Politica 27 Agosto 2018

Diciotti, Vella si dimette dall’Aifa. «Impossibile tollerare trattamento migranti in territorio che garantisce salute universale»

«Situazione deontologicamente incompatibile con mia permanenza come vertice». Così Stefano Vella in una lettera indirizzata al Ministro Grillo e tutte le autorità sanitarie regionali e nazionali

Immagine articolo

Stefano Vella si è dimesso dal ruolo di presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa): un gesto risoluto per manifestare il suo totale disaccordo per la questione dei migranti della nave Diciotti. «Non mi è possibile tollerare – ha spiegato Vella all’agenzia stampa Ansa – come medico, di presiedere un ente di salute pubblica in questo momento in cui persone vengono trattate in questo modo sul nostro territorio, dove esiste un sistema universalistico di garanzia della salute. Rispetto il ministro Salvini perché ha messo la sua faccia nelle sue decisioni; ritengo che chiunque si opponga debba farlo come sto facendo in questo momento». Con una lettera indirizzata al Ministro della Salute e alle autorità sanitarie, Vella ha preso le distanze da una situazione che reputa «deontologicamente incompatibile» con la sua permanenza come vertice in una delle istituzioni che si occupa in primis di salute.

LEGGI ANCHE: MIGRANTI, FNOMCEO SU CASO DICIOTTI: «GRAZIE AI MEDICI IMPEGNATI: ABBIAMO DOVERE DEONTOLOGICO DI ASSISTERE TUTTI GLI ESSERE UMANI»

«Gli ultimi accadimenti, a partire dalla nave Aquarius fino al pattugliatore U.Diciotti, da giorni bloccato nel porto di Catania con uomini e donne ai quali viene negata la possibilità di ricevere cure che sono indispensabili, e che vivono in una intollerabile condizione igienica e sanitaria, anche in base a numerose e autorevoli testimonianze, compresa quella del Procuratore della Repubblica di Agrigento – scrive Vella nella lettera di dimissioni – espongono il nostro Paese a severe critiche internazionali sul piano umanitario e mettono in dubbio la civiltà di cui siamo portatori».

Tutta questa situazione secondo Vella, rende impossibile lo svolgimento del suo ruolo in qualità di «rappresentante di una istituzione che si occupa di salute, inclusa quella delle persone più fragili e marginalizzate». «Intendo aggiungere la mia voce – conclude – per tenere alto, anche a livello internazionale, l’impegno italiano nel proteggere e aver cura della salute di tutti coloro che vivono o passano sul nostro territorio».

Articoli correlati
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
“L’Europa alla prova del Coronavirus”, nell’ebook di Luisa Regimenti le sfide della sanità e dell’Ue nel post Covid
Nel saggio, scritto durante il lockdown, l'eurodeputata della Lega riflette sul ruolo dell'Unione europea e su prospettive e priorità di rinascita che la pandemia ha reso ormai indifferibili
Migranti, il Viminale requisisce navi e strutture per isolare i positivi al Covid
Arrivano proteste da Sicilia e Calabria per gli arrivi di migranti positivi al coronavirus. Lamorgese procederà a requisire navi e caserme per l'isolamento
Covid-19, Stefano Vella: «Fase 2 con mascherine e rispettando distanze, non sarà come prima. Basta un nulla per riaccendere l’epidemia»
Lo scienziato, ex presidente Aifa, non crede che il caldo aiuterà: «È solo una speranza, non abbiamo evidenze di questo». Poi spiega: «Servirà una rete di sorveglianza sul territorio basata sui medici di famiglia». E ribadisce: «Le mascherine servono, in alcuni Paesi hanno funzionato». L’unica speranza per Vella è «la scoperta di un vaccino che vada a stimolare la produzione di anticorpi neutralizzanti»
Coronavirus, Emergency al lavoro nel Sud Italia: presidi aperti e un video per i migranti
«La mediazione culturale è fondamentale per assicurare il rispetto delle misure di contenimento» spiega Sergio Serraino, responsabile dell’ambulatorio di Castel Volturno per il Progetto Italia di Emergency: «Noi siamo il medico di base per chi non ha il medico di base. E con un tutorial in Pidgin English abbiamo informato chi non parla italiano»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»