Politica 9 Settembre 2019

Governo, De Filippo (PD): «Bene Conte e Speranza, ci sarà attenzione in Bilancio per la sanità»

L’ex sottosegretario, capodelegazione dem in Commissione Affari sociali, promuove il discorso del premier in Aula. Sui lavori in Commissione, annuncia, si riparte da «eutanasia, caregiver, assegno unico che sono stati già incardinati prima della crisi di governo»

Immagine articolo

«Le prime dichiarazioni del Presidente Conte e del ministro della Salute Speranza indicano che la sanità sarà al centro delle attenzioni del Governo». Vito De Filippo, Pd, già sottosegretario alla Salute degli ultimi governi di centrosinistra, è molto soddisfatto degli impegni presi dal premier Conte in tema di Sanità e politiche sociali nel suo discorso alla Camera dei deputati. In Commissione Affari sociali, dove De Filippo è capogruppo dei democratici, si riparte dai temi rimasti in sospeso prima della crisi: «Eutanasia, caregiver, assegno unico, si riparte da qui. Anche se saremo tutti molto impegnati con la legge si Bilancio» sottolinea, mentre sui vaccini, che potrebbe essere un tema diviso tra PD e M5S non si dice preoccupato: «Il ministro Grillo aveva già una posizione vicina a quella della comunità scientifica, ora sarà più semplice».

LEGGI: CONTE BIS, PRIORITÀ PER FORMAZIONE E ASSUNZIONI. VACCINI, LOTTA AGLI SPRECHI, AGGRESSIONI: LA NUOVA AGENDA IN COMMISSIONE

Onorevole, le è piaciuto il discorso del Presidente Conte?
«Il discorso di Conte mi ha molto convinto. Raccoglie in pieno il lavoro che hanno svolto, sia pur in pochi giorni, i partiti al Governo per la stesura del programma. Ha garantito già da oggi un’importante impegno in bilancio per la sanità. Dalle dichiarazioni del Presidente del Consiglio e da quelle del Ministro della Salute Speranza si evince che ci sarà non solo interesse ma anche un’attenzione importante. Molto buoni anche i passaggi sulla famiglia, sul welfare e le politiche sociali».

Avete già fatto il punto in Commissione Affari sociali? Da quali temi partirà il vostro lavoro?
«Non abbiamo ancora fatto il punto in Commissione, ma ci sono leggi importanti come l’eutanasia, il caregiver, l’assegno unico che sono stati già incardinati prima della crisi di governo. Tuttavia, nelle prossime settimane saremo occupati soprattutto nella legge di Bilancio».

Sui vaccini troverete la quadra con il M5S?
«Abbiamo notato che già in questo ultimo anno il ministro Grillo aveva una posizione più vicina a quella della comunità scientifica, nonostante la Lega avesse una posizione diversa. Immagino che da ora in poi sarà molto più semplice. Il piano nazionale vaccini e la copertura raggiunta credo siano insieme un grandissimo obiettivo del Sistema sanitario italiano».

Articoli correlati
Coronavirus, De Filippo (Italia Viva): «Epidemia non sarà eccezione, dobbiamo essere pronti. Ora più risorse a sanità»
L’ex sottosegretario alla Salute promuove il provvedimento sulla chiusura delle scuole: «8,5 milioni di studenti che ogni mattina si incontrano in ogni parte d’Italia sicuramente sono un potenziale di rischio che dobbiamo evitare». Poi attacca i no vax: «Sono spariti, dibattito di un anno fa demagogico e populista»
«È stata una battaglia per la libertà di tutti. Mi è mancato il sostegno di medici e infermieri». Parla la compagna di Dj Fabo
Applausi e standing ovation alla Sapienza per Valeria Imbrogno, la compagna di Fabiano Antoniani, il ragazzo tetraplegico e cieco che nel 2017 decise di togliersi la vita in Svizzera: «Bisogna essere liberi di poter scegliere in qualsiasi momento della propria vita». Dopo l’intervento della Consulta chiede che «il legislatore si dia una mossa» sul fine vita
Suicidio assistito, eutanasia, DAT: cosa cambia nella responsabilità per il medico?
La Sentenza della Corte Costituzionale sul fine vita pone nuovi interrogativi ai medici in ambito di responsabilità professionale. Alcuni chiarimenti con il contributo del Prof. Pasquale Macrì della Prof. Paola Frati, a margine del convegno dell’Università La Sapienza.
Papa Francesco a operatori sanitari: «No all’eutanasia». Mina Welby: «Interruzione terapie già prevista dalla Chiesa»
L'appello di Papa Francesco nel messaggio per la 28° Giornata Mondiale del Malato che si celebrerà il prossimo 11 febbraio. Critica l'Associazione Luca Coscioni: «Il medico ha il dovere di intervenire, secondo la volontà manifestata dal malato, per sedarlo e consentire una morte non dolorosa»
«Solo così ho capito le esigenze di pazienti e caregiver». La storia del medico che porta la nutrizione assistita a casa dei malati
A Lecce da sette anni opera il Centro NAD, una rete di specialisti che segue il paziente dall’ospedale al domicilio sotto il profilo della nutrizione clinica. Oltre 2mila i pazienti in cura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...