Politica 9 Maggio 2019 11:59

La sanità nelle Europee 2019. Dalla Lega al Pd: ecco camici bianchi, operatori sanitari e tutti i temi legati alla salute che puntano a Bruxelles

Tra i candidati c’è il medico di Lampedusa Pietro Bartolo (Pd), la fondatrice di “Medicina Legale Contemporanea” Luisa Regimenti e il primario del CTO di Torino Giuliano Faccani. Il Presidente del Parlamento UE Antonio Tajani lancia 10 punti per la sanità in Europa

La sanità nelle Europee 2019. Dalla Lega al Pd: ecco camici bianchi, operatori sanitari e tutti i temi legati alla salute che puntano a Bruxelles

A meno di un mese dalle elezioni europee del 26 maggio che si preannunciano tra le più importanti degli ultimi decenni, tutti i partiti scaldano i motori in vista della fase finale della campagna elettorale.

La salute non è tema strettamente comunitario, ma è chiaro che le decisioni prese a Bruxelles e Strasburgo hanno un peso rilevante anche in questo ambito. Così come rilevanti sono le prese di posizione che in questi anni il Commissario europeo alla Salute Vytenis Andriukaitis ha preso sul tema dei vaccini, ricordandone l’importanza e polemizzando con le forze che compongono la maggioranza di governo in Italia, M5S e Lega, più tiepide sul tema.

In sostanza il compito dell’UE è quello di integrare le politiche sanitarie nazionali, sostenendo i governi locali dell’UE nel raggiungimento di obiettivi comuni, nella condivisione delle risorse e nel superamento delle sfide comuni. Oltre a formulare leggi e norme per i prodotti e i servizi sanitari a livello dell’UE, fornisce anche finanziamenti per progetti in materia di salute in tutto il territorio. Per le questioni relative alla salute i governi nazionali ricevono il supporto di due apposite agenzie. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie valuta e controlla le minacce di malattie emergenti per coordinarne la risposta. Contemporaneamente, l’Agenzia europea per i medicinali gestisce la valutazione scientifica della qualità, della sicurezza e dell’efficacia di tutti i farmaci dell’UE.

MEDICI E OPERATORI DELLA SALUTE IN CORSA PER UN POSTO A BRUXELLES

Anche in questa tornata elettorale, così come era stato per il Parlamento nazionale, non mancano camici bianchi e personalità comunque vicine al mondo della sanità alla ricerca di un posto all’Eurocamera.

Nel Pd spiccano Giuliano Faccani, neurochirurgo, primario del CTO di Torino e candidato nella circoscrizione Nord -ovest e Elena Gentile, pediatra, candidata al sud. Candidato al centro e nelle Isole come indipendente è invece Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa, da sempre in prima linea sul fronte dei migranti, protagonista del film Fuocoammare e delle attività della onlus Sanità di Frontiera. Roberto Battiston, ex presidente dell’Agenzia spaziale italiana, sarà impegnato sul tema della ricerca scientifica, un tema comunque caro anche al mondo della medicina. Anche Elisabetta Gualmini, vicepresidente della Regione Emilia Romagna, volto noto per le sue numerose presenze nelle trasmissioni televisive, porterà avanti tematiche legate al mondo della salute. Il vicepresidente del Parlamento europeo David Sassoli, recordman di preferenze nella passata tornata, ha annunciato a Sanità Informazione il suo impegno in Europa sul tema del diritto dei medici ex specializzandi alla giusta remunerazione e sugli incentivi alla formazione continua.

Forza Italia vede il leader Silvio Berlusconi capolista in tutte le circoscrizioni tranne in quella centrale, dove il capolista sarà il Presidente uscente del Parlamento europeo Antonio Tajani, che recentemente ha annunciato il suo impegno in Europa al fianco dei medici e degli operatori sanitari e ha presentato dieci punti sulla sanità tra cui l’impegno per finanziare nuove tecnologie per promuovere la formazione continua dei camici bianchi. Tra i candidati della circoscrizione centrale c’è Olimpia Tarzia, già consigliere regionale del Lazio e tra le fondatrici del Movimento per la Vita italiano. Nella circoscrizione nord ovest in corsa il medico del lavoro Claudia Toso.

La Lega vede il vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini capolista in tutte le circoscrizioni. Nella circoscrizione centro spicca il nome di Luisa Regimenti, medico legale e responsabile Sanità della Lega nel Lazio. Regimenti è fondatrice di ‘Medicina Legale Contemporanea – Società Italiana Medico Giuridica’, strumento di raccordo tra mondo medico e giuridico e annuncia il suo impegno in Europa per risolvere il tema dei contenziosi medici-pazienti, ormai vera emergenza nazionale.

LEGGI LO SPECIALE EUROPEE DI SANITA’ INFORMAZIONE

Nel Movimento Cinque Stelle le capoliste sono cinque donne scelte dal leader politico Luigi Di Maio: Alessandra Todde per le Isole, Chiara Maria Gemma per il Sud, Daniela Rondinelli al Centro, Maria Angela Danzì nel Nord Ovest e Sabrina Pignedoli nel Nord Est. Tra i candidati punta alla riconferma il vicepresidente del Parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo, che in Europa darà battaglia su temi come i diritti degli ex specializzandi, la formazione Ecm e i contenziosi nel tentativo di «adeguare Italia al resto d’Europa». Tenta il salto europeo anche l’ex iena Dino Giarrusso, attualmente nella segreteria del viceministro Miur Fioramonti, candidato nella circoscrizione isole. Tenta la riconferma Piernicola Pedicini, in passato Fisico medico nel reparto di Radioterapia dell’Ospedale Oncologico Regionale di Basilicata a Rionero in Vulture (Potenza), in Europa molto attento ai temi della sanità. Al centro in corsa l’uscente Dario Tamburrano, odontoiatra romano.

Per +Europa, la lista filoeuropeista che vede insieme i radicali e il movimento del sindaco di Parma Federico Pizzarotti “Italia in Comune” in corsa il messinese Giuseppe Sanò, attivo nell’ambito farmaceutico.

Fratelli d’Italia, che vede Giorgia Meloni capolista in tutte le circoscrizioni, presenta al sud Marcello Gemmato, farmacista e membro della Commissione Affari Sociali della Camera.

Oltre ai principali partiti, tante le liste in corsa: La Sinistra, Europa Verde, Casapound, Forza Nuova, il Partito Pirata, Partito Comunista.

Articoli correlati
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Covid, Regimenti (FI): «Non più obbligo vaccini, ma forte raccomandazione»
Secondo l'europarlamentare azzurra «i vaccini hanno avuto, hanno e avranno un ruolo fondamentale nella guerra al Covid, ma ora è il momento per far cadere ogni obbligo»
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
di Francesco Torre
Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Sanità a rischio collasso, subito quarta dose e assunzioni»
«Tra Covid-19 e fuga dagli ospedali pubblici il personale è all'osso. Rischiamo un autunno drammatico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...