Politica 9 Settembre 2019

Conte bis, in sanità priorità per formazione e assunzioni. Vaccini, lotta agli sprechi, aggressioni: la nuova agenda in Commissione

A Montecitorio lungo discorso del premier che riserva un passaggio anche alla sanità. M5S-PD convinti dalle parole del premier, Lega e Fdi annunciano opposizione dura. Mandelli (Forza Italia): “Il vero banco di prova sono i fondi da destinare alla sanità”

Immagine articolo

Nel giorno del debutto in Parlamento del governo ‘giallorosso’ appoggiato da M5S e PD, il premier Giuseppe Conte, alla Camera dei deputati per il voto di fiducia, ha voluto riservare nel suo discorso un passaggio imporante anche sul tema della sanità. Poche parole molto significative in cui ha sottolineato che «il Governo si impegnerà a difendere la sanità pubblica e universale, valorizzando il merito e predisponendo un piano di assunzioni straordinarie di medici e infermieri, potenziandone i percorsi formativi». Tra i ministri a cui il premier ha stretto la mano prima di iniziare a parlare, anche il neo ministro della Salute, Roberto Speranza.

Conte ha parlato poi di «un progetto politico di ampia portata» e della volontà di attuare una «svolta nelle politiche economiche e sociali». Il premier ha poi garantito l’impegno dell’esecutivo per fermare la “fuga dei cervelli” che sta impoverendo l’Italia e in special modo il Sud. Altro passaggio importante anche sul sostegno alla disabilità e alla non autosufficienza, su cui ha rimarcato la necessità di portare avanti la riforma pensata già nei mesi scorsi.

LEGGI: SPERANZA RIPARTE DALLA COSTITUZIONE: «SUPERARE L’ATTUALE CARENZA DI MEDICI E INFERMIERI»

Discorso lungo quello del premier, anche per le numerose contestazioni giunte dai banchi delle opposizioni, in particolare Lega e Fratelli d’Italia, che nel frattempo erano anche in piazza Montecitorio per protestare contro il governo.

Il voto di fiducia al Conte bis va a chiudere così la crisi aperta ad agosto dal leader della Lega, Matteo Salvini. Sulla sanità, la neonata maggioranza necessità ancora di tempo per stabilire quali provvedimenti portare avanti: «Bisognerà fare il punto sulle priorità in sanità. Noi pensiamo che bisogna varare una legge che imponga ai direttori di ASL di rendicontare le spese per razionalizzare la spesa pubblica ricavare risorse», sottolinea a Sanità Informazione il Cinque Stelle Massimo Enrico Baroni, relatore, tra le altre cose, del Sunshine Act.

Sul fronte PD parla invece Giuditta Pini: «Alcuni passaggi del discorso di Conte mi hanno convinto, altri meno. Sulla sanità vedremo quanti soldi saranno destinati dalla legge di Bilancio. C’è da destinare risorse sia alle assunzioni che ai Lea». Per Paolo Siani, deputato PD e primario di pediatria a Napoli, «il discorso del premier è stato molto positivo, così come è stato positivo il fatto che sia partito dal tema degli asili nido e delle famiglia numerose». Plaude al nuove governo anche Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali, che proviene da Liberi e Uguali, lo stesso partito del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Tra le priorità in sanità assunzioni e il disegno di legge sulle aggressioni», sottolinea a Sanità Informazione.

Sui banchi opposti, garantiscono un’opposizione dura ma costruttiva sia la leghista Arianna Lazzerini, relatrice del ddl sul riconoscimento della cefalea primaria cronica, che Maria Teresa Bellucci di Fratelli d’Italia. Andrea Mandelli, presidente Fofi e deputato di Forza Italia, si aspettava di più dal discorso del presidente del Consiglio: «A parte la pace del mondo Conte ha parlato di tutto, mi aspettavo di più. Il tema principale è quello di garantire un finanziamento adeguato al Sistema sanitario nazionale».

Articoli correlati
Attivo il Dossier formativo FNOMCeO, “in automatico” 30 crediti ECM. Anelli: «Inseriti temi trasversali alle professioni»
Il Dossier, spiega il presidente Anelli «intende definire un insieme di tematiche professionali trasversali, di supporto ai professionisti nello svolgimento della pratica professionale quotidiana, che possano contribuire a costruire il portfolio delle competenze del medico e dell’odontoiatra»
«No al federalismo in sanità. Serve una migliore offerta formativa». I chirurghi bocciano le scelte del Governo
Se ne è parlato al workshop promosso dal Collegio Italiano dei Chirurghi e la Società Polispecialistica Italiana dei Giovani Chirurghi (SPIGC): «L'assunzione di medici in formazione determinerà nell’immediato futuro un peggioramento della qualità dell’assistenza offerta»
Vaccini, OMCeO Palermo lancia campagna. Il presidente Toti Amato: «Sicilia ancora sotto la soglia indicata dall’OMS»
Medici e professionisti della sanità si sono vaccinati, accogliendo l'appello del presidente Toti Amato. «Un terzo degli adulti e metà dei bambini con determinate patologie solo così possono evitare complicazioni»
Gli specializzandi ‘bocciano’ 105 scuole e chiedono che anche la loro valutazione incida sugli accreditamenti
FederSpecializzandi: «Quasi 17mila colleghi, su circa 25mila, hanno espresso il proprio parere sulla scuola che frequentano. È un risultato eccezionale che dovrebbe essere utilizzato come elemento di valutazione ai fini dell'accreditamento»
Fake news in Sanità, 1 su 2 ci crede. Prof. Mennini (Ceis-Eehta): «Costi sociali ed economici altissimi»
Mediamente il 60% dei soggetti intervistati nella realtà condividerebbe la fake news proposta anche se solo poco più della metà la ritiene veritiera. Sono i risultati di uno studio finanziato dal Ministero della Salute e condotto dal CEIS-EEHTA, che ha analizzato l'impatto della disinformazione virale in ambito salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...