Politica 9 Settembre 2019

Governo, De Filippo (PD): «Bene Conte e Speranza, ci sarà attenzione in Bilancio per la sanità»

L’ex sottosegretario, capodelegazione dem in Commissione Affari sociali, promuove il discorso del premier in Aula. Sui lavori in Commissione, annuncia, si riparte da «eutanasia, caregiver, assegno unico che sono stati già incardinati prima della crisi di governo»

Immagine articolo

«Le prime dichiarazioni del Presidente Conte e del ministro della Salute Speranza indicano che la sanità sarà al centro delle attenzioni del Governo». Vito De Filippo, Pd, già sottosegretario alla Salute degli ultimi governi di centrosinistra, è molto soddisfatto degli impegni presi dal premier Conte in tema di Sanità e politiche sociali nel suo discorso alla Camera dei deputati. In Commissione Affari sociali, dove De Filippo è capogruppo dei democratici, si riparte dai temi rimasti in sospeso prima della crisi: «Eutanasia, caregiver, assegno unico, si riparte da qui. Anche se saremo tutti molto impegnati con la legge si Bilancio» sottolinea, mentre sui vaccini, che potrebbe essere un tema diviso tra PD e M5S non si dice preoccupato: «Il ministro Grillo aveva già una posizione vicina a quella della comunità scientifica, ora sarà più semplice».

LEGGI: CONTE BIS, PRIORITÀ PER FORMAZIONE E ASSUNZIONI. VACCINI, LOTTA AGLI SPRECHI, AGGRESSIONI: LA NUOVA AGENDA IN COMMISSIONE

Onorevole, le è piaciuto il discorso del Presidente Conte?
«Il discorso di Conte mi ha molto convinto. Raccoglie in pieno il lavoro che hanno svolto, sia pur in pochi giorni, i partiti al Governo per la stesura del programma. Ha garantito già da oggi un’importante impegno in bilancio per la sanità. Dalle dichiarazioni del Presidente del Consiglio e da quelle del Ministro della Salute Speranza si evince che ci sarà non solo interesse ma anche un’attenzione importante. Molto buoni anche i passaggi sulla famiglia, sul welfare e le politiche sociali».

Avete già fatto il punto in Commissione Affari sociali? Da quali temi partirà il vostro lavoro?
«Non abbiamo ancora fatto il punto in Commissione, ma ci sono leggi importanti come l’eutanasia, il caregiver, l’assegno unico che sono stati già incardinati prima della crisi di governo. Tuttavia, nelle prossime settimane saremo occupati soprattutto nella legge di Bilancio».

Sui vaccini troverete la quadra con il M5S?
«Abbiamo notato che già in questo ultimo anno il ministro Grillo aveva una posizione più vicina a quella della comunità scientifica, nonostante la Lega avesse una posizione diversa. Immagino che da ora in poi sarà molto più semplice. Il piano nazionale vaccini e la copertura raggiunta credo siano insieme un grandissimo obiettivo del Sistema sanitario italiano».

Articoli correlati
Caregiver, fase cruciale per Ddl al Senato. Parente (Italia Viva): «Figura va inserita nei servizi sociali. Al lavoro per contributi figurativi»
Il 22 luglio scadono i termini per presentare emendamenti al Ddl 1461 sulla riforma del caregiver. Sull’indennità dibattito aperto ma intanto la senatrice Annamaria Parente annuncia: «Proporrò una indennità come compenso al fatto che con i centri chiusi le famiglie si sono trovate sole e abbandonate durante l’emergenza Covid-19»
Italia Viva spinge per aderire al MES. De Filippo: «Ecco come possiamo rivoluzionare la sanità italiana con 36 miliardi»
In un documento dal titolo “MES, SÌ! (ecco perché)”, redatto da un gruppo di lavoro coordinato dal deputato Vito De Filippo, un piano di azione dettagliato: 10 miliardi per ospedali e personale sanitario, altri 10 miliardi per i servizi medici e l’assistenza territoriale, due miliardi alla digitalizzazione, 5 miliardi per la ricerca e 8 miliardi per imprese e trasporti
Coronavirus, Rostan e De Filippo (Iv): «Anticipare campagna antinfluenzale, a rischio scorte vaccini»
«Sarebbe opportuno muoversi per tempo e, ove possibile, verificare anche lo stimolo ad una produzione vaccinale autonoma del Paese da parte di aziende farmaceutiche italiane» sottolineano i due deputati di Italia Viva
Coronavirus, De Filippo (Italia Viva): «Epidemia non sarà eccezione, dobbiamo essere pronti. Ora più risorse a sanità»
L’ex sottosegretario alla Salute promuove il provvedimento sulla chiusura delle scuole: «8,5 milioni di studenti che ogni mattina si incontrano in ogni parte d’Italia sicuramente sono un potenziale di rischio che dobbiamo evitare». Poi attacca i no vax: «Sono spariti, dibattito di un anno fa demagogico e populista»
«È stata una battaglia per la libertà di tutti. Mi è mancato il sostegno di medici e infermieri». Parla la compagna di Dj Fabo
Applausi e standing ovation alla Sapienza per Valeria Imbrogno, la compagna di Fabiano Antoniani, il ragazzo tetraplegico e cieco che nel 2017 decise di togliersi la vita in Svizzera: «Bisogna essere liberi di poter scegliere in qualsiasi momento della propria vita». Dopo l’intervento della Consulta chiede che «il legislatore si dia una mossa» sul fine vita
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 16 luglio, sono 13.565.020 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 584.385 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 15 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»