioni, a Natale anche tra comuni

Il decreto legge firmato vieta dal 21 dicembre al 6 gennaio ogni spostamento in entrata e in uscita tra diverse regioni o province autonome. Il 25, 26 dicembre e il 1° gennaio sarà proibito anche ogni movimento tra comuni: fanno eccezione comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute.

È consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione ma non sarà possibile raggiungere le seconde case fuori regione e, nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno, nemmeno fuori comune. E sui pranzi e le cene in casa per trascorrere le festività natalizie, c’è la forte raccomandazione «di non ricevere in casa persone non conviventi».

Le indicazioni per bar, ristoranti, negozi e alberghi

I negozi saranno aperti fino alle 21 ma nei giorni festivi e prefestivi, nei centri commerciali saranno aperti solo alimentari, farmacie, parafarmacie, sanitari, tabacchi, edicole e vivai. Nelle regioni gialle ristoranti e pizzerie resteranno sempre aperti a pranzo, anche il giorno di Natale e a Santo Stefano. Nelle aree arancioni e rosse dalle 5 alle 22 solo per l’asporto con la possibilità di consegna a casa. Gli alberghi resteranno aperti in tutta Italia, ma il 31 dicembre, alla vigilia di Capodanno, non si potranno organizzare veglioni e cene. I ristoranti degli alberghi chiuderanno alle 18 e poi sarà consentito solo il servizio in camera.

Dal 7 gennaio scuole superiori e licei in presenza al 75%

Gli studenti delle scuole superiori torneranno sui banchi dal 7 gennaio e la presenza sarà garantita al 75%. La conferma arriva dal testo del Dpcm firmato dal premier Conte. «Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado – si legge nel testo – adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, in modo che il 100 per cento delle attività siano svolte tramite il ricorso alla didattica digitale integrata e che, a decorrere dal 7 gennaio 2021, al 75 per cento della popolazione studentesca delle predette istituzioni sia garantita l’attività didattica in presenza». «L’attività didattica ed educativa per i servizi educativi per l’infanzia, per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo di istruzione continua a svolgersi integralmente in presenza», viene inoltre precisato nel testo.

Stop allo sci per tutte le festività natalizie

Stop alle piste da sci per l’intera durata delle festività natalizie: «Sono chiusi gli impianti nei comprensori sciistici – si legge nel testo pubblicato sul sito di Palazzo Chigi – gli stessi possono essere utilizzati solo da parte di atleti professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP) e/o dalle rispettive federazioni per permettere la preparazione finalizzata allo svolgimento di competizioni sportive nazionali e internazionali o lo svolgimento di tali competizioni». A partire dal 7 gennaio 2021 gli impianti saranno però aperti anche agli sciatori amatoriali, ma solo previa adozione di apposite linee guida da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e validate dal Comitato tecnico scientifico, rivolte a evitare aggregazioni di persone e, in genere, assembramenti.

Consentite competizioni a livello agonistico

Secondo il nuovo Dpcm sono consentiti soltanto gli eventi e le competizioni di livello agonistico e riconosciuti di preminente interesse nazionale con provvedimento del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e del Comitato italiano paralimpico (CIP) riguardanti gli sport individuali e di squadra organizzati dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva ovvero da organismi sportivi internazionali, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico. «Le sessioni di allenamento degli atleti – si può leggere nel testo – , professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, partecipanti alle competizioni di cui alla presente lettera e muniti di tessera agonistica, sono consentite a porte chiuse».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Scendono ancora nuovi casi e ricoveri. Misure insufficienti nelle scuole»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe conferma un ulteriore calo di tutte le curve, ad eccezione dei decessi che si confermano stabili. L’esitazione vaccinale persiste negli over 50 e frena la fascia 12-19: 1,5 milioni di ragazzi non hanno ancora ricevuto nemmeno una dose di vaccino
Terza dose vaccino anti Covid, AIFA pubblica elenco dei farmaci immunosoppressivi
L’Agenzia Italiana del Farmaco ha pubblicato l’elenco dei principali farmaci immunosoppressivi da considerare per selezionare chi ha bisogno di effettuare la dose addizionale di vaccino anti Covid-19
Vaccino anti-Covid fascia 5-11 anni, Pfizer: «Forte risposta immunitaria»
I dati sulla fascia di età 5-11 anni con dose di vaccino inferiore rispetto agli adulti mostra un'immunità molto alta. Secondo Pfizer si potrebbe iniziare con le somministrazioni dall'inizio della stagione invernale
Sicurezza delle cure, dal rischio clinico alle assicurazioni: a che punto siamo? Intervista all’Avv. Hazan
Il punto in occasione della "Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco