Politica 9 Settembre 2019 13:50

Governo, De Filippo (PD): «Bene Conte e Speranza, ci sarà attenzione in Bilancio per la sanità»

L’ex sottosegretario, capodelegazione dem in Commissione Affari sociali, promuove il discorso del premier in Aula. Sui lavori in Commissione, annuncia, si riparte da «eutanasia, caregiver, assegno unico che sono stati già incardinati prima della crisi di governo»

Governo, De Filippo (PD): «Bene Conte e Speranza, ci sarà attenzione in Bilancio per la sanità»

«Le prime dichiarazioni del Presidente Conte e del ministro della Salute Speranza indicano che la sanità sarà al centro delle attenzioni del Governo». Vito De Filippo, Pd, già sottosegretario alla Salute degli ultimi governi di centrosinistra, è molto soddisfatto degli impegni presi dal premier Conte in tema di Sanità e politiche sociali nel suo discorso alla Camera dei deputati. In Commissione Affari sociali, dove De Filippo è capogruppo dei democratici, si riparte dai temi rimasti in sospeso prima della crisi: «Eutanasia, caregiver, assegno unico, si riparte da qui. Anche se saremo tutti molto impegnati con la legge si Bilancio» sottolinea, mentre sui vaccini, che potrebbe essere un tema diviso tra PD e M5S non si dice preoccupato: «Il ministro Grillo aveva già una posizione vicina a quella della comunità scientifica, ora sarà più semplice».

LEGGI: CONTE BIS, PRIORITÀ PER FORMAZIONE E ASSUNZIONI. VACCINI, LOTTA AGLI SPRECHI, AGGRESSIONI: LA NUOVA AGENDA IN COMMISSIONE

Onorevole, le è piaciuto il discorso del Presidente Conte?
«Il discorso di Conte mi ha molto convinto. Raccoglie in pieno il lavoro che hanno svolto, sia pur in pochi giorni, i partiti al Governo per la stesura del programma. Ha garantito già da oggi un’importante impegno in bilancio per la sanità. Dalle dichiarazioni del Presidente del Consiglio e da quelle del Ministro della Salute Speranza si evince che ci sarà non solo interesse ma anche un’attenzione importante. Molto buoni anche i passaggi sulla famiglia, sul welfare e le politiche sociali».

Avete già fatto il punto in Commissione Affari sociali? Da quali temi partirà il vostro lavoro?
«Non abbiamo ancora fatto il punto in Commissione, ma ci sono leggi importanti come l’eutanasia, il caregiver, l’assegno unico che sono stati già incardinati prima della crisi di governo. Tuttavia, nelle prossime settimane saremo occupati soprattutto nella legge di Bilancio».

Sui vaccini troverete la quadra con il M5S?
«Abbiamo notato che già in questo ultimo anno il ministro Grillo aveva una posizione più vicina a quella della comunità scientifica, nonostante la Lega avesse una posizione diversa. Immagino che da ora in poi sarà molto più semplice. Il piano nazionale vaccini e la copertura raggiunta credo siano insieme un grandissimo obiettivo del Sistema sanitario italiano».

Articoli correlati
Caregiver, FISH e FAND incontrano ministra Erika Stefani: «Presto tavolo tecnico per sbloccare Ddl fermo in Senato»
«Occorre agire oltre che a livello economico, soprattutto a livello previdenziale ed assistenziale, in modo da garantire ai caregiver, di accedere ad un percorso pensionistico agevolato» sottolineano i presidenti Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano
Distribuzione dei farmaci, interrogazione del Pd a Speranza: «Pazienti fragili a rischio, perché non applicare norme Dl Rilancio?»
In una interrogazione a prima firma Vito De Filippo si segnala anche che l’accesso l'accesso con modalità Spid ai piani terapeutici Aifa web based ha complicato la vita dei pazienti cronici
Vaccini, Paola Boldrini (Pd): «Regioni devono rispettare piano nazionale, governo monitori»
«Il piano vaccinale prevede una sequenza di categorie a partire dalle persone con elevata fragilità (secondo l'articolo 3 comma 3 della legge 104/92) e loro caregiver» ricorda la vice presidente della Commissione Sanità
Dl Sostegni, Matrisciano (Comm. Lavoro): «Dal decreto 100 milioni a Fondo inclusione disabili. Ora legge sui caregiver»
La presidente della commissione Lavoro di palazzo Madama, Susy Matrisciano, chiede «percorsi di inclusione sociale e di inserimento lavorativo e progetti mirati, anche nella Pubblica amministrazione»
Suicidio assistito, eutanasia e rinuncia ai trattamenti salvavita: ecco cosa si può fare e cosa è vietato in Italia
Gobber (SICP): «Con la sentenza n.242 del 2019 la Corte Costituzionale aveva chiesto al Parlamento di legiferare in materia di suicidio assistito. Ad oggi, in Italia, resta una pratica illegale. È, invece, del tutto legittimo che il paziente rinunci a qualsiasi intervento sanitario, anche salvavita»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco